martedì 13 settembre 2016

Quando anche a me ad un colloquio hanno chiesto "Intendi avere figli?"

Ve l'ho detto che durante le vacanze ho ricevuto ben tre proposte di lavoro?
Ad Agosto, in Italia, io ho ricevuto tre proposte di lavoro. Sembra quasi una barzelletta.
Mi sarei quasi dovuta commuovere in effetti, ma visto che sono un mostro non mi sono commossa. E ho fatto bene.
Ad un certo punto, mi ha telefonato un tizio, super mega capo di un'emittente televisiva locale sul canale 2000 del DTT (che si commenta da solo).
Io, però, sono fatalista e vado sempre a sentire, sai mai.
Due giorni prima di questo fortunato incontro con il super mega capo, dicevo a gran voce che a me mai avevano chiesto se intendessi riprodurmi ad un colloquio di lavoro. E in effetti, era vero.
Avevo la risposta in serbo per questa domanda da anni, conservata lì, pregando di riuscire a tirarla fuori qualora se ne fosse presentata l'occasione.
Procediamo con ordine: il super mega capo era oggettivamente ferrato in ambito televisivo, mi piace parlare con chi conosce l'argomento perchè -quanto meno- non mi sento un'imbecille che se la canta e la suona.
Accanto al super mega capo, sedeva un tizio che annuiva. Non ho capito chi fosse, ma annuiva.
I miei sentimenti nei confronti di chi annuisce e basta quando parlo sono abbastanza contrastanti: mi sta dando ragione o annuisce come si fa con i pazzi?
Comunque, ad un certo punto, è arrivata la prima domanda curiosa.
"Hai il motorino?"
"No"
"Io assumo solo gente con il motorino, dovresti comprarlo".
Certamente amico. Poco importa se io un motorino effettivamente lo avevo, ma era dieci anni fa e non intendo tornare ad utilizzarlo perchè alle mie penne ci tengo.
"Hai partita Iva?"
"No"
"Io assumo solo gente con partita Iva, ho licenziato tutti i miei dipendenti che si sono rifiutati di passare a partita Iva".
E lì già mi stavano partendo i primi tic nervosi, ho dovuto fare appello a tutto il mio self-control per non mandarlo a quel paese, ma volevo sentire cosa altro avesse da dire.
E' che già stavo immaginando questo post e sapevo che poteva fornirmi altro materiale, me lo sentivo. E avevo ragione.
E poi, confermando tutte le mie aspettative, è arrivata la Domanda. Si, con la D maiuscola.
"Intendi avere figli?"
Aspettavo da anni questo momento. DA ANNI.
Ho sfoderato tutte le mie doti attoriali (se non fosse per la dizione, sarei ad Hollywood, che vi pare?) e ho risposto: "Sono sterile". 
Fredda, glaciale, che in confronto un igloo è un posto caldo e accogliente.
Stavo quasi per mettermi a piangere, ma le lacrime non sono venute giù. Ecco, forse magari parlare di Hollywood è un pò azzardato, ma siamo comunque sulla buona strada.
"Ma sei sposata?"
Allora continui, sei proprio scemo.
"No"
"Ma sei almeno fidanzata, dai"
Questa non era una domanda, ma un'affermazione.
"No, il mio compagno mi ha lasciata quando ha scoperto la mia sterilità".
Doti attoriali modalità on. Fidanzato, intanto, aspettava fuori, eh.
Non si è scomposto, almeno apparentemente, ma ha fatto quella che credo volesse essere una battuta per sdrammatizzare.
"Tanto con la partita Iva, potete fare tutti i figli che volete"
E niente, è finita così.
Non ho fatto scenate, non ho urlato. 
Volevo metterlo a disagio. Aspettavo questo momento da secoli, più o meno da quando ho scoperto -ormai parecchio tempo fa- che esistono persone che fanno queste domande dalle quali dipende o meno un'assunzione.
Come se poi, un figlio, fosse un impedimento. E lo dice una che non ha esattamente tutte queste velleità materne.
So che avrei dovuto scrivere una letterina anche io alla Lorenzin per il fertility day, ma dubito avrebbe compreso una situazione simile.
Non credo sia  preparata per comprendere situazioni come questa che a me, appunto, non erano mai capitate, ma che so essere all'ordine del giorno.
E poi, insomma, è troppo occupata a dirci di fare figli per preoccuparsi di come potremmo mantenere questi figli.

La foto del post è di Beata Lenkiewicz.


