lunedì 13 agosto 2018

Spiaggia di San Teodoro Marsala un anno dopo: come continuare a fare scappare i turisti dal paradiso

La spiaggia di San Teodoro a Marsala -in provincia di Trapani- è la Spiaggia, almeno a casa mia e tra i miei amici.
Era giusto un anno fa che scoprivamo questo angolo di paradiso a poco meno di 100 km da Palermo, la mia città natale.
Ed era un anno fa che quello che avevo scritto su questa spiaggia aveva fatto il giro del web: un post come tanti che però, come a pochi succede, era diventato virale.
Quest'anno io volevo assolutamente tornare alla spiaggia di San Teodoro, stavolta preparata su quello che avrei potuto trovare e altrettanto consapevole che quello che volevo era scrivere un altro post a distanza di un anno.
Lo scenario è sempre lo stesso: Stagnone di Marsala, alle spalle il Monte Erice e di fronte le isole Egadi.




I miei amici mi hanno preso per pazza, hanno pensato che in fondo avrebbero potuto riconoscermi. 
Io invece ero abbastanza certa che non mi avrebbero mai riconosciuta.
Quest'anno la nostra gita alla spiaggia di San Teodoro è caduta a ridosso della settimana di Ferragosto, quindi era necessario prenotare i lettini visto che, secondo me, rischiavamo di non trovare posto.
Ho fatto chiamare il Marito, al quale ho detto di non dare né il suo cognome, né tanto meno il mio, ma un cognome fittizio che non potesse essere collegato a noi.
Al telefono ci è stato detto che due lettini e un ombrellone avrebbero avuto un costo di 40€, quindi 10€ in più rispetto ad un anno fa. Il Marito ha chiesto se ci fosse la possibilità di pagare con il pos e gli è stato risposto che in effetti il pos c'è, ma manca sempre la linea quindi difficilmente si può usare.
"Munitevi di parecchi contanti" è stato il consiglio della persona che ci ha risposto al telefono, una donna, forse la signora che sta al bar, ma non ne siamo certi. "Non portate assolutamente nulla da mangiare e da bere" l'ordine perentorio arrivato subito dopo aver confermato la prenotazione.






Appena arrivati, in tarda mattinata, abbiamo potuto notare un capannello di gente che cercava di passare seguendo le indicazioni per raggiungere l'Isola Lunga dello Stagnone, ma vuoi l'alta marea, vuoi il brutto tempo, vuoi il fischietto mannaro che serve per fare sbrigare la gente il momento è stato difficoltoso un po' per tutti.
Io e il Marito ci siamo guardati e la conclusione a cui siamo arrivati subito è che, ebbene si, dopo un anno non è cambiato un bel niente.
Anzi si, qualcosa è cambiato: i prezzi, che sono sensibilmente aumentati e il divieto categorico di fare qualsiasi foto al lido per motivi di privacy. Pare che qualche brutta persona abbia scattato foto a tradimento e li abbia sputtanati o almeno questa è la versione data a chi chiedeva informazioni.
Un'altra cosa che abbiamo potuto constatare è che, mentre al telefono ci è stato detto che erano disponibili solo lettini da 40€, il cartello con i prezzi -che ho fotografato rischiando probabilmente la vita- indica la presenza di lettini a 30€ di cui però non c'era traccia.
Le altalene, gli scivoli e i servizi igienici hanno un costo a parte di 5€, mentre lo scorso anno erano compresi.
Stando al cartello però questi sono i prezzi relativi al mese di Agosto, non so quindi se l'aumento è per tutta la stagione o solo per Agosto come ho capito io.


La doccia costa 50 centesimi fredda e 1€ calda, in linea con i prezzi dello scorso anno.
Quest'anno ci sono anche dei lettini sull'acqua, quindi se prima si pagava tanto, ma si stava in prima fila, quest'anno si paga di più, ma non si vede il mare.

