giovedì 18 gennaio 2018

Storia di un plagio

Qualche settimana fa ho trovato un blog identico al mio.
O meglio, quasi del tutto identico: stessa grafica, stesse foto, stessi post. Identici, parola per parola, ma solo fino al mese di Novembre. 
Sono entrata nel panico e ho chiesto aiuto, con le lacrime agli occhi.
Il Marito, quel saggio uomo, ha osservato attentamente il blog clone del mio e si è accorto che era davvero tutto identico, fatta eccezione per il nome dell'autore dei post. Non NonPuòEssereVero, ma un nome e un cognome che, ovviamente, non erano i miei.
Nel frattempo, anche delle ragazze a cui avevo chiesto aiuto per capire cosa stesse succedendo, si erano accorti dello stessa cosa (qui trovate qualcosa sulla sera che ho scoperto tutto).
Ho respirato e ho iniziato a fare degli screen di tutto, pagina per pagina. Ci ho messo un bel po', lo ammetto.


Facciamo un passo indietro.
Un paio di mesi fa mi ero resa conto che i dati del mio blog non erano miei.
Cioè, teoricamente si, lo erano e lo sono, ma praticamente non ero l'unica ad avere accesso a quei dati, cosa di cui non ero al corrente.
I dati di questo blog -e non solo di questo- vengono monitorati attraverso due strumenti: Google Analytics e Google Search Console
In soldoni, il primo strumento, ovvero Analytics, serve per vedere quante persone visualizzano i contenuti del blog, come queste persone si muovono all'interno del blog, chi sono, cosa fanno e da dove vengono.
No, giuro, non rubo segreti industriali all'insaputa degli ignari lettori, ci mancherebbe. 
Sono dati generici, attraverso i quali io posso sapere -che ne so- che mi leggono più persone tra i trentacinque e i quarantaquattro anni, dall'Italia, di sesso femminile.
C'è anche una funzione che amo e che ho ribattezzato pallini: ogni volta che qualcuno apre una pagina del blog, si accende un pallino sul mappamondo, in tempo reale. In questo modo, sto imparando la geografia, oltre a gasarmi come un'idiota quando si accendono tanti pallini in contemporanea. Ognuno ha i propri problemi, me ne rendo conto.
Il secondo strumento, la Search Console, serve per capire con che parole chiave la gente arriva sul blog ed è altrettanto divertente, considerato che alcune ricerche sono -oserei dire- curiose (qui per farvi un'idea).
Insomma, un bel giorno, curiosando qua e là, avevo notato che il sito proprietario dei dati di NonPuòEssereVero non era NonPuòEssereVero, ma un sito mai sentito prima.
Studiando, chiedendo, informandomi mi ero accorta che non ero l'unica a poter accedere a quei dati.
Sulla Search Console questo fantomatico proprietario -che non ero io- era stato verificato, a mia insaputa, attraverso il pannello di gestione DNS del dominio del blog. 
Non entro nel merito di cosa sia un DNS, anche perché dubito davvero che sarei in grado di spiegarlo, ma ecco: io dovrei essere l'unica ad usare come proprietaria queste cose, anche perché ho poche cose mie e NonPuòEssereVero è una di queste.
Per riappropriami in toto di ciò che era mio, quindi dei dati del mio blog, ci ho messo un paio di giorni, aiutata e supportata da amici e conoscenti perché, ecco, una cosa che posso dire è che io non sono davvero mai sola e di questo ringrazio chiunque mi abbia dato una mano.
La storia era finita lì, ma non l'avevo presa benissimo.

