mercoledì 12 ottobre 2016

Il pacco terrone

Il pacco terrone è il pacco che viene inviato ai giovani del sud che si sono trasferiti al nord dai genitori.
Roma, secondo la cartina geografica, è nord. Secondo un terrone è nord. Nella vita, tutto è relativo.
Il pacco terrone contiene generi di prima necessità, servono per sopravvivere all'eventuale carestia che potrebbe abbattersi su una città del nord e per sopperire, nel caso in cui la carestia non arrivi, alla mancanza di supermercati.
D'altronde è risaputo che al nord non ci sono supermercati. E se ci sono, sono costosi e non hanno cose buone come al sud.
A me stamattina è arrivato un pacco terrone da Palermo.
L'ho controllato, monitorato, seguito, spiato dalla sua partenza al suo arrivo nella capitale, ieri sera.
Quando è arrivato, ho cominciato a contare i secondi che mi separavano da lui.


E stamattina, finalmente, il portiere del palazzo -che in realtà non è il portiere, ma il sostituto della portiera a cui sono molto affezionata- ha finalmente suonato per consegnarcelo.
Cosa contiene il pacco terrone? Cibo, in grandi quantità. Qualsiasi tipo di cibo.
Dolci vari per cominciare. Dovrebbe contenere soprattutto dolci al pistacchio e di mandorle, ma io sono allergica quindi niente. Altri dolci, allora. Tanti che così si possono offrire agli amici e ai conoscenti.
Io volevo anche il pupo di zucchero che è già metà Ottobre e si dovrebbe trovare, ma mia madre ha obiettato che non sarebbe arrivato intero, quindi le ho detto di comprarlo e conservarlo che troveremo il modo di farlo arrivare.
Glielo spiegate voi ai miei genitori che io non offro proprio niente a nessuno?
Poi ci sono i grissini, quelli grossi con il cimino del panificio. 
E la mollica, quella vera, comprata sempre al panificio che quella industriale fa schifo. Se state pensando che mia madre mi abbia messo nel pacco la mollica che sta dentro al pane non meritate di essere miei amici. Sanno tutti che quella non è la mollica vera. Quella è la mollica che sta dentro al pane, sono due cose diverse.
I sottoli poi non possono mancare: funghetti, carciofini, pomodori secchi, melanzane. Tutte con l'olio buono, quello di giù che si sa che l'unico olio buono è quello fatto del cugino o dallo zio che ha l'oleificio. Tutti hanno uno zio o un cugino che ha l'oleificio.
Di solito, nel pacco c'è anche l'olio dell'oleificio di cui sopra. Io di olio buono ne ho ancora quattro litri,  adesso bisogna aspettare l'olio nuovo a Novembre.
Se non sapete quando esce l'olio nuovo, levatevi proprio, meritate di mangiare scondito.
E i formaggi che, si sa, i formaggi come li facciamo noi non li fa nessuno.
Immancabili le scatolette di tonno e il caffè. A Roma, d'altronde, non si trovano.
Avete mai visto del tonno in scatola e del caffè nei supermercati fuori dalla Sicilia?
E comunque, il tonno e il caffè delle marche locali sono più buoni.
Anche le capsule che vanno bene per la nostra macchinetta a marchio siculo abbiamo trovato dentro al pacco. Giusto un centinaio per non esagerare che poi dicono che siamo i soliti terroni che non si sanno regolare con le quantità.
Pacchi di pasta come se non esistesse un domani che al nord non ci sono i formati di pasta che meritano davvero di essere mangiati -tipo gli anelletti- e comunque non ci sono le marche di pasta siciliane. 
Nel pacco terrone, nel caso di presenza di nipoti, si aggiungono i regali per loro. Il nipote dei miei genitori è un cane, quindi ci si regola di conseguenza: nel pacco ho trovato una quantità di bustine di bocconcini che ci basteranno fino al prossimo inverno, biscotti, bastoncini aromatizzati al bufalo di Sicilia e -udite, udite- le salviette lucida pelo canino. Di solito, c'è anche una pallina nuova, stavolta non l'ho trovata. Fuffi ha già contattato l'avvocato canino per questa grave mancanza.
Deodoranti, salviette struccanti, detergente intimo, dentifrici. Lo so che state pensando che queste cose le vendono anche qui, ma sappiate che mia madre potrebbe contraddirvi. In ogni caso, il mio detergente intimo preferito (voi non avete un detergente intimo preferito?) qui non si trova. E comunque, per citare i genitori "questi li pagano mamma e papà che voi avete già tante spese e poi qui costano meno":
Un genitore terrone che vede poco il figlio fa quello che può e comprare per lui cose di uso quotidiano da mettere dentro il pacco fa parte degli atti d'amore.
Poi ci sono i regali per la figlia: un libro, un mascara, una cipria e uno spray che fissa il trucco che, devo dire, la boccetta potrebbe essere considerata un oggetto da arredamento tanto è elegante.
Ho detto alla genitrice che secondo me c'erano troppe poche cose.
"Amore di mamma, vuoi che te ne faccio subito un altro?"
"Mamma stavo scherzando"
"Tu mandami una lista di quello che ti manca che mamma ti fa un altro pacco"
"Ma Mami, c'è un sacco di roba"
"Manda la lista"
La manderò. Intanto sappiate che il pacco terrone è una roba illegale perchè non si potrebbe spedire cibo. 
Io c'ho proprio una fissa con la legalità, ma il pacco è una cosa per cui posso fare un'eccezione.
E no, non divido niente con nessuno che già qui ho due avvoltoi che puntano al mio cibo mandato dai miei genitori dentro al mio pacco e devo tenerli a bada. 
(L'abuso dell'aggettivo possessivo mio è voluto, nel caso in cui non si capisse che è tutta roba mia).

