venerdì 14 febbraio 2020

San Valentino: orsacchiotti che abbracciano cuori e cuori che abbracciano orsacchiotti

San Valentino.
La festa degli innamorati.
I Baci Perugina.
Cuori.
Orsacchiotti che abbracciano cuori.
Cuori che abbracciano orsacchiotti.
Rose rosse a forma di cuore.
Pasta -corta, che a me manco piace- a forma di cuore.
Cene di coppia, percorsi benessere di coppia, abbonamenti in palestra di coppia (giuro, è vero).
Lanci con il paracadute di coppia, tatuaggi di coppia.
Il compleanno di mia nonna.


San Valentino mi fa pensare al compleanno di mia nonna.
Lei era innamorata della vita, nonostante la vita fosse stata davvero stronza con lei.
Era rimasta vedova giovanissima, con due figli e un'attività da mandare avanti. Aveva fatto le valigie e si era trasferita dal paesello alla città.
Mia nonna ha sempre lavorato, come segretaria, sapeva fare di conto molto bene e aveva la cosiddetta bella grafia, quella che adesso non insegnano più.
Ad un certo punto, era morto pure suo figlio -il suo figlio preferito perché non è vero che i genitori non hanno figli preferiti e mia nonna ne era la prova- all'improvviso, alla stessa età, della stessa cosa e lo stesso giorno, anche se di un mese diverso, di suo marito.
Era talmente innamorata della vita che si era rialzata di fronte all'ennesima battaglia che la vita le aveva messo davanti, finché -cinque anni dopo- non aveva perso la guerra, una guerra atroce che se l'era portata via in cinque mesi e diciassette giorni.
Era follemente innamorata di suo marito, non ha mai smesso un attimo di parlarne, anche se ha trascorso più di metà della sua vita senza di lui.
Ho un anello con un rubino enorme, rosso come i cuori di San Valentino, che era di mia nonna. L'ho praticamente sempre al dito, insieme alla sua fede nuziale.

Se penso all'amore penso a mia nonna, che era nata il giorno degli innamorati e che amava follemente la vita.
Io, al suo posto, avrei mollato per molto meno.
Io, in effetti, ho mollato spesso per molto meno.
L'amore, per lei, era cucinarti il tuo piatto preferito, togliere la buccia alle melanzane, tagliare sottili le patate per fare la frittata perché se sono troppo grosse non sono buone allo stesso modo, era farti un regalo che tanto desideravi all'improvviso, era cederti il suo letto e dormire sul divano, era farti trovare un regalo da parte di qualcuno che non c'era più per non farti sentire la mancanza, era sferruzzare per farti una sciarpa e stirarti i calzini, che -insomma- chi è che stira i calzini ormai?
Niente orsacchiotti che abbracciano cuori e cuori che abbracciano orsacchiotti insomma.


Su San Valentino ho scritto un altro post che si chiama 50 Sfumature di San Valentino e che trovate qui.



18 commenti:

  1. mi piacciono i meme che girano su san valentino. ora te ne mando uno

    RispondiElimina
  2. Cara Gilda, per San Valenti, i meme circolano sempre, il mio è San Valentino, tutto l'anno!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ecco, meglio i compleanni....oggi un giorno che mi ricorda solo che sono single.

    RispondiElimina
  4. L'amore dimostrato sinceramente, come ha fatto tua nonna,è amore allo stato puro.

    RispondiElimina
  5. Grande donna, tua nonna. Di sicuro hai preso molto da lei ♥

    RispondiElimina
  6. Bello questo post! Spero di essere ricordata..un giorno lontanissimo..come tu ricordi tua nonna <3

    RispondiElimina
  7. Anche io se penso all'amore penso a cose come quelle di tua nonna: il piatto preferito, un pensiero inaspettato, una porta sempre aperta, un orecchio sempre pronto, anche ad ascoltare il silenzio, una rinuncia momentanea per fare stare bene l'altro, la voglia e la pazienza di trovare sempre un punto di contatto anche nei conflitti più accesi, la forza di guardarsi dentro e fuori.
    Noi festeggiamo 25 anni insieme quest'anno, e nessuno orsacchiotto è mai stato maltrattato per un nostro anniversario ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore credo proprio sia questo ed è bellissimo ❤

      Elimina
  8. quanto hai ragione, uno dei gesti più teneri di mio marito è mettere un rotolo di carta igienica nuovo nel "mio" bagno la sera se si accorge che sta per finire "così se ti svegli di notte non devi correre a cercarlo". Ogni volta che mi succede e vedo quel bel rotolo lì che mi aspetta io so di essere felice

    RispondiElimina