domenica 9 dicembre 2018

Pace, amore e gioia infinita: di come io sia risalita dal baratro, ma stia morendo di sonno

Nelle ultime settimane ho ricevuto parecchi messaggi in cui mi veniva chiesto che fine avessi fatto.
Non sono morta, sto bene, sono felice, ma ho sonno. 
Il sonno è -credo- una delle più grandi costanti della mia vita.

Quando l'incubo è finito (qui per saperne di più), io ho iniziato ad essere felice.
Ho ricominciato a sorridere di gusto, ad avere gli occhi pieni di allegria e -soprattutto- sono tornata ad essere me stessa e piano piano è arrivato anche il sonno.
Era un sabato pomeriggio di Settembre quando ho ricevuto il messaggio che da lì a poco avrebbe messo fine a quello che è stato uno dei periodi più bui della mia vita.
Il messaggio diceva più o meno così: "vuoi tornare a lavorare qui?".
Non ho mai fatto segreto di una cosa: nel mio cuore ci sempre stati un canale e una televisione.
Sembra la stessa cosa, ma credetemi che non lo è.
Il canale per cui ho provato più affetto -se non addirittura amore- in vita mia è quello che ho spento col mio ditino storto (qui per saperne di più), mentre la televisione che ho amato di più in vita mia è un'altra. Era un posto bello, dove si lavorava tanto, ma dove si stava bene.
Ai tempi, parecchi anni fa, mi ero trovata nel mezzo di un passaggio di proprietà, a causa del quale tutti i contratti a tempo determinato non erano stati rinnovati.
Avevo accettato la cosa sportivamente, seppur con una lacrimuccia che mi solcava il viso, ed ero andata avanti.
Avevo amato così tanto quel posto che avevo mantenuto un rapporto bellissimo con quello che era il mio capo che, ad oggi, è una delle persone per cui nutro maggiore stima, oltre che affetto di quello bello e sincero.
Quando il canale del cuore aveva chiuso io ero andata a piangere lì, quando mi sono spezzata il ginocchio manco fosse un tarallo pugliese (qui per saperne di più) ero andata lì e via dicendo. È lì che ho imparato buona parte di quello che so e di questo sono sempre stata immensamente grata a tutti.

Quindi insomma, quando mi è arrivato quel messaggio in cui mi chiedevano se volevo tornare a lavorare lì ero felice. Molto felice.
Felice e incredula a dire il vero, non sapevo se davvero sarebbe andata in porto, cosa sarebbe successo e e un sacco di altre cose.
Sono andata a parlare con i miei ex capi, ho rivisto -e abbracciato- i miei ex colleghi, ho respirato serenità. E ci ho sperato.
Erano in pochi a sapere cosa stavo aspettando, le persone che hanno condiviso con me l'attesa si contano davvero sulle dita di una mano.
E poi finalmente, ero a Palermo, stavo per entrare dal parrucchiere ed è arrivata la telefonata.
"Ciao Gilda, vieni domani a firmare il contratto?"
Ho pianto, un pianto liberatorio e infinito.
Poi ho tagliato i capelli cortissimi che ancora mi chiedo come io, che senza capelli lunghi mi sono sempre sentita spiazzata, abbia potuto fare una cosa del genere. 
Quella stessa sera ero a Roma, a casa mia, con un aereo trovato all'ultimo momento e il cuore pieno di felicità.
La mattina dopo, mentre firmavo il contratto, la signora delle risorse umane mi ha detto che mi ricordava con i capelli molto lunghi. Ho sorriso, ho firmato, sono scesa al piano operation, ho abbracciato persone che mi erano rimaste nel cuore, ho chiesto dove fosse l'unica persona che avevo veramente odiato e mi hanno risposto che aveva deciso di andare a fare il pompiere.
"Ci vediamo domani"
"A domani allora".
E da un po' che ogni sera dico "a domani" e lo faccio sempre con la felicità nel cuore.
Sono solo più stanca di prima, più oberata, con meno tempo, ma sto bene e sono felice.
E chiedo scusa al blog e a tutti voi se sono sparita, ma devo solo riprendere il ritmo di un lavoro impegnativo, ma che amo. Tutto qui.
Ho percorso una strada lunga e tortuosa, ma alla fine ho trovato la quadra.


Ah, e nel caso in cui ve lo stiate chiedendo: credo che i capelli li terrò corti fino alla fine dei miei giorni. Per dire, eh.
Next
This is the most recent post.
Post più vecchio

36 commenti:

  1. Che belli questi post pieni di positività e gioia!

    RispondiElimina
  2. Cara Gilda, se stai morendo di sonno!!! Dormi e ritornerai a vivere:-)
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi manca il tempo per dormire :D

      Un abbraccio anche a te Tomaso!