16 commenti:

  1. Nooo io oltre alla descrizione e alla foto del cartone volevo vedere anche il contenuto, giusto per farmi venire fame...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti avrei dovuto fare una foto, ma eravamo talmente euforici che l'abbiamo svuotato e abbiamo conservato tutto senza pensarci :(

      Elimina
  2. A me purtroppo in Sicilia sono rimasti solo parenti troppo lontani per desiderare di fare pacchi.
    Però una cugina di mia madre ha il forno del paese, quello che fa gli amaretti, e insomma, te lo devo proprio dire che la venero come una divinità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ha un panificio deve essere venerato come una divinità XD
      I pacchi cmq sono una prerogativa dei genitori o dei nonni, gli altri parenti non capiscono la necessità impellente dei super pacchi per noi espatriati.

      Elimina
  3. Cara Gilda, veramente interessante questa affermazione, sai io non lo avevo mai sentito questo nome del pacco!!!
    Ciao e buona giornata, con un abbraccio e un sorriso:) sorridere fa bene!
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. ti ho scoperto recentissimamente, ma sei simpaticissima!
    sto ancora ridendo per il pacco terrone (che ti invidio dibbrutto, tra l'altro!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il complimento, lo faccio leggere a Fidanzato e genitori che sostengono l' esatto contrario per bullarmi un pò.
      Il pacco -non dovrei dirlo- fai bene ad invidiarlo, è uno dei più grandi piaceri della vita XD

      Elimina
  5. Mi sa che era tutto parecchio buono... e avrei dato non so cosa per quei dolci alle mandorle (anche se non c'erano!)! Solo a sentirli nominare, mi è partita la salivazione! ;)
    Come Trasparelena, ti ho scoperta da pochissimo... continuerò a leggerti, mi piace troppo! Però al prossimo pacco... la foto anche dell'interno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanti complimenti oggi 😍
      Cmq avete proprio ragione: la foto dell' interno è essenziale e giuro che i dolcetti di mandorle sono buonissimi (un tempo, tanti anni fa, li mangiavo e il sapore me lo ricordo bene).

      Elimina
  6. ragazza, non so cosa darei per avere anche io un pacco terrone!!!!!!!! ma io son del nord e i miei pure....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti hanno almeno un parente al sud da qualche parte, se cerchi bene secondo me lo trovi e riuscirai ad avere il pacco terrone XD

      Elimina
  7. A me i pacchi non li mandano perché costerebbe un botto e non mi pare il caso..in compenso se vado io o vengono loro portano tutto il ben di Dio che hai elencato tu....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare il minimo portare tanto cibo XD
      Comunque, le poste dovrebbero fare tariffe speciali per l' invio di pacchi terroni all' estero.

      Elimina
  8. a tutti i miei amici che studiano fuori arriva il pacco terrone!! :D io studio a Catania e quindi niente, ho già il supermercato terrone a portata di mano :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere il supermercato terrone a portata di mano é una grande fortuna di cui mi sono resa conto solo da quando sono andata via XD

      Elimina