Se lo scorso anno, io che ho qualche problema con il cibo avevo potuto portare le mie cose (sapete tutti di cosa parlo immagino e se non lo sapete l'ho spiegato qui), quest'anno invece niente da fare. La signora al bar è attrezzata per i celiaci, quindi un allergico grave all'LTP (patologia completamente diversa dalla celiachia) non può portarsi nulla da mangiare e ha due possibilità: rischiare la vita, visto che non sono attrezzati per gestire la contaminazione, o digiunare. Guai a provare ad uscire per mangiare facendoglielo capire perché si perderà il diritto a stare sui lettini profumatamente pagati.
Per altro quest'anno abbiamo visto che c'è un camioncino che fa panini a prezzi bassissimi proprio davanti al lido. Che li prenda in giro?
Il costo di un piatto di pasta consumato al ristorante si aggira intorno ai 25€, un po' meno dello scorso anno, ma se si decide di non sedersi al ristorante del lido pagando profumatamente il pranzo si può usufruire del bar, a patto e condizione di essere trattati come gli ultimi dei poveracci perché oh, tocca mangiare al ristorante. Che poi non so voi, ma io -allergie a parte- se vado al mare non mi ingozzo come un maiale all'ingrasso, né ho voglia di passare due ore seduta a tavola. 

La spiaggia di San Teodoro resta un paradiso naturale pazzesco e, nonostante il tempo in mattinata non fosse bellissimo, regala sempre grandi emozioni.




Ovviamente insieme alle emozioni, esattamente come lo scorso anno, ci sono anche gli insulti e le fischiettate se si vuole passare, se ci si avvicina a qualcosa che non si è preventivamente pagato e quest'anno anche se ci si azzarda a tirare fuori un cellulare per fare una fotografia sui lettini, su scivoli e altalene, al ristorante. In ogni caso, qualcuno che fa ugualmente le foto c'è, me compresa.
Ricordate comunque che: se tirate fuori il cellulare per fare una foto a qualsiasi cosa presente nel lido verrete fischiati, se camminate troppo vicino al lido e non avete pagato un milione di euro verrete fischiati, se respirerete un pochino più forte verrete fischiati, se non vi ingozzerete come maiali verrete rimproverati.
Se avete paura di dimenticare i divieti state tranquilli: ci sono i cartelli che ve li ricordano.




Giusto pagare per usufruire dei servizi, ingiusto essere insultati da mattina a sera quando si vorrebbe solo godere del mare e della spiaggia.
Il paradiso ha un prezzo molto salato, più salato dell'anno scorso.
Che poi lo ammetto: a me è sembrato tutto meno bello dello scorso anno, non so neanche perché, forse è stata l'alta marea, forse il fatto che c'erano parecchie alghe, forse il fatto che siamo andati essenzialmente perché volevo vedere cosa era cambiato (ammesso che qualcosa fosse cambiata e infatti non è cambiato un tubo).
E il prezzo da pagare è anche in umiliazioni perenni. Non a me, eh: io sono ligia alle regole, anche perché ho cercato di mantenere un profilo molto basso, limitandomi ad assistere ai rimproveri che si prendevano gli altri che, mortificati, non sapevamo come reagire.
E oh, vi faccio una raccomandazione: vero che avete pagato per il bagno, ma non andateci troppo spesso che non va bene.

Come lo scorso anno concludo dicendo che i gestori di questo lido potrebbero essere ricchi come il mio amato Paperon de' Paperoni abbassando un pochino i prezzi ed essendo più educati, giusto un pochino basterebbe, ma non riescono a sfruttare la concessione del lido che hanno ottenuto non so neanche bene io come. Come sia possibile che dopo tutte le critiche ricevute non sia cambiato nulla resta un mistero.
Il lido, per essere la settimana di Ferragosto, non era affatto pieno, c'erano diversi lettini vuoti e di sicuro non c'era la fila fuori. E se pensate che io vivo a Roma e in questo periodo la fila c'è a Fregene, io due domande me le farei. Poi, fate voi.


Per leggere il post che avevo scritto lo scorso anno, cliccate qui.

