giovedì 1 novembre 2018

Andare a New York: istruzioni per l'uso

Andare a New York è sempre stato un nostro sogno.
Tra noi -il marito e me- e questo sogno c'è sempre stato un enorme ostacolo che bisogna necessariamente tenere in considerazione: io ho il terrore dei voli aerei lunghi.
A dire il vero, da un anno a questa parte, non mi sono neanche troppo tranquilla sui voli brevi: lo so, lo so, penserete che non sono credibile visto che prendo continuamente -o quasi- aerei per andare a destra e a sinistra, ma la verità è che lo scorso anno, mentre volavamo ad Amsterdam, ho pensato seriamente che saremmo morti (qui per saperne di più) e da allora questa sensazione di merda poco piacevole mi accompagna ad ogni volo.

Fatta questa premessa, abbiamo deciso di andare a New York.
Vagliate varie ipotesi e scartati nave e treno per ovvi motivi (sai mai, uno ci prova sempre), l'unica  opzione resta -appunto- l'aereo. Ormai, un volo Roma- New York andata e ritorno si trova a meno di 400€, sperando che alla fine non ci facciano viaggiare in piedi o, se proprio ci dice male, attaccati all'ala, ma si sa: l'ottimismo è il sale della vita.
Bisogna avere il passaporto in corso di validità, quindi -nel nostro caso- è stato necessario cercare di prenotare l'appuntamento in questura per il rilascio di questo benedetto passaporto, cosa che -è il caso di dirlo- è da lasciate ogni speranza voi che entrate (sul sito ovviamente). 
Non so se sia così ovunque, ma per riuscire a trovare una data libera è stato necessario appostarsi davanti al monitor del pc, osservando il sito della Polizia di Stato, e pregare. O, a seconda dei casi, mandare maledizioni, scegliete voi.
Il costo totale è di 116€ e il passaporto vale dieci anni.
Dopodiché, è necessario richiedere l'Esta. Occhio che, quando si compila la domanda è necessario inserire il numero di passaporto, quindi se non lo si ha non si può fare. Tocca rispondere a delle domande su malattie e crimini commessi in pratica, io mi sto ancora chiedendo se qualcuno ha mai risposto "ho il colera, mi hanno rifiutato dieci volte il visto per gli Stati Uniti, i genocidi sono il mio passatempo preferito e ovviamente intendo restare lì da voi più di quanto mi sia permesso", ma tant'è.

Prenotato il volo, fatti il passaporto e l'Esta direi che si è già a metà dell'opera.
A questo punto direi che serve un hotel, un appartamento, insomma un posto dove dormire.
Io non so se avete idea di quanto sia grande New York, quindi ecco, trovare una posizione comoda a tutto credo sia impossibile. Direi quindi di scegliere in base al portafoglio e al sentimento, non mi viene in mente un consiglio migliore. I vari siti tendono a fare presente la distanza dal centro, ma non si capisce bene cosa intendono per centro: per qualcuno di questi è Times Square, per gli altri il centro è Manhattan. Tutta Manhattan. 87 km quadrati.

Secondo i nostri calcoli servono almeno quindici giorni per visitare New York.
Conoscendoci, sarebbe meglio anche qualcosina in più, ma ecco: non abbiamo a disposizione un milione di giorni di ferie l'anno, quindi tocca fare una scelta.
Cosa vedere a New York?
Credo ci sia proprio l'imbarazzo della scelta.
Quando andavo alle medie, la prof. di lettere ci fece realizzare un progetto che prevedeva una sorta di gemellaggio tra Palermo, Londra e New York, con un focus su una serie di cose interessanti delle tre città. Per New York avevano scelto le Torri Gemelle e, ai tempi, ripetevo sempre che un giorno sarei andata a vederle: avevo undici anni, poi è arrivato l'11 Settembre 2001 ed è cambiato tutto, però una capatina a Ground Zero secondo me va fatta.
A noi interessa anche vedere Central Park, Times Square, il ponte di Brooklyn, SoHo, China Town e Little Italy, Wall Street (dite che mi faranno entrare?), la Statua della Libertà, Coney Island, l?Empire State Building, il Moma, il Rockfeller Center e un sacco di altre cose.


Il marito poi vuole fare shopping che, si sa, lui è un po' fissato. Non che io sia da meno, ma al momento il mio obiettivo principale, da questo punto di vista, è il negozio M&M's, quindi capirete che non sono esattamente io quella che attenterà alla salute del nostro conto corrente.

Per il momento credo sia tutto, vediamo se nel frattempo riuscirò a farmi passare la paura di volare.
Next
This is the most recent post.
Post più vecchio

24 commenti:

  1. Sono davvero contento che tu sia riuscita a fare questo viaggio, viaggio che meritavi e che spero ti sarai goduto appieno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo ancora farlo in realta,ma siamo contentissimi ❤

      Elimina
  2. sono stato a NYC nel 2004, tre giorni se non ricordo male. era un viaggio premio, quindi a caval donato non si guarda in bocca. però mi sono rimaste in sospeso le tante cose che non ho visto

    RispondiElimina
  3. Ma quando vai che nn ho capito dal post. Ma pensavi di volare con Norwegian? Se posso darti un consiglio lascia perdere, per risparmiare 100 euro ti becchi ritardi, servizi scadenti, sedili stretti. Non vale la pena, se vuoi risparmiare stai meno giorni. Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vado non lo hai capito perchè non l'ho scritto 😁

      Cmq no, non voliamo con Norwegian!