      Elimina
  3. Anche io ho tagliato i capelli! Ma mi hanno già stufata, li rivoglio lunghi...comunque bentornata! E per quanto riguarda il sonno, non sai quanto ti capisco. Peccato che mi venga sonno sempre nei momenti meno opportuni e non quando sono a letto, in pigiama ed è mezzanotte passata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che io invece ,ora che mi sono abituata al nuovo taglio, non voglio più i capelli lunghi? Chissà se cambierò idea!

      Elimina
  4. Tutto è bene ciò che finisce bene

    RispondiElimina
  5. 10 anni fa avevo tagliato i capelli corti e avevo giurato: mai più capelli lunghi. Poi Marito ha cominciato a dire che gli sembrava di avere un uomo in casa. Morale: da due anni li ho nuovamente lunghi. Ogni tanto minaccio il taglio��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche mio marito non era felicissimo di questo taglio, ma pare si sia abituato e che ora gli piaccia :D

      Elimina
  6. Che figata! A volte mi hanno detto che non esiste il lavoro dei sogni, ma se quella frase è vera allora tu ci sei andata molto vicino ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ringrazio di avere sempre fatto un lavoro che amo profondamente...e adesso lo faccio pure nel posto dei sogni, quindi...

      Elimina
  7. Che bello!! Felicissima per te.. ma la cosa davvero importante è... dove è la foto con il nuovo taglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercami su Fb!! Tra le foto in evidenza ce ne sta una con il nuovo taglio (non ti puoi sbagliare, sono in macchina con mio marito e ho una canotta bianca).

      Elimina
  8. Evviva! Sai, quando si semina bene, si raccoglie. Non sempre sappiamo quando, ma si raccoglie, e la tua storia ne è la dimostrazione, quando hanno avuto bisogno di ampliare il personale hanno pensato proprio a te.
    Congratulazioni.
    Anch'io sono passata al capello corto, oltre ad essere più comodo mi sta meglio, in più con le medicine che prendo i capelli sono sempre brutti, per cui più corti sono meglio stanno comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti sono contentissima che abbiano pensato proprio a me :D Non immagini neanche quanto questa telefonata mi abbia reso felice!

      Elimina
  9. Un'energia brulicante in questo post :D Ero passato qualche giorno fa da qui, ma ho pensato che se fosse una ragione valida per la tua pausa quindi non mi sono preoccupato :D
    Complimenti anche per il taglio di capelli!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, c'è una ragione valida e, anche se ammetto che mi dispiace molto per sta cosa, va bene così :D

      Elimina
  10. Beh che dire, se non bravabravabrava. E' sempre bello vedere qualcuno che si realizza facendo quello che ama e che torna a casa la sera stanco, ma felice. Non ci hai detto però per quale televisione lavori e cosa fai? Siamo curiosi..... Non fare la misteriosa :). Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro in media preparation, area operations, a La7 :)

      Elimina
  11. Me lo stavo chiedendo anch'io dove fossi finita, ma saputo ciò è stato meglio così ;)

    RispondiElimina
  12. Bene, bene. Sei riuscita a comunicare un grande entusiasmo e sono molto contenta per te! L'unica cosa che non condivido è il taglio dei capelli, anche se non ti ho mai vista. Non approvo mai i tagli di capelli, così, a prescindere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, io avevo la paglia in testa, capelli sfibratissimi e davvero orribili da vedere e da pettinare. Adesso sono rinati!

      Elimina
  13. Gildaaaa! Mi chiedevo giusto quando avresti scritto un nuovo post :) Felice delle tue scelte, anche quella che riguarda i capelli ♥

    RispondiElimina
  14. Ehi! Auguri Cmq... Ma non dirmi che sei partita per New York senza dire nulla..... Aspetto photos. Io (per la cronaca vado a fine febbraio). Tanti Auguri anche per il nuovo lavoro anche se non ho ben capito la tua mansione. Kisssss. Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari, in realtà sono solo oberata di lavoro!

      Lavoro nel reparto media preparation :)

      Elimina
  15. Ehy... Ho appena letto una tua intervista su internet (https://www.silicon.it/e-enterprise/it-life-tivusat-62273?inf_by=5c31245b671db88b238b46b8). Complimenti! Ho visto che eri responsabile del CRM a TVSAT nel 2013. Dalla leggerezza con cui scrivi e dalle cose - a volte assurde - che ti capitano non l'avrei mai pensato. Touché ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà lavoro a La7 ;)
      È un caso di omonimia e la cosa curiosa è che lavoriamo entrambe nello stesso settore 😅

      Elimina
  16. che gaffe... scusa....
    certo avere un omonima, con lo stesso nome e cognome, che fa il tuo stesso lavoro...... dovreste incontrarvi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ti dirò di più... anni fa ho ricevuto una mail indirizzata a lei in cui parlavano male (giusto per usare un eufemismo) dell'emittente in cui lavoravo io :D

      Elimina
  17. Quando si provano i capelli corti poi non si torna più indietro... e se te li spettini... ciao!!! :D

    Sono davvero felice per te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho detto giusto stamattina che non intendo farli crescere mai più :D

      Elimina