sabato 24 agosto 2019

Come cambia la vita con le allergie alimentari

Io me lo ricordo quando mangiavo la Nutella.
Mi ricordo quando, all'uscita della scuola media, prendevo sempre il cono pistacchio, stracciatella e cioccolato imbottito nella gelateria della mia amica Jenny.
Mi ricordo le crostate crema pasticciera e fragole del Pastry Shop.
Mi ricordo la prima -e ultima, a dire il vero- volta che ho assaggiato la Cherry Coke. Ero a Londra con la scuola, un mese dopo sarebbe cambiato tutto, ma io ancora non lo sapevo.
Mi ricordo quando mangiavo. Mangiavo e basta, senza chiedere, senza dire mai di no.
Io mangiavo tutto. E mangiare mi è sempre piaciuto.


E poi, ricordo quel giorno: era un sabato pomeriggio, avevo mangiato tantissimi Ferrero Rocher e poi ero andata al supermercato con mia nonna. Ero tornata piena di bolle, non smettevo di grattarmi, mi era cambiata la voce, il labbro era gonfio. 
La corsa al pronto soccorso, la prima diagnosi sbagliata e poi quella domanda a mia madre: "Signora, ma non sa che sua figlia è allergica?". No, non lo sapeva. Non lo sapeva nessuno a dire il vero.

Avevo quattordici anni. Nove giorni dopo ne avrei compiuti quindici.
Oggi ne ho trentatré e sono serena, mangio fuori, viaggio (qui per saperne di più), ho un lavoro che mi piace, degli amici. Ho una vita tutto sommato normale e, perché no, anche abbastanza felice.
Vorrei dire che è sempre stato così, che non ci sono mai stati periodi bui, ma sarebbe una delle più grandi bugie della mia vita.
Abituarsi a non potere mangiare determinate cose è difficile, cambia la dieta, cambia il modo di alimentarsi. Abbiamo imparato a leggere le etichette, ma c'è stato un periodo in cui non avevamo idea di cosa fossero le tracce, non conoscevamo la dicitura "potrebbe contenere tracce di" che ormai è la prima cosa che vado a cercare quando intravedo un prodotto che potrebbe essere ok. L'abbiamo imparato quando un "potrebbe contenere tracce di" che non avevo letto mi ha mandata per direttissima al pronto soccorso, senza passare dal via.

Con le allergie alimentari, cambia il modo di fare la spesa di tutta la famiglia (qui per saperne di più): fatevi dire da mia madre di quando, ragazzina, ho stanato una ciotola piena di albicocche nascosta nell'armadietto di un bagno dove non entravo mai: avevo sentito l'odore da metri e metri di distanza, manco fossi un segugio. Da quel momento, non sono mai più entrati in casa cibi proibiti.
Cambia il modo in cui ti guardano gli altri che, ad un certo punto, smettono di invitarti a cena perché sei -per usare un francesismo- un dito al culo: e questo no, e quell'altro neanche, e quella padella forse potrebbe essere stata usata per cucinare quello, forse quell'altro, va bene che è stata lavata, ma che ne sai. E allora, ad un certo punto, semplicemente smettono.
C'è l'imbarazzo, almeno quando sei adolescente: quell'imbarazzo di guardare i tuoi amici mangiare una torta al compleanno di qualcuno mentre tu puoi solo guardare. Guardare e non toccare. E poi nemmeno baciare qualcuno che quella torta l'ha mangiata.
Cambia il modo in cui si gestiscono le relazioni: "Senti scusa, volevo dirti che se vuoi stare con me devi essere pronto a portarmi al pronto soccorso in ogni momento, queste sono i miei auto-iniettori di adrenalina, no non si fa nel cuore come in Pulp Fiction e io evidentemente non sono Mila Wallace; a proposito, volevo dirti che se mangi qualcosa di proibito poi non mi puoi baciare e, a dire il vero, dovresti evitare anche di toccarmi. Che dici? Proviamo a stare insieme?".  Tanta roba se non scappano. E succede. Oh, se succede.
Immaginate la scena: avete diciassette anni e siete con un ragazzo, magari vi piace, a lui piacete, siete ad una festa, sta per scattare il bacio, quel bacio che magari aspettate da mesi e poi, mentre siete li li, al posto del bacio scatta la domanda: "Scusami, potresti dirmi cosa hai mangiato? No perché sai, se hai mangiato questo o quello (segue elenco infinito che magari quel poverino manco se lo ricorda se ha mangiato o meno tutta quella roba) non possiamo". A diciassette anni può essere terribile, eh. 
Cambia quindi che molti se ne andranno, molti non capiranno e vi spezzeranno il cuore. E, a dire il vero, non me la sento di biasimarli.
Cambia anche -giuro- che se mai lascerete qualcuno non vi verrà rinfacciato -che so- di quella volta che aveva rinunciato al torneo di calcetto per stare con voi. No, vi rinfaccerà di non avere mangiato la Nutella per tutta la durata della relazione (giuro, mi è successo).
Cambia che spesso vi passerà la voglia di uscire perché non trovate un posto adatto, cambia che fare la spesa diventerà un incubo. Cambia che mangerete quasi sempre le stesse cose, quanto meno se siete poliallergici come me.
Cambia che vi verrà voglia di qualcosa che non potete assolutamente mangiare: io vivo con una perenne voglia di Nutella che solo raramente viene sostituita da voglia di gelato al pistacchio o alla nocciola, fragole o spremuta d'arancia. 