In tutto questo, il Marito era lì accanto a me quando cercavo di trovare una soluzione al furto di dati, soprattutto quando mi hanno detto -cosa che non sapevo- che esiste un mercato di questo tipo di dati che, a quanto pare, alcune persone rivendono a caro prezzo.
Non so se sia il caso dei miei dati, ma il tarlo mi è venuto.
Non so neanche cosa se ne possa fare qualcuno di dati del genere, ma tant'è.
Insomma, il Marito era lì con me sul divano quando mi sono accorta, per caso, dell'esistenza di questo blog clone ed è stato lui che di solito è un uomo pacifico e tollerante che mi ha guardata e mi ha detto: "Gilda, denuncia". Lo ha detto serio, serissimo perché ecco, lui sa quanto ci tengo e, in fondo, so che ci tiene anche lui.
E io ho iniziato a cercare di capire cosa fare, come denunciare, a chi rivolgermi. E a fare gli screen perché insomma, serviranno delle prove, no? In televisione servono sempre le prove, giusto? 
Ho poi scritto un post sul mio profilo Facebook personale per dire che il mio blog era stato clonato. Magicamente, la mattina dopo, il clone era stato rimosso che è già qualcosa, ma la mia sete di giustizia non si è mica calmata, anche perché mica mi piace essere presa in giro.
(Si, sete di giustizia l'ho scritto perché mi piace l'espressione, giuro che non intendo prendere a pistolettate nessuno).
Se vi state chiedendo se sappiamo chi è stato la risposta è si, abbiamo un nome e un cognome che altro non sono ciò che abbiamo trovato nel blog clonato come autore dei post.
Si, abbiamo verificato: il clone del blog e l'altra storia sono collegate tra loro.
Se i dati che abbiamo saranno sufficienti per far si che il plagio non resti impunito sinceramente, ad oggi, non lo so. Me lo auguro vivamente, lo spero, voglio crederci, ma non lo so.
Sono un sacco le cose che non so, ma ce n'è anche qualcuna che so.
Quello che so è che ci sono rimasta male, mi sono sentita derubata, Davvero, eh.
La maggior parte dei post di questo blog sono estremamente personali, ci sono dentro i miei sentimenti, le mie sensazioni, le mie emozioni.
Ci sono il mio matrimonio, i miei viaggi, le mie allergie, mio marito, i miei genitori, i miei cani, i miei amici. Tutta roba mia. Forse non sarà la vita più bella ed emozionante al mondo quella che racconto su queste pagine, ma è la mia, solo mia e di nessun altro.
Questo blog è un contenitore di cose, fatti e persone e non solo: è la mia creatura, tutta mia, solo mia. L'ho già detto che qui dentro è tutto mio?
Anzi, qualcosa di non mio c'è e sono i vostri commenti, diamo a Cesare quel che è di Cesare.

Un'altra cosa che dice sempre il Marito è che mi fido troppo di tutti, che non mi rendo conto che non tutti sono buoni. Credo abbia ragione, questa storia -al di là di tutto- mi è servita da lezione.
Abbiamo sempre da imparare, sempre.


Che poi, io avevo anche spiegato, con calma e gesso, perché non si copiano i post (qui), quindi mi è sembrato proprio il colmo trovare copiato il blog per intero.

38 commenti:

  1. Che storiaccia Gilda! Hai tutta la mia solidarietà :* [per quel che vale!] :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere la solidarietà di qualcuno è sempre bello ;)

      Elimina
  2. Conoscevo la tua storia del blog clonato ma posso dire che leggendo qui i dettagli mi è salito un nervoso nero!!
    Ma perché la gente è così? Ma perché tutto sto lavoro per fregare gli altri non lo dedicano a costruire qualcosa di bello e che sia veramente loro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ieri sera, mentre scrivevo questo post, mi sono innervosita anche io ripensandoci?
      Comunque già, ci vuole molto meno a creare qualcosa di proprio che non a copiare...e da molte più soddisfazioni!

      Elimina
  3. Chi ha fatto questo ha una vita triste. Tu, nonostante tutto, continua a vivere serena la tua e scrivi, sopratutto. Non smettere

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello spero di farlo sempre, scrivere mi fa stare bene 😘

      Elimina
  4. Incredibile che ci siano persone che copiano PER INTERO un blog senza pensarci due volte... e pensando di non venire scoperte! Davvero triste e sono contenta che questa sia stata smascherata... e speriamo anche punita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo Claudia, voglio essere fiduciosa, anche se in Italia è dura esserlo da questo punto di vista :D

      Elimina
  5. É l'identica sensazione di quando entri in casa e sai che ci sono stati i ladri...è terribile. Quindi ben venga la sete di giustizia, senza pistola, ma punire è secondo me indiapensabile!

    RispondiElimina
  6. Mi spiace!! So che è successo anche ad altre blogger. Ma non ho capito, chi ti ha copiato il blog è qualcuno che conosci?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Nia, non un amico, ma una persona che conosco (e in cui riponevo anche fiducia da un punto di vista professionale).

      Elimina
  7. devo trovare il tempo per leggere questo post per intero, ma è una vergogna!!
    hai tutto il mio appoggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è una vergogna, chissà se il responsabile ha provato anche solo per un attimo una cosa del genere :(

      Elimina
  8. Cioè tutto il blog? assurdo davvero, ma poi perché? Allucinante proprio...fai bene a chiedere giustizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto il blog fino al post "Heading to Amsterdam". Poi non so se ha smesso di copiare per un motivo in particolare o perché non ne ha più avuto tempo/occasione...

