venerdì 20 febbraio 2015

Ricominciare da qui

E alla fine è successo.
La notte tra Lunedì e Martedì Cane Nero se n'è andato. 
E' stato un attimo, abbiamo capito che era quasi ora, ma non pensavamo che "l'ora" sarebbe arrivata nel giro di venti minuti.
E il blog è stato chiuso per lutto.
Vorrei raccontarvi che ce lo aspettavamo, che eravamo preparati, che ci siamo consolati pensando che così ha smesso di soffrire, ma non sarebbe vero.
Per uno strano caso fortuito, eravamo tutti a casa -lavorando su turni non succede quasi mai- e abbiamo pianto. TUTTI. Cane Gnappo compreso.
Non eravamo realmente preparati e ci ha fatto malissimo.
Abbiamo passato la notte a fumare sigarette, increduli.
Tra l'altro, non avevamo scelta: dovevamo aspettare la mattina dopo per fare qualsiasi cosa. All'una di notte non c'era molto altro da fare se non attendere.
Io non ho smesso di piangere -se ci penso, piango pure adesso- e Fidanzato ha fatto altrettanto.
E la mattina dopo siamo pure dovuti andare all'anagrafe canina e poi alla asl. 
Perchè, in questi momenti, non si può nemmeno stare a casa a piangere: c'è la parte burocratica da sbrigare. Millemila carte che devo pure conservare.
Quando siamo tornati a casa, senza Cane Nero, mi sembrava tutto così surreale: la casa silenziosa, vuota, nessuno che muggiva, nessuno che ringhiava a Cane Gnappo, nessuno che mi dava le musate.
Ho avuto mal di testa per tre giorni e non riuscivo proprio a concentrarmi sulle cose.

Ho ricevuto tante telefonate e  tanti messaggi che mi hanno fatto sentire meno sola da parte non solo degli amici, ma anche da parte di gente che si scusava perchè, in fondo, non eravamo così legati, ma che voleva dirmi che gli dispiaceva per Cane Nero.

Il messaggio che mi ha colpita di più è stato questo G. ho i suoi occhi fissi nella mente da stamattina. Ti stringo forte ! Sarà sempre con te ! che mi ha mandato un ex collega di università, ma ce ne sono altri mille che conserverò sempre.

Quando mia nonna stava male mi disse:"quando morirò segnati chi viene e cosa ti dicono".

Detta così è una cosa un pò macabra, ma io lo feci e adesso, a distanza di undici anni ne capisco il senso.
Tra qualche anno, mi farà piacere ricordare tutto l'affetto e il calore che abbiamo ricevuto per una cosa che pensavo non sarebbe importata a nessuno e che probabilmente per qualcuno sarebbe stata pura follia.

Ho aperto questo blog per fare fronte alle interminabili giornate e nottate passate ad accudire Cane Nero: entrambe sul divano, io scrivevo e lei dormiva con il muso sulle mie gambe.

Non avevo mai pensato a cosa ne sarebbe stato del blog quando Cane Nero non ci sarebbe più stata perchè pensavo sarebbe stato un giorno lontanissimo.
Da domani Non Può Essere Vero riapre i battenti con post su come sopravvivere alla convivenza, ma non solo perchè bisogna sopravvivere anche agli amici, ai colleghi di lavoro, ai disastri di Cane Gnappo, alle partite della Roma, ai genitori e a un sacco di altre cose. Tornano i Mercoledì della Ginnastica e le storie di vite quotidiana.

Grazie da parte mia, di Fidanzato, di Cane Gnappo e soprattutto di Cane Nero
In posa per la foto
Nota: ho scelto di non scrivere i nomi di nessuno su questo blog per evitare di rendere riconoscibili persone, situazioni e altro. Cane Nero si chiamava Milly. In origine, era Miliarda, ma ci siamo stufati subito di quel nome troppo lungo e pure un pò bruttino.

6 commenti:

  1. Tua nonna sarà stata troppo forte.. Baci Gi :** (Gabri)

    RispondiElimina
  2. Cara...ti ho già detto quello che penso e che ti capisco....... ti stringo forte anche qui....

    PS: Miliarda???? Questa mi mancava...per me (anche se non la conoscevo "dal vivo") è sempre stata MIlly...... <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mik,gli abbracci mi arrivano tutti e mi aiutano a sentirmi meno sola :)
      Ebbene si,quando è arrivata,l'abbiamo chiamata Miliarda, ci piaceva tanto quel nome...dopo nemmeno 24 ore però quel nome non ci è piaciuto più ed è diventato,per caso,MIlly... ogni tanto ho provato a chiamarla Miliarda ma non mi ha mai dato retta :)

      Elimina
  3. Si dice che non bisogna paragonare il dolore per le persone care a quello per gli animali. ed è così. Tu che sei cocciuta e non mi hai dato maii ascolto, avresti fatto uno zoo.E dopo la morte di Ciaka si era detto- niente più animali- cioè 2 gatti e due cani per te è stato niente.Hai il cuore troppo tenero. Mi ricordo che hai pianto pure Elite. Si chiamava così , vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo correggerti: due cani, un gatto e una iena....

      Elimina