Arriverà anche il momento in cui qualcuno vi dirà che date fastidio, che dovete stare a casa vostra (qui per saperne di più) e farà male. Brucerà tantissimo perché non l'avete scelto voi e probabilmente ne avreste anche fatto volentieri a meno.
Vi abituerete a passare molto tempo in ospedale, per i day hospital (qui per saperne di più) o, peggio, in pronto soccorso. Se vi dice bene, non verrete mai intubati, ma potrebbe succedere. E se succederà, imparerete che la vita è un bene preziosissimo da difendere con le unghie e con i denti.

Io, che ho visto la mia vita cambiare tantissimo, ho però sempre detto che non tornerei indietro
Non cambierei questa vita con quella vecchia, quella in cui potevo mangiare tutto e non solo quattro cose in croce. Non sarei io, non mi riconoscerei perché si, la mia vita è cambiata, ma adesso va bene così e non vorrei niente di più di quello che ho adesso. Nutella a parte, si intende.

Nb. Io sono un soggetto poliallergico grave a LTP. Nel tempo, ho sviluppato allergia a tantissimi cibi. Non ho mai intrapreso un percorso di desensibilizzazione perché i medici hanno ritenuto non ci fossero i requisiti. 

Qui ho raccontato del perché, secondo me gli allergici non hanno vita facile.

37 commenti:

  1. Qualche fidanzata fa lei era allergica ad un antibiotico

    Quando lo assumevo se facevamo sesso lei finiva al pronto soccorso

    RispondiElimina
  2. Qualche fidanzato fa lui era allergico alle tic-tac.

    Se le assumevo e subito dopo gli praticavo una fellatio il suo organo diventava rosso e pieno di bolle.

    RispondiElimina
  3. Cara Gilda, se dobbiamo mettere sulla bilancia, tutto ciò che è cambiano, io non saprei scegliere.
    Tutto sommato oggi la vita mi sembra direi più facile di un tempo.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Non credevo fosse così tanto invasiva, sì è una brutta gatta da pelare, ma le tue parole mi rasserenano, la vita è sempre vita ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considera però che io sono allergica in modo grave a tantissime cose. Per alcuni alimenti ho reazioni solo con l'inalazione ;)

      Elimina
  5. Scommetto che hai lasciato tuo marito perché hai scoperto che faceva giochini erotici a base di Nutella con la fruttivendola. :)

    RispondiElimina
  6. E che poi viene il nervoso degli intolleranti che diventano allergici al bisogno. Non ha certo una vita facile. Almeno non sei allergica ai cani dai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nè ai cani nè ai gatti per fortuna!

      Elimina
    2. Io conosco degli intolleranti divenuti celiaci, che poi nel dubbio vanno in ristoranti vegani, ai quali io personalmente sono allergico. Un casino insomma

      Elimina
    3. In questo caso, si parla di patologie vere...