35 commenti:

  1. Risposte
    1. Cavolo, nel cartello non c'è scritto e non ho chiesto 😅

      Elimina
  2. Queste cose fanno capire perché quest'anno sono in vacanza con mia figlia in Messico e non in Sicilia, dove lei non è mai stata benché abbia 20 anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però la Sicilia non è tutta così, questo è un caso particolare ;)

      Elimina
    2. Caro Francesco Questa situazione anomala è assolutamente unica dalle mie parti (sono di Trapani).
      Consiglio a te e tua figlia di venire nella nostra splendida provincia e visitare la Costa tra la riserva di Monte Cofano e Capo San Vito dove puoi trovare Acqua pulitissima spiagge di sabbia o sassi e costa di scogli insieme a persone molto gentili che affittano lettini ed ombrelloni a prezzi molto diversi da quelli di San Teodoro (ombrellone e due lettini €15).
      Trapani Inoltre è una splendida città d'arte e nella provincia ci sono siti come Erice, Segesta, Marsala, Selinunte unici al mondo.
      Se poi sei un amante dei percorsi enogastronomici qui puoi trovare di tutto dal cous cous al vino di qualità

      Elimina
    3. Io amo San Vito, ma in generale mi piace proprio tanto il trapanese :)
      Se fai un giro per il blog trovi parecchie cose a riguardo!

      Elimina
    4. Guarda che i miei sono selinuntini e io ho fatto vacanze estive a selinunte fino ai miei 18 anni. Ma che la Sicilia non voglia bene ai turisti è cosa risaputa

      Elimina
    5. Non tutta però su, ci sono siciliani che i turisti li trattano benissimo 😘

      Elimina
  3. E' vergognoso cio' che fanno e che hanno fatto e mi meraviglio che non trovano un cavillo che possa fargli chiudure questa attività che negli anni ha sempre agito negativamente facendo allontanare i pochi turisti che arrivano dopo il flop Ryanair e lo dico da marsalese in primis e da siciliano rispettoso di questa terra che potrebbe vivere di solo turismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente a chi decide sta bene così, è un peccato!

      Elimina
    2. Scusate ma questo "imprenditore" vive grazie a quelli che il lido lo frequentano, nonostante tutto.
      E allora chi è più stupido?

      Elimina
    3. Motivo per cui ho sottolineato che quest'anno c'era molta meno gente, nonostante fosse la settimana di Ferragosto.
      Forse qualcosa si sta muovendo :)

      Elimina
  4. È una casa circondariale! Aiuto!

    RispondiElimina
  5. Se può "consolare" questi stessi identici problemi si verificano anche sulle coste del catanese; ci son lidi in cui devi pagare per respirare, sbattere le palpebre e devi pure dire grazie ai proprietari. In uno, per esempio (a Fondachello) c'è sì la possibilità di portare il cibo da casa pur essendo presente il "ristorante" e il bar nella stessa struttura, ma è assolutamente vietato mangiare in pedana tant'è che chi ha portato con sè del cibo viene ghettizzato in un angolo sperduto della struttura e sotto il sole cocente.
    Il tutto, ovviamente, con il rischio di fare un tuffo in mare e prendere chissà quale malattia grazie ai problemi con i depuratori di cui tanto Goletta Verde e affini han parlato!!! Sincera? Molti di noi siciliani non meritiamo la Sicilia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Fondachello ne ho sentito parlare come di un paradiso meraviglioso, ma non ci sono mai stata, che tristezza :(

      Elimina
    2. Fondachello era molto bello fino ai primi anni 2000. Tra tanti lidi in cui rilassarsi, locali carini, sagre e serate piene di musica, le estati scorrevano liete e spensierate. Ora invece è un susseguirsi di mare sporco (credo ci siano articoli anche sul giornale la Sicilia, MeridioNews ecc), spiagge piene di ogni ben di dio (io stessa ho avuto la sfortuna di trovare un ago di siringa conficcato nel mio telo mare), parcheggio selvaggio con tanto di strisce blu (messe da ambo i lati della carreggiata, cosa che in teoria è illegale) e rischio di non trovare l'auto o parte di essa,casi di infezioni di vario tipo (da batteri fecali con annesse salmonellosi a infezioni della pelle, passando pure per la candida intestinale) se per sbaglio si beve un poco d'acqua del mare mentre si fa il bagno e tanto, tanto altro.
      Purtroppo in zona chi gestisce il tutto sotto il punto di vista amministrativo se ne frega del fatto che così scappano non solo i turisti ma anche gli autoctoni, portando a una perdita per le casse del comune non indifferente.
      Basterebbero alcune accortezze per rendere quel luogo la Riccione (a livello economico) del sud!

