mercoledì 28 dicembre 2016

E infine la TAC

[Disclaimer: non leggete questo post se non avete letto questo e quest'altro altrimenti non capite un tubo].
Alla fine, ho fatto la TAC. Che ecco, io non ci volevo andare da sola a farla, ma hanno pensato bene di anticiparmi l'appuntamento facendo saltare l'accompagnamento.
C'erano tante signore carine in sala d'aspetto che cercavano di rincuorarmi che tanto non è niente, mentre il reparto era ancora chiuso perchè avevano si anticipato gli appuntamenti, ma li avevano inseriti durante l'ora di pausa causa festa di Natale.
"Attività sospese dalle 13 alle 14" recitava il cartello. Alle 14.05 un donnone enorme -e quando dico enorme, fidatevi che era enorme- ha sfondato la porta e fatto presente che erano le 14.05, buttando all'aria pandori e panettoni e facendo tornare sulla retta via il personale medico intento a gozzovigliare.
Ecco, lì ho pensato che forse era il caso di darsi alla fuga, ma un infermiere mi ha recuperata tirandomi per l'orecchio e portandomi dentro la stanza delle TAC.


"Togli collane, piercing, jeans"
Tolgo collana, piercing e jeans.
"Metti il grembiule che pesa 96 kg"
Metto il grembiule che pesa 96 kg che non ho manco capito a cosa servisse visto che poi hanno dovuto toglierlo.
"Infermiere, ma se c'è qualcosa di brutto me lo dite subito?"
"Si, adesso sdraiati e stai tranquilla"
Non che fossi troppo felice di vedermi passare un tubo addosso.
"Trattieni il respiro, adesso respira, ora smetti di respirare".
Poi ho visto, attraverso un vetro, medici raggrupparsi intorno ad un monitor. E lì mi è preso lo sconforto.
"Non si vede bene, ci vuole ancora un pò"
"Cosa non si vede bene?"
"Chiamate il medico"
"Ma che succede?"
"Niente, adesso è tutto finito, puoi rivestirti"
"Scusate, ma c'è qualcosa?"
"Hanno visto una massa"
MASSA. M-A-S-S-A. MASSA.
Che io non so voi, io sarò anche ipocondriaca, ma a me l'infermiere che mi dice che hanno visto una massa e hanno sentito il bisogno di chiamare altri medici non è che mi ha fatto sentire troppo bene.
"Scusate, ma mi dite cosa c'è?"
"Devi attendere che guardano bene tutte le immagini, potrebbe essere una massa tumorale".
Sono uscita piangendo disperata, ma una disperazione che credetemi io non ve la so spiegare.
Ho chiamato mia madre e le ho detto: "Mamma, ti prego venite a Roma a Natale, magari è l'ultimo Natale che possiamo passare insieme"
E mia madre -col cuore in gola- ha chiamato la clinica, hanno cazziato l'infermiere e si sono fatti spiegare da lei tutta la mia storia clinica che io gli avevo già spiegato, ma forse non avevano capito. O forse sono io che non mi so spiegare.
Con Lui ho fatto finta di niente, ma dopo sei anni insieme, mi sa che un pochino mi conosce.
"Hai la voce strana" e io sono scoppiata a piangere e ho riferito.
Per tutto il giorno la parola massa ha risuonato nella mia testa e infine Lui si è inventato una soluzione.
Sapete, io sono l'eterna indecisa.
Chiedetemi cosa voglio mangiare a cena e vi dirò che non lo so. Datemi due alternative e vi dirò che ci devo pensare e quando, dopo tre ore, me lo richiederete io vi chiederò se posso avere un pò di entrambe le cose, che tanto ancora non ho deciso. Faccio così con un sacco di cose.
Lui questo lo sa. "Visto che stai morendo, fai una lista di quello che ti vuoi portare nella tomba" e mi ha dato un post-it giallo e una penna.
Gina, la borsa Louis Vitton che tanto ho voluto e che tratto come una figlia.
Arabella, la mia mucca di peluche che ho da sempre e che ho dovuto riportare a casa dei miei perchè Fuffi ha provato ad ucciderla.
Il vestito nero di paillettes, quello da Drag Queen che resta il mio vestito preferito di sempre anche se non lo metto più perchè è troppo corto.
L'orologio, che io senza il mio orologio -lo stesso Sector da 14 anni- sono incapace di fare qualsiasi cosa.
Gli occhiali sia da sole che da vista.
Un barattolo di Nutella, sai mai.
"Amore, ma non ti puoi portare tutta questa roba"
"Io non posso scegliere. E comunque non ho finito"
Fuffi, che io senza Fuffi come faccio?
"Fuffi non lo puoi portare"
Sono passate ore. Ore a fare questa lista e, quando ho finito, alla massa non ci pensavo più.
Sono passati i giorni, le ore, i minuti. E nessuno ha chiamato.
Poi abbiamo chiamato noi.
"Signora, se era una massa e c'era il sospetto di un tumore, l'avremmo chiamata di corsa" hanno detto a mia madre.
Queste parole sono arrivate lo stesso giorno di queste altre di cui avevo parlato qui
E' passato Natale, abbiamo ritirato il referto che è stato visto dal medico. 