      Elimina
  7. Capisco come tu possa incutere terrore negli inesperti :) :( ma il tuo atteggiamento è il migliore da assumere: o ci convivi o ti suicidi in grande stile scolandoti una magnum di Nutella (meglio della candeggina, direi).
    Ma può capitare che un'allergia così come si presenta possa andarsene, o il sistema immunitario fesso resta allertato per sempre? (però se così fosse come te ne accorgi? ci sono troppe cose che non afferro ancora)
    Pure io a causa della sordità ho vissuto situazioni poco simpatiche... vabbe', sono passate, altre ne verranno e passeranno. E con Mila come va?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'inizio di questa "avventura" a mia madre avevano detto che le allergie, così come erano venute, se ne potevano andare, ma di fatto sono solo aumentate finchè non hanno detto "Signora, si rassegni, non se ne andranno".

      So però che, in alcuni casi, bimbi allergici alle plv, col tempo sono stati bene :)

      Mila è una delinquente 😂

      Elimina
  8. Che bello sei tornata a parlare di cani e di allergie! :)... Ma quest'anno niente vacanze in Sicilia? Giada

    RispondiElimina
  9. Giusto, quest'anno lavori, che poi se non ricordo male non dovevi andare a NY? Io le ho fatte a Luglio: Corsica. Te la consiglio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche gli altri anni lavoravo, semplicemente quest'anno ho usato moltissimi giorni quando è morto mio padre e altri ne dovrò utilizzare per una serie di faccende burocratiche legate alla morte di papà, quindi -visto che non ho giorni di ferie infiniti- a qualcosa ho dovuto rinunciare ;)

      Elimina
  10. cosa vuol dire plv?
    appena fatto prove allergiche a mio figlio. gocce sulle braccia ok e cerotti sulla schiena e qualche reazione c' è stata. Non abbiamo ancora il referto però.
    Lui si grattava fino a scorticarsi braccia e ginocchia. da quest' anno anche schiena, gamba. un incubo. si gratta fino a sanguinare ma non ha mai avuto reazioni quali bolle e gonfiore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proteine latte vaccino :)

      I patch io non li ho mai fatti, so che sono tremendi 😅

      Elimina
    2. Risultato sensibilizzare al cromo e cobalto

      Elimina
  11. sono sopportabili, se li ha tenuti lui 2 gg si può fare. 3 /4 reazioni le ha avuto vedremo a cosa tra una settimana.
    ma tu come hai scoperto a cosa sei allergica, con esame del sangue?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho avuto una reazione grave ai Ferrero Rocher, da lì ho fatto i miei prick e i miei primi rast, ma ho avuto indicazione di non togliere alimenti che non davano reazione per ovvi motivi. Man mano sono stati tolti gli alimenti che davano reazione e ogni circa sei mesi ripeto i test sul sangue.
      Non faccio più i prick da anni perché mi davano reazioni anche gravi che, ad un certo punto, si è deciso di evitare :)

      Elimina
  12. Io sono celiaca da un paio di mesi, che non é la stessa cosa, me ne rendo conto, ma ho capito che alla fine é una questione di adattarsi e mi pare di capire che tu ci sia riuscita benissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dai, direi che dopo quasi vent'anni sono riuscita a trovare la quadra :)

      Elimina
  13. Mi ha turbato più di tutti la reazione delle persone che ti sono state accanto, molto più delle tue allergie.
    Io sono stata per anni con un ragazzo diabetico - non è allergia ma pure lì un sacco di accorgimenti alimentari ed iniezioni -. Per me non è MAI stato un problema: invece di andare al sushi all u can eat, andavamo in una steakhouse, mi ha insegnato a misurare la glicemia e fare l'insulina, una volta mi ha perfino svegliato alle quattro di notte per cucinargli due uova sode.
    Non so... nelle relazioni - di qualunque tipo - si scende a compromessi, lui non l'ha scelto tu non l'hai scelto... un tizio che ti rinfaccia di non aver mangiato nutella hai fatto bene a lasciarlo e se gli amici smettono di invitarti a cena mi domando che amici fossero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho conosciuto mio marito a 24 anni e lui mi è sempre stato accanto nel modo giusto, successivamente ho avuto un altro compagno che dire che sia perfetto da questo punto di vista è dire poco. Ma a 20 anni non sempre è così :)

      Elimina
  14. Ciao, ti consiglio due blog sulle allergie, molto interessanti. www.vivereconleallergie.it e www.sonoallergica.it. Facci un giro. Ciao

    RispondiElimina