venerdì 23 giugno 2017

Vegetariani si diventa (rischiando il divorzio)

Vegetariani non si nasce, si diventa. E fin qui, immagino che saremo tutti d'accordo.
Amo follemente mio marito, altrimenti non lo avrei sposato. E anche qui, immagino saremo tutti d'accordo.

Io, notoriamente persona pacifica e affettuosa, do di matto quando si parla di cibo.
Mi infastidisce il fatto che non posso mangiare quello che voglio, che non posso scegliere e che sono stata obbligata ad eliminare dalla mia dieta una quantità abnorme di alimenti se non voglio morire (qui trovate la spiegazione).
No davvero, io non mi do pace: a volte ci penso meno, a volte me lo dimentico, ma di base io invidio chi può mangiare tutto. E questo lo sanno tutte le persone che mi circondano.
Siccome sono una persona pacifica, come dicevo sopra, non esprimo giudizi su chi fa scelte alimentari etiche -che per altro rispetto- anche se, sotto sotto, non me lo spiego come si possa deliberatamente decidere di rinunciare a qualcosa visto che io sono stata costretta e la vivo male, malissimo, in modo disperato.

Due settimane fa, Fidanzato ormai Marito mi ha guardata seria e mi ha detto che doveva parlarmi.
Non lo fa mai. No, non il parlarmi, il guardarmi serio.
Ho sposato un cazzone e ne sono consapevole, quindi mi sono preoccupata.
Pensavo che volesse il divorzio dopo neppure due mesi di matrimonio o che fossimo diventati improvvisamente poveri e dovessi rinunciare a investire stipendi interi su Aliexpress.
E invece no. Con tutta la calma del mondo lui mi guarda e mi dice: "Ma sarebbe un problema se volessi diventare vegetariano?"
"Ma certo che no amore mio, ci mancherebbe"
"Ah meno male, pensavo la prendessi male"
"Ma no figurati"
"Amore mio, cuoricini, bacetti, tanto amore"
"Scusa, ma perché?"
La motivazione non me la ricordo più, casomai chiedetela a lui.
Io da quel momento, con il pc ho iniziato a cercare su Google ricette vegetariane e con il cellulare avvocato divorzista. Ah, benedetto Google.
"Però non lo dire a tua madre per il momento e manco alla mia che magari non la prendono bene"

Chiaramente quando ho sentito mia madre al telefono le ho detto: "Tuo genero ha deciso di diventare vegetariano". Lei, serafica, mi ha risposto: "Ma se le verdure non le mangia".
Quando ho visto mia suocera invece le ho comunicato: "Tuo figlio ha deciso di diventare vegetariano".
"A casa mia non ci viene a mangiare. Ma da chi si è fatto convincere?" mi ha risposto.
"Ah non lo so, il figlio è tuo, comunque tranquilla: io tortellini e lasagne continuo a venirle a mangiare da te, lui facesse come gli pare".


Ed è quindi iniziata l'avventura vegetariana di casa nostra con somma gioia del cane che è verdura dipendente (traditore, è solo un traditore) e somma disperazione della sottoscritta che non sa che cucinare.
E mi è tornata la mente alla nostra prima cena fuori insieme -era il 20 Marzo 2011- quando, all'arrivo di uno stupendo piatto di salumi e formaggi, lui mi aveva guardata e mi aveva detto indicando quei bellissimi prosciutti e salami: "Puoi mangiarteli tutti tu, a me i salumi non piacciono".


Del fatto che dopo dieci giorni mi abbia anche proposto di andare a correre ne parliamo un'altra volta, eh.

31 commenti:

  1. Sto ancora ridendo. Sai che anch'io non mangio più la carne?! Sono due anni ormai.Vivo benissimo e il solo pdore mi nausea. Non è stata assolutamente una questione di etica ma bensì di gusto.A me la carne, insaccati non piace e ho scoperto valide alternative.
    Un bacione
    La Fra
    http://www.dreamswithlafra.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mangio qualsiasi cosa il mio corpo sopporti. Credo che se non avessi le allergie peserei 200 kg 😁😁😁😁

      Elimina
  2. Cara Gilda, ogni stagione, ci sono gli alimenti adatti io mangio di tutto purché faccia bene.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacerebbe mangiare tutto :)
      Un abbraccio grande!

      Elimina
  3. In realta' se tu hai delle allergie a certe cose e lui e' vegetariano la cosa forse e' positiva per te... cosi' entrambi avrete delle restrizioni e c'e' piu' solidarieta'! Io con certi amici vegani in realta' mi trovo da dio perche' si va a litigare assieme nei ristoranti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono allergica a quasi tutto, mangio pochissima roba, non posso essere solidale con chi fa queste scelte 😁

      Elimina
  4. Un uomo che ti dice "i salumi non mi piacciono PUOI MANGIARLI TUTTI TU" me lo sposo subito, seduta stante, ho già le fedi!
    Comunque vegetariano è abbastanza fattibile, penso che uova, latticini, ecc li mangi no? Vegano è una rottura di scatole. Ce la potete fare :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, mangia sia latticini che uova, ma l'ho detto che i formaggi non gli piacciono? 😁😁😁😁