      P.s. scusa lo sfogo ma ste cose mi fan imbestialire..

      Elimina
    3. Non avevo assolutamente idea di questa cosa e mi dispiace molto.
      Io, come te, sono convinta che basterebbe molto poco per trasformare la Sicilia in Riccione (dal punto di vista delle strutture e dell'organizzazione, come mare non c'è storia).

      Elimina
  6. Cara Gilda, le foto sono belle! Peccato che li fanno pagare credo anche l'ombra, purtroppo le speculazioni rimbalzano ogni giorno ce ne una di nuova!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio Tomaso, sperando che prima o poi queste situazioni finiscano!

      Elimina
  7. Cartelloni sinceramente un poco esagerati..

    RispondiElimina
  8. Meno male che abbiamo tanti altri posti bellissimi e senza rogne simili!
    Lì ci sono andata una volta sola e mi sono detta "mai più finché ci sono loro". Beh, ancora aspetto ma non mi manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono un sacco di posti bellissimi, se non fosse stato per il post dell'anno scorso col cavolo che ci sarei tornata ��

      Elimina
  9. Sono almeno 15 anni che conosco il lido e i proprietari.
    È un angolo di nicchia che difendono coi denti da una vita da burocrazia e bàgnanti bifolchi.
    I prezzi sono sostenuti da servizi ottimi - vedi aperitivo in acqua al tramonto - e la squisita gentilezza della padrona di casa per qualsiasi richiesta.
    Hanno in concessione un demanio marittimo che si riempe d'acqua 2 volte al gg, e la gente ne approfitta.
    Buona educazione in qualsiasi lido privato di nn portare cibo dall'esterno, cosa forse incomprensibile ai bifolchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla gentilezza ho qualche dubbio, di sicuro non è gentile apostrofare come bifolco chi ha una patologia mortale e non può mangiare cibo contaminato da allergeni. Capisco che i soldi e il guadagno siano importanti, ma la vita vale molto di più e se il lido in questione non è attrezzato per gestire una patologia come l'allergia all'LTP non si può certo dire a chi è malato di morire 😅

      Elimina
    2. ma per piacere Giorgia Marangon!!! Inoltre chi lo dice che è cattiva educazione portare il proprio cibo in uno stabilimento?? non stiamo parlando di un ristorante. Non credo che ci possa essere nessuna giustificazione di fronte a testimonianze così chiare, da anni tra l'altro.

      Elimina
    3. e poi ce li vedo questi raffinati proprietari che difendono il loro "spazio di natura" dall'orda dei bifolchi. Incredibile. Come se i proprietari di altre strutture ricettive fossero degli inetti solo perché lavorano in modo onesto e gentile. Gilda come fai a rispondere così cortesemente a quel commento?

      Elimina
    4. Barbara inutile rispondere male, anche sul post dell'anno scorso era arrivato qualche amico del proprietario a difendere l'indifendibile.
      Ti basta sapere che sulla pagina Fb del blog un tizio ha scritto che due lettini e un ombrellone ad Agosto costano 14€ nonostante la foto chiara del listino prezzi 😅

      Elimina
    5. scusami… non ho resistito. Giustificare persone che si conoscono è un conto, altro è parlare di gentilezza quando è palese che hanno problemi di gestione arrogante (e con forte propensione a passare il limite) della propria attività

      Elimina
    6. Sai cosa? Probabilmente sono talmente tanto accecati dai soldi e dal fatto che la gentilezza e la buona educazione sia un optional che non si pongono il problema :D

      Elimina
  10. Siamo qui nella adorata Sicilia, veniamo da Roma, siamo in 7. Pensavamo di andare in questa spiaggia ma dopo quello che ho letto stanno bene come stanno. La siciliano è pazzesca da nord a sud, da est ad ovest. senza questi sciacalli campiamo tutti bene lo stesso.
    Adesso cerchiamo subito un altro posto.
    Evviva internet, evviva la condivisione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Internet è sicuramente uno strumento utilissimo 😁
      La zona del marsalese comunque è bellissima, troverete sicuramente qualche spiaggia che fa per voi!

      Elimina