20 commenti:

  1. Oddio, vorrei essere stata una mosca per godermi la scena! Comunque a me una volta a un colloquio mi hanno detto "non ti prendiamo perché sicuramente vorrai avere figli" senza nemmeno scomodarsi a chiedermelo. Carini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, in questo caso, partiva il cazzotto in pieno viso.
      Almeno chiedimelo, così posso insultarti, non darlo per scontato.

      Elimina
  2. Che stronzo terribile! Io una volta ho fatto un colloquio (mia figlia aveva sette anni) da Muller (quelli dello yogurt) ed ero qualificata anche troppo per il tipo di lavoro e non mi hanno assunta perché preferivano donne con figli già adolescenti.... Ma non me l'hanno detto in faccia, l'ho saputo da una mia ex collega che era dirigente lì dentro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma assurdo!!!
      Anche perchè, se proprio vogliono discriminare chi ha figli (non giustifico eh, cerco di immedesimarmi nei loro pensieri contorti), cosa cambia tra sette e quattordici anni? Bah.

      Elimina
  3. Che attrice, datele un Oscar!!!! avrei voluto anche io essere una mosca al tuo "Sono sterile"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me la sono studiata la parte, eh :)
      Comunque, l'idea mi è venuta perchè purtroppo conosco una persona che ha davvero faticato tantissimo per avere un bimbo (non è sterile, ma comunque è dovuta ricorrere alla Fivet) e ogni volta che leggevo di qualcuno a cui avevano fatto queste domande, pensavo a lei che soffriva tremendamente perchè non riusciva ad avere un figlio pur desiderandolo tantissimo.

      Elimina
    2. a prescindere dalla tua performance da Oscar, sono domande offensive che non dovrebbero MAI essere fatte e fanno accapponare la pelle proprio perche` non solo sono discriminatorie, ma non tengono conto della persona che hanno davanti che potrebbe avere ben altri problemi, come dici tu.

      Elimina
    3. A me non era mai capitato, pur lavorando in un settore prettamente maschile e di questo ringrazio l'intelligenza di chi mi sono trovata davanti negli anni.
      Poi, magari, hanno tenuto conto lo stesso del fatto che fossi in età fertile, ma non lo saprò mai.
      Ad ogni modo, è comunque raccapricciante.

      Elimina
  4. Sei unica e anch'io avrei voluto essere una mosca per vedere la scena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto immaginando la stanza dove eravamo piena di mosche XD

      Elimina
  5. Io sarei stata molto meno diplomatica, ti ammiro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Anche se in realtà è una tattica subdola: mi hanno insegnato che se rispondi con calma dai più fastidio che se insulti.

      Elimina
  6. Durante l'estate chiamano eccome, perchè c'è tanta gente che, giustamente, preferisce andare in vacanza e cominciare un mese dopo piuttosto che passare l'estate a sgobbare. Comunque io ti avrei assunta solo per la brillantezza e la prontezza con cui hai risposto a queste domande scomode!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io però non credo che avrei accettato a queste condizioni, sono un pò fissata con "l'etica".
      In realtà, confermo quanto dici (successo a lavoro di non trovare nessuno ad Agosto), ma mi hanno quasi scioccata le chiamate insistenti di un' azienda molto molto grande fatte per tutto il mese di Agosto (ne parlerò).
      E grazie per i complimenti :)

      Elimina
  7. Stronzo e pure insensibile....a badilate sul coppino.

    RispondiElimina
  8. Non so se piangere per la stronzaggine del tipo o se ridere per la tua risposta! Mi fai morire...giuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :P
      Lui comunque mica lo sa di essere stronzo, pensa che sia tutto regolare secondo me.

      Elimina
  9. No... ma che ignoranza... non so come hai fatto a non mandarlo a cagare!
    Io gli avrei fatto la stessa domanda: e lei, intende avere figli? E' sposato? Dai, almeno fidanzato... beh, forse è meglio che non si riproduca, in effetti, di stxxxzi che ne sono già tanti...
    Mancava solo che ti chiedesse se intendevi adottare e poi sarebbe stato il top!
    E il tipo a fianco annuiva sempre? Anche dopo le tue risposte?
    Pensa invece se gli avessi detto che eri lesbica, chissà cosa avrebbe controbattuto... ti prego, se ti ricapita un altro che ti fa la stessa domanda, prova a dirgli così!
    Un abbraccio Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il tipo annuiva sempre, probabilmente stava lì solo per annuire tipo robot :P
      Potrei provarci a rispondere che sono lesbica, anche se mi auguro non m iricapiti tanto in fretta di aver fatto domande simili. Per quest'estate con gli episodi poco edificanti a tema lavoro, ho fatto il pieno.

      Elimina