domenica 5 marzo 2017

Ho un ginocchio rotto e mi viene da ridere

Il ginocchietto è rotto. Rottissimo, distrutto, andato.
Non me l' hanno detto, ma secondo me stavano pensando di amputarlo.
Qualcuno sosterrà pure che io sia stupida, ma ecco, alla dodicesima lastra in mezzora, ho capito che sto ginocchio proprio bene non stava.
È arrivata un' infermiera tanto carina, ha afferrato la mia sedia a rotelle e mi ha portata in sala gessi.
"Adesso mettiamo il gesso che il ginocchio è messo proprio male".
"Gesso in che senso?"
"Dobbiamo ingessare, ma tranquilla che non ti ingesso tutta".
Non so che intendesse con non ti ingesso tutta visto che sto benedetto gesso parte dalla coscia e arriva alla caviglia. E io non ho neppure lo smalto sulle unghie dei piedi, cosa per la quale sarà necessario provvedere quanto prima.
"Chi ti aspetta fuori?"
"Ehm, nessuno"
"E come sei venuta?"
"Ehm, coi mezzi"
"Con un ginocchio in queste condizioni?"
"Ehm, sta messo tanto male?"
"Malissimo, hai qualcuno da chiamare?"
"Si, sa Fidanzato e genitori sono lontani, ma ho qualcuno"
Quel qualcuno, fida compagna di classe e amica dal lontano 1999, è arrivata in venti minuti, con tanto di leggins enormi mimetici perchè i miei jeans avevano fatto una brutta fine. E comunque sta moda dei jeans skinny deve finire che poi ti rompi un ginocchio, ti ingessano e, nella migliore delle ipotesi, non ti entrano più. Nella peggiore, te li tagliano direttamente.
Io comunque quando sono stata riportata nel micro monolocale ridevo, ma proprio di brutto.
La verità è che io rido quasi sempre e sta storia del ginocchio mi fa ridere parecchio.
In primis perchè ho passato tutta la mia vita a prendere in giro Madre e Fidanzato perché loro, dovete sapere, nel corso della vita hanno avuto gesso ovunque. Chili di gesso. E io, da bravo gallo cedrone che fa chichirichi, mi sono sempre bullata: "Io non mi sono mai rotta niente, figuriamoci mettere il gesso". Eccola là, si dice a Roma. Devo imparare a tacere.
Poi perchè a me avevano raccontato la storiella che ormai se qualcuno si rompi mica lo ingessano. "Al massimo mettono un tutore". A me invece super gesso, tutore più avanti. Ventincinque giorni di gesso, se tutto va bene.
Che poi, perche venticinque e non trenta per fare conto pari?
Il ginocchio andrà quasi sicuramente operato, dico quasi perchè sai mai che cambiano idea. 
Non dimentichiamo, quando ridiamo a crepapelle per la questione, che per rompere una rotula, di norma, bisogna prenderla quanto meno a martellate. E io giuro che non mi sono presa il ginocchio a martellate. 
"La rotula non si rompe mai" dicevano. Mentivano anche stavolta.
E infine, teniamo bene a mente che, con stupore di tutti, io con la rotula rotta ci ho anche camminato. O certo, non  poggiavo la gambina per terra, saltellavo piangendo e lamentandomi con mia madre al telefono, ma comunque ci sono andata in giro. Adesso capisco perchè le vecchiette volevano cedermi il loro posto sui mezzi pubblici.
Insomma, sarà che io affronto tutto ridendo che tanto piangersi addosso non serve, ma ieri sera ridevo come una matta.
Ad un certo, una mia amica mi ha detto: "Ma possibile che ti sei rotta un ginocchio e ridi?"
"E che devo fare? Piangere?"
Che poi fa anche ridere che questi gessi moderni che secondo loro sono più leggeri in realtà pesano tantissimo, ma non ci si può disegnare e scrivere perchè il gesso è sotto,ma sopra ci sta una sorta di fasciatura. Per tenerlo fermo, dicono.
Io ricordo bene che i miei amichetti che si spezzavano i gomitini cadendo dagli alberi o le gambine pattinando avevano dei bellissimi gessi pieni di scritte colorate. E io invece ho il gesso farlocco.
Scusate, ma lo trovo ingiusto e sono certa che sarete d' accordo.
E immagino che siate anche d'accordo che con me non ci si annoia mai: insomma, ne ho sempre una e stavolta ho superato anche me stessa.
Ah, a proposito: quando facevo le punture a Fidanzato -quelle per evitare trombosi e affini che andrebbero fatte sulla pancia- l' ho preso in giro perchè "Ma dai, a trent' anni non vuoi le punture sulla pancia, ma te le devo fare sul braccio? Ma che sarà mai una puntura sulla pancia!"
Le punture io chiaramente me le sto facendo fare sul braccio che quando ho sentito pancia stavo per svenire, ma questo è un dettaglio.
Gli ho anche detto qualcosa tipo: "Ma che sarà mai camminare con le stampelle? Sembra così facile". 
Stamattina un' altra amica con padre al seguito mi ha portato le stampelle. 100 km ad andare e 100 a tornare, forse pure qualcosina in più, per portarmi ste cavolo di stampelle che ieri, quando sono uscita dall' ospedale, era tutto chiuso e non c' era modo di comprarle da nessuna parte.
Le ho messe sotto braccio, ho guardato i presenti -amica, padre e compagna di classe dal 1999 venuta a farmi da infermiera- e ho detto: "Ok, e ora?".
Mi hanno fatto il corso accellerato di camminata con le stampelle, a me è venuto male a tutti i muscoli del mondo e niente, ho capito che la prossima volta è meglio che stia zitta.