      Elimina
  4. Punto primo. Massima invidia.
    Punto secondo. Maledetto Amsterdam. Il non marito da giovincello girava in lungo e in largo l'Europa in aereo poi in un viaggio ad Amsterdam ha trovato turbolenze e ha giurato che se fosse rimasto vivo non avrebbe mai più preso un aereo.. Ma si puo!!!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi è colpa di Amsterdam? Io ho giurato che non ci tornerò mai più per quello 😅

      Elimina
  5. P.S. ma tu puoi mangiare gli m&m's?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, almeno in Italia, contengono tracce di frutta a guscio. Però li amo talmente tanto che erano la bomboniera del mio matrimonio!

      Elimina
  6. Wow, che figo! NY ha sempre il suo fascino.io ci sono stata 5 anni fa e vorrei tornerci presto. Quando andresti? Un saluto. Maila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il conto alla rovescia è bello lungo,mancano mesi 😂😅

      Elimina
  7. Mai stata a New York ma è uno dei miei prossimi obiettivi, quindi ho preso nota di tutto...sicuramente prima che vada io farò in tempo a leggere il tuo post su come è andata a New York!

    RispondiElimina
  8. Interesting!!! Ciao, potresti darmi qualche altra "istruzione" sul volo? Con che compagnia aerea vai, dove l'hai prenotato? Hai preso un appartamento o vai in hotel? Quanto hai speso? Che budget hai previsto?
    Grazie delle dritte. Silvya

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono ottime offerte, con Alitalia, su Pirati in viaggio.
      Meglio l'hotel secondo noi.

      Il budget credo sia soggettivo nel senso che noi abbiamo considerato anche shopping sfrenato e tante cene e divertimenti vari!

      Elimina
  9. Taaanta invidia! (però mi sa che devo assentarmi più spesso, sto trovando belle notizie).
    Per la paura di volare ti capisco, a me l'ha fatta venire un signore che aspettava il volo vicino a me e mi raccontava di come una volta una poveretta stesse soffrendo così tanto gli sbalzi di pressione che urlava di dolore e voleva scendere nonostante l'aereo fosse ormai ben alto 😖

    RispondiElimina
  10. NY adoro. Ho ricordi importanti lì. Le torri gemelle le ho viste e ci sono salita. Se chiudo gli occhi possa ancora vedere da quei finestroni e anche dall'esterno. Ricordo l'emozione. Ci sono tornata dopo l'11 settembre, che piangere. Quel buco nero, i drappi neri sui grattacieli semidistrutti le foto Delle persone scomparse, i fiori, era sera quindi c'era un silenzio irreale. Ci sono tornata quest'anno. Abbiamo fatto scalo, avevamo qualche ora a disposizione e abbiamo voluto far vedere a Miciomao questa grande e potente metropoli. Invece di girarla a piedi come facciamo di solito, avendo poco tempo a disposizione ci siamo spostati in metro. Siamo andati al rockfeller center, Central Park, abbiamo scarpinato un sacco, ground zero e siamo arrivati in riva per far vedere la statua della libertà da lontano al nostro piccolo. È una città emozionante. Una città caotica ma con angoli suggestivi. Per noi che siamo cresciuti guardando film americani ambientati lì è tutta una scoperta. Anche i posti dove abbiamo alloggiato negli anni scorsi, ne avrei da raccontare. ;)
    Vi auguro un soggiorno spettacolare pieno di cose belle

    RispondiElimina
  11. Noi ci dobbiamo andare dal 2007 ma ancora nulla. Complice anche il fatto che ora siamo in 4 e dunque sono 8 biglietti aerei da sborsare (glom).
    Goditi questo viaggio, davvero, deve essere meravigliosa *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quattro secondo me diventa impegnativo, non solo per i biglietti :D

      Elimina
  12. Tutti a NY quest'anno!
    Anche noi andiamo e anche io sono un po' in apprensione per il volo, perchè sarà il primo spostamento lungo per i miei figli,con cambi, tempi morti bagagli e tutto il resto.
    Sugli itinerari non ho molte idee, io ho una lista di musei (che quasi sicuramente non visiterò), una di cose su cui non salirò nemmeno morta e poco altro, non so perchè ma di NY mi attrae l'atmosfera e non ho in mente posti specifici.
    Del resto, nel nostro caso non vale nemmeno la pena programmare troppo, perchè sarà una tappa breve di un giro un po' più ampio.
    PS lo so che Roma è Roma e magari dico una sciocchezza, ma anche a me davano temi lunghi per prenotare l'appuntamento per i passaporti dei bimbi (che scadono prima che te ne accorga), poi, un po' scorata sono passata dalla questura e l'addetto mi ha detto che, in realtà, se ti presenti allo sportello te lo fanno, ormai, mi ha detto, prendono tutti l'appuntamento e finisce che aspettano di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso puoi avere il passaporto "a vista" (servono comunque cinque giorni almeno) solo se puoi giustificare la cosa con una partenza urgente e inderogabile, cosa che però non è il mio caso.

      Sulle liste: io le faccio sempre, ovunque vada, salvo poi modificarle in corso d'opera!

      Elimina