      Elimina
  9. Mi sono innervosita come un cane a cui tolgono l'osso solo a leggere quello che ti è successo, non posso quindi immaginare come ti sia sentita tu. Quindi chi l'ha clonato non era per dire una società che per qualche oscuro motivo fa queste cose, ma una persona con un nome e un cognome che fa queste cose per un motivo ancora più oscuro. Pazzesco.
    Anni fa ero stata vittima di un episodio simile quando un tizio in Inghilterra a cui sono poi risalita si era appropriato del mio indirizzo email e aveva mandato messaggi a tutta la mia rubrica dicendo che ero in viaggio e che ero stata derubata, con le istruzioni per farmi avere dei soldi per tornare a casa. Mi ero sentita derubata, quindi ti capisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una persona fisica, non un'azienda. Per altro, chi ha usufruito dei miei dati e chi ha clonato il blog è la stessa persona, quindi è evidente che fosse una cosa premeditata :(

      Ma come si è risolta la questione con il tizio? 😱😱😱😱

      Elimina
  10. È una storia brutta che da blogger mi ha messo un po' di ansia. Scrivere richiede tempo, ed è molto spesso come hai detto, uno slancio emotivo personale. È brutto che qualcuno pensi si possa appropriare di pezzi di vita altrui così.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio brutto, forse non hanno una vita propria, chi lo sa :(

      Elimina
  11. Anche io uso Google analytcs (anche se nessuno avrebbe il coraggio di copiare me 😂)) ma ancora non mi so orizzontare in questa piattaforma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ancora ho tanto da imparare su Analytics, non sono proprio un'esperta (a parte i miei amati pallini 😂).

      Elimina
  12. Madonna che ansia. Non ho capito bene né come questo tizio abbia fatto a copiarti il blog né come te ne sei accorta, ma è una cosa gravissima. Davvero, non ho parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il motivo non lo so Simo:(
      Me ne sono accorta perchè controllando gli insght della pagina Fb (cosa che non faccio mai) ho visto che avevo ricevuto una visita da una url con un nome molto simile al blog (www.nonpuoesserevero01.blogspot.it), mi sono incuriosita, sono andata a guardare e ho scoperto l'inghippo...

      Elimina
  13. Chi copia in modo così spudorato dev'essere molto triste e molto piccolo, e più ci penso meno riesco a vederne un motivo sensato. Solo tristezza e piccolezza, ecco.

    E comunque ho trovato un nuovo passatempo: la funzione pallini di Google Analytics! Mi hai aperto un mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La funzione pallini è una delle cose più belle che esista, io passerei le ore a fissarla!

      Elimina
  14. Assurdo. Nn ho parole. Mi dispiace

    RispondiElimina
  15. credo che nessuno possa capire come ti senti... ma almeno ti siamo vicini e spero tanto che questa brutta esperienza non ti faccia passare la voglia di scrivere perche il tuo blog - quello vero, e qui evito facili giochi di parole - e' un appuntamento fisso, e' bello vedere che lo curi e lo alimenti sempre con ironia e contenuti, con la tua vita e non lo hai abbandonato dopo un anno come fanno il 90% delle persone! quindi grazie!
    ps. spero che ti emozioni vedere che si accende il pallino di Dubai quando ti leggo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura grazie, mi hai scritto delle parole meravigliose, sai?

      Ps. Non so se è un caso, ma prima c'era un pallino su Dubai!

      Elimina
  16. sarà opera della Casaleggio&Associati

    RispondiElimina
  17. Che nervi! Non so come funziona, ma spero che questi casi siano denunciabli e risarcibili...ecchecavolo!

    Tempo fa mi ricordo che era successo a un blogger molto famosa, quindi Gilda, guardiamo il lato positivo: nonostante la bassezza di intenti, è quasi un complimento! (bastardi comunque e sempre!) :D

    Ma visto che conosci la persona, l'hai anche affrontata direttamente?



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è stato consigliato di non avere più alcun contatto con questa persona, per evitare problemi :)

      Elimina
  18. Certo che la realtà supera la fantasia... Io mi ero trovata un paio di post e delle foto copiate e avevo segnalato al Sig. Google che ha rimosso. Copiare un blog e i dati... Non si finisce mai di imparare hai ragione.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me era capitato di trovarmi un paio di post (con relative foto) copiati, quello credo che purtroppo sia una cosa da mettere in conto quando si decide di scrivere qualcosa e metterla in rete, ma qui siamo proprio all'assurdo... :D

      Elimina
  19. 😱😱😱😱 Ma che senso ha copiare il blog di qualcun'altro???
    Spero che questa faccenda si risolva al meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il senso non lo so, per quanto mi sforzi di capire non ci arrivo 😅
      Speriamo bene!

      Elimina