E quindi io rido col mio ginocchietto, il mio gesso duro da morire (mi hanno comunque fatto notare che un gesso mollo non si è mai visto) e voi, mi raccomando, non ditemi che vi dispiace o cose simili. Ridete anche voi che, ecco, sono oggettivamente un cartone animato.
Io intanto cerco di capire se mai riuscirò a farmi una doccia con il gesso. No, vero?



26 commenti:

  1. Tranquilla imparerà i a camminare con le stampelle e a fare la doccia senza bagnare il gesso.A tutto c'è rimedio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio imparare subito.
      E voglio anche farmi la doccia subito. 😁

      Elimina
    2. Allora per la doccia ti vengo in aiuto io. Infila la gamba in sacco nero della spazzatura e poi chiudi la parte superiore (quella dove hai infilato la gamba!) con dei giri stretti di pellicola per alimenti. Il gioco è fatto. Io ho usato il sistema quando mi sono rotta la gamba (il piede è venuto anni dopo tranquilla che non mi faccio mancare nulla!) per 50 giorni e funziona. Se hai dubbi fai un giro con lo scotch da pacchi sulla fine della pellicola. Auguri (ti chiamerò affettuosamente "disaster" )

      Elimina
    3. "Disaster" direi che mi si addice a pennello :D
      Comunque venerdì provo a fare la doccia con mamma, ho anche paura ad entrare nella vasca a dire il vero :(

      Elimina
    4. Paura? Con il generale a tre stelle accanto? Vedi di non farti sentire...

      Elimina
  2. Io rido! Adoro come prendi la vita tu!

    RispondiElimina
  3. Un vecchio adagio polare dice: "Gente allegra il ciel l'aiuta", auguri di pronta guarigione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il cielo non mi aiuta tantissimo eh, ma sorrido lo stesso 😁

      Elimina
  4. LOL ;)
    Comunque per la doccia con il gesso io coprivo la gamba ingessata con i mega bustoni dell'immondizia, e funzionava alla grande :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena sarò in compagnia ci proverò..da sola ho paura 😢

      Elimina
  5. Tu un momento tranquilla mai eh? Comunque, se vuoi ridere anche delle mie disgrazie, anni fa mi sono rotta malamente la schiena, mi hanno ingessata dal collo alle anche (pazzi furiosi) e siccome mi sembrava di soffocare mi hanno aperto un oblò sul petto. Morale: sono stata una LAVATRICE per due mesi. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti prego Simo, regalami un sorriso mandandomi una foto da lavatrice 😂😂😂😂

      Elimina
    2. Sono quasi certa che non esista nemmeno una foto del periodo. E se mai fosse esistita di sicuro è stata distrutta! 😁😁😁

      Elimina
    3. Io però me la meritavo la foto 😓

      Elimina
    4. Se vuoi ti faccio un disegno :)

      Elimina
    5. Guarda che ti prendo sul serio!

      Elimina
  6. No ma è incredibile!! E non ti sei accorta di nulla??!
    Io comunque non mi sono mai rotta niente :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono accorta dei dolori fortissimi, ma del momento in cui si è spezzato (per fortuna) no :)

      Elimina
  7. Ma dimmi te come si fa a rompersi una rotula e non accorgersi ed essere sola a Milano....e come fai ad andare al lavoro?
    Per me c'è qualcuno invidioso della tua felicità e te le manda e sai come si rode perché non riesce a scalfire il tuo ottimismo...
    Minchia però stiamo ancora al gesso, non possono inventare qualcosa di più moderno che ha la stessa funzione ma puoi almeno lavarti senza fare incappucciamenti osceni?
    Ho visto sui giornali un gesso in un materiale blu simil plastica con i buchi per i bambini quando si rompono un braccio.
    Per ora non ho mai rotto nulla , nel caso voglio il gesso....lilla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo i medici è possibile perchè il dolore era si lancinante, ma per come si è rotta secondo loro, ci sta che io a caldo non me ne sia accorta. Certo dovevo correre a fare le lastre quando ho iniziato a sentire male, ma non potevo perchè non avevo modo di lasciare il lavoro.
      Io a lavoro volevo anche andarci, ma mi hanno detto che devo stare immobile e, in più, se sto in piedi con le stampelle mi diventa nero il piede causa circolazione :( mi hanno detto che è normale, ma a me questa cosa da parecchia ansia.
      Comunque questo gesso è sicuramente diverso da quello che mettevano un tempo, ma è scomodo e non posso muovermi.
      Io preferirei il gesso fucsia a quello lilla, ma mi hai dato un' idea 😁

      Elimina
  8. Ma quando ti sei rotta il ginocchio scusa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so come si sono cancellati sia il mio commento di risposta, sia il tuo :(
      Comunque io ho iniziato ad avere dei dolori pazzeschi, sono andata a farmi vedere (forse troppo tardi rispetto a quando sono iniziati i dolori) e niente: frattura della rotula :(
      Non sono caduta nè ho preso botte particolari, ma la spiegazione dei medici è che la rotula sia uscita e nel muovermi si sia fratturata...

      Elimina
  9. Curios_ita ha detto...
    Beh, vedila così, 25 giorni sono velocissimi! Praticamente meno tempo di quello che intercorre tra un ciclo e l'altro!
    E un altro aspetto positivo: non è estate :)
    Auguri di pronta guarigione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciamo perdere che mi hanno dato l' appuntamento pe4 togliere il gesso con visita orotopedica e mi hanno detto: "Signorina però lo sa che non è detto che glielo togliamo, lo sa?" :D

      Elimina