Pare che sopravviverò. Pare che debba solo curarmi, ma che in fondo non morirò a breve.
Seccante, doloroso, lungo, ma non è una massa tumorale.

E io vi chiedo scusa, chiedo scusa a chi sta molto più male di me ed è un leone perchè io sono stata una pecora. Ho avuto paura.
Ho sentito la parola massa e ho smesso di ragionare.
E adesso non parliamone più, adesso non c'è più niente da aggiungere. 
Ho l'ascendente in leone e sono incline al melodramma, non è colpa mia. Però una decina di persona le ho fatte ridere quando ho raccontato della lista che ho scritto.
Rideteci su anche voi che domani inizia una nuova avventura e tocca essere belli carichi.


18 commenti:

  1. Cara Gilda, passato il Natale ora dobbiamo prepararci per finire in bellezza l'anno vecchio!
    Ciao e buona notte cara amica con un forte abbraccio, e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui siamo prontissimi per l' anno nuovo.
      Tanti sorrisi per te :)

      Elimina
  2. In bocca al lupo cara !!! Mannaggia che paura !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paura vera Mimma, giuro.
      E intanto: crepi il lupo 😘

      Elimina
  3. ...non devi scusarti...
    chi ti legge non può che essere felice del tuo stare bene, e sapere che la pecorella che sei vivrà in salute mooooolto a lungo ancora, è una cosa natalizia a dire poco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice 😍
      La pecorella prima o poi diventerà leone, mi serve solo un pò di tempo 😊

      Elimina
  4. Ecco..meno male che hai scritto il post altrimenti aspettavo ancora stasera e poi domani ti scrivevo per sapere. Anche io sono ipocondriaca quindi ti capisco, meno male che tutto e` ok!! che spavento pero`!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L' ho scritto apposta :)
      C' era tanta gente preoccupata per me ed era giusto così.
      Tra l' altro, sarò stupida, ma tra questo e il lavoro, ho ricevuto tanti gesti d' affetto che dire che mi avete resa felice è poco 😘

      Elimina
  5. In bocca al lupo! E non scusarti, immagino che spavento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il lupo e si, tanto spavento, ma proprio tanto 😘

      Elimina
  6. Sei stata coraggiosissima! Io ho pianto disperata in ambulatori medici per molto meno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      (Anche se devo confessare che anche io ho pianto per molto meno)

      Elimina
  7. Che spavento D: e che cretino l'infermiere!
    Comunque meglio così! Puoi festeggiare serena l'arrivo del nuovo anno.
    Un bacio e auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, proprio un idiota!
      Comunque si, sarà un grande inizio, speriamo il 2017 sia un grande anno!
      Auguri 😘

      Elimina
  8. Mi hai fatto venire un magone leggendoti, mi sono immedesimato un sacco, mi dispiace tantissimo, ti abbraccio virtualmente e ti faccio un'inifinità d'auguri e che questo periodo di m**da passi il prima possibile!

    Rob.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai è tutto alle spalle, sarà un grande inizio di 2017.
      Tanti auguri anche a voi 😘

      Elimina
  9. ero sola quel giorno. Non ero preparata perché doveva essere una normale visita e invece due giorni dopo entravo in dalla operatoria ma ti comprendo, la parola "massa tumorale" non ha smesso di echeggiarmi in testa sino all'anestesia! Sono felice che tutto sia andato bene. Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dico niente. Mi limito ad abbracciarti virtualmente.

      Elimina