      Elimina
  5. Anche io non sono grande amante dei salumi e negli anni ho eliminato moltissimo la carne. Imparerai a fare tanti cereali e legumi, a trovare alternative e vedrai che sarà anche divertente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Legumi e buona parte dei cereali sono assolutamente banditi da casa mia: mi mandano in ospedale in shock nel giro di trenta secondi 😁

      Elimina
  6. Ho rinunciato facilmente alla carne, ho trovato valide alternative veloci da cucinare, anche mio figlio è vegetariano, ma io agli insaccati non riesco a dire no, non ce la faccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono uguale: ad un buon prosciutto crudo o alla 'Nduja farei fatica a rinunciare per sempre 🙂

      Elimina
  7. Tu hai tutta la mia stima, perché l'idea di non poter mangiare qualcosa, mi disturba moltissimo.
    Quindi hai anche tutta la mia solidarietà perché farei fatica a gestire una quotidianità con qualcuno che volontariamente rinuncia ad una categoria di alimenti, soprattutto se dovessi cucinare anche per lui.
    Mi piace mangiare vegetariano, vengano, crudista e chi più ne ha più ne metta e non discuto le scelte etiche o di gusto altrui, ma io mangio tutto quello che sta fermo per un tempo abbastanza lungo da consentirmelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai centrato il punto: io non concepisco chi rinuncia volontariamente a determinati tipi di cibo. Purtroppo per amore si fa questo ed altro :D

      Elimina
  8. Io sono nella stessa situazione ma a parti inverse: il mio moroso adorante di carne e pasta ed io ora a dieta posso mangiare praticamente solo pesce e verdura, con qualche deroga per il riso. Se non fossi obbligata, non ce la farei proprio! Ammiro il tuo ragazzo per la sua determinazione! (e te per la pazienza!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si è obbligati è diverso, è molto più semplice 😘

      Elimina
  9. io sono vegetariana da molti anni, cosi' i miei figli e il mio compagno (che pero', prima di essere allergico, mangiava pesce).ho sempre amato carne e pesce, non e' stato facilissimo ma sin da piccola non riuscivo proprio a venire a patti con l'uccidere gli animali, nonostante tutto nei miei sogni mi capita di mangiare carne e svegliarmi con l'acquolina...capisco lo sconforto da allergie, per un periodo di qualche mese ho avuto questo problema con la bambina piccola che allattavo e mi sembrava di impazzire (no uova, no lattosio, un girone infernale)
    . in comenso ho molti amici carnivorissimi con cui mai un attrito (ci mancherebbe) ma ancora non concepisco che si possano amare gatti e cani e poi mangiare pecore e maiali.
    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Banalmente io vengo a patti con il mangiare animali (cercando di prediligere determinati tipi di allevamento) perchè l'alternativa è uccidere me stessa e sono troppo narcisista per farlo :)

      Elimina
    2. Capisco le tue remore e per una che deve privarsi di molto è disgustoso avere accanto chi si priva senza ragionevolezza. Forse bisognerebbe capire che le tue ragioni di salute e le sue ragioni di scelta sono altrettanto valide. Ho detto "bisognerebbe". ps: io amo non essere ragionevole affatto.

      Elimina
    3. io comunque non credo che le ragioni di un vegetarian siano altrettanto valide di quelle di un allergico tanto severo, eh. sono vegetariana e proprio per questo ho ben presente in testa cosa sia il lusso di poter scegliere!
      anna

      Elimina
    4. Premesso che, al di là dello scherzo, ho un grande rispetto delle scelte altrui, anche perché a me non cambiano assolutamente nulla, sono d'accordo con Maddalena: le ragioni di chi muore se entra in contatto con un alimento non saranno mai le stesse di chi sceglie volontariamente, qualsiasi sia il motivo, di privarsi di qualcosa, anche perché io non ho scelto (e mi sarebbe piaciuto farlo).

      Elimina
    5. si, infatti, io intendevo questo, forse non era chiaro.
      anna

      Elimina
  10. Io non mangio carne da una vita e Mr D. mi ha rotto i coglioni per nove anni tondi tondi fino a che si è rassegnato e ha smesso di rompermeli. Sono scelte molto personali che se non intaccano gli altri (io per lui e le pupe la carne e il pesce li cucino) non dovrebbero dar alcun fastidio... Per cui: buon inizio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in realtà non rompo le palle a nessuno :D

      Elimina
    2. No mica volevo dire che le rompi XD il succo era: lui può fare quello che vuole se non rompe le balle a te per farti cambiare

      Elimina
    3. Era nel senso che io non gli dico nulla, ma di contro lui non dice nulla a me, ma questo vale in generale :)

      Elimina
  11. Ah che ridere. Beate te che hai un uomo accanto così deciso, in fondo. Io gli devo tirare via il cibo da davanti, devo rimproverarlo perché finisce i piatti dei figli, perché sta ingrassando a dismisura e non riesce a rinunciare a nulla, figuriamoci ai salumi, o ad un boccale di birra ogni tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qua quella a cui bisognerebbe tirare via il cibo da davanti sono io 😁

      Elimina
  12. Per me è un ottimo motivo di divorzio...sappilo!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei l'unica a pensarla così 😂😂😂😂😂

      Elimina