mercoledì 7 giugno 2017

Come organizzare un matrimonio in venti giorni (e rimanere vivi)

Mettiamo che un giorno vi prenda il matto e decidiate di organizzare il vostro matrimonio in venti giorni. Credetemi che succede, eccome se succede.
Ecco allora una non troppo breve guida su come e cosa fare passo dopo passo.
Da cosa si parte? Qual è la prima cosa da fare?
-Telefonare (o andare di persona) al proprio comune per chiedere informazioni circa le pubblicazioni che si, sono obbligatorie e senza non potete sposarvi.
Nel mio municipio i tempi di attesa per fare le pubblicazioni sono di circa un mese.
Serve una marca da bollo da 16€ se siete entrambi residenti nello stesso comune, due marche da bollo da 16€ se residenti in comuni diversi. Bisogna dare i propri dati e pensano a tutto loro. Ovviamente bisogna avere una carta d'identità valida per poter fare richiesta di pubblicazioni.
Per gli stranieri, per i divorziati e per non so chi altro servono anche altri documenti.
Noi abbiamo fissato la data delle pubblicazioni senza avere la più pallida idea di quando volevamo sposarci: avevamo un paio di date in mente, ma nulla di sicuro.

Mentre aspettavamo di fare le pubblicazioni, non avendo una data (ma magari voi siete più decisi di noi) cosa fare?
-Scegliere le fedi: per noi erano molto importanti, eravamo orientati su una cosa (e lo dicevamo da sempre) e chiaramente alla fine abbiamo scelto un'altra cosa. Siamo andati in sole due gioiellerie e abbiamo scelto subito il modello che ci piaceva e che stava bene ad entrambi dato che volevamo avere la fede identica. Dopo aver scelto, ci siamo rivolti direttamente al rappresentante UnoAerre (che, appunto, è il marchio delle fedi che abbiamo scelto) e le abbiamo ordinate.  Sono arrivate in circa dieci giorni e a quel punto per fare incidere la data (e qualsiasi altra cosa) bisognava aspettare quanto meno di sceglierla sta benedetta data. A posteriori, di ritirare le fedi (abbiamo aspettato circa 24 ore da quando abbiamo detto cosa ci volevamo inciso) e controllare che fosse tutto ok se ne sono occupati i miei genitori, mentre io continuavo a ripetere: "Ma l'incisione è giusta, vero?".
Al cuscino portafedi per la cerimonia ci ha pensato una delle mie cognate.
-Fare la lista degli invitati: io l'ho scritta e riscritta almeno dieci volte perché puntualmente mi dimenticavo qualcuno. Alla fine, nell'ultima versione della lista che serviva per il catering, avevo dimenticato gli sposi.
-Guardarsi intorno: per farsi un'idea, seppur vaga, di come muoversi una volta che si sarà scelta la data. Noi, per non smentire la fama di matti che ci precede, ovviamente non l'abbiamo fatto.


Quando siamo andati a fare le pubblicazioni, io con le stampelle e lui  morto di sonno dopo una notte al lavoro, abbiamo chiesto quale fosse la prima data utile per sposarsi. 
Le pubblicazioni devono rimanere affisse (ormai online, io ho fatto un milione di screenshot senza un motivo) per 8 giorni + 3 giorni per le opposizioni, ma bisogna fare i conti con eventuali feste e capire da quando effettivamente partono. Valgono 180 giorni, dopodiché bisogna rifarle.
La prima data utile a noi non piaceva, quindi abbiamo chiesto se la sala comunale che ci interessava fosse libera il venerdì seguente. Mentre le funzionarie comunali ci guardavano sconvolte, abbiamo scoperto che non solo c'era la possibilità di sposarsi quel giorno, ma che era disponibile l'orario che piaceva a noi. Data scelta, io e Fidanzato nel panico. Conto alla rovescia di venti giorni e mezzo iniziato. E a quel punto?
-Avvisare chi si vuole invitare: le prime a saperlo sono state le nostre mamme, a cui lo abbiamo detto subito di persona ed entrambe c'è mancato poco che collassassero, probabilmente all'idea di avere due figli talmente sciroccati da organizzare un matrimonio in così poco tempo.
Per fare le partecipazioni e distribuirle non c'era il tempo materiale, quindi abbiamo usato WhatsApp e le telefonate, ad alcuni è stato detto a voce. Ovviamente tutti hanno reagito con un quasi svenimento perché, ecco, non lo aspettavano così di botto. "Ma me lo dici così?" è stata la risposta più diffusa tra i nostri invitati.
-Rispondere alle domande inopportune: nel giro di pochissimo sono stati parecchi a sapere del nostro matrimonio (anche se la data l'abbiamo detta solo agli invitati e pochi altri perché ci piaceva l'effetto sorpresa) e diverse persone hanno sentito il bisogno di chiamarmi e scrivermi per chiedermi se fossi incinta e se ci stessimo sposando per questo. Dopo sei anni e passa di convivenza. Roba che mia nonna, classe 1932, che ha prima fatto una figlia e poi si è sposata facendosi portare le fedi dalla pargola (mia madre) era più avanti di tanta gente nel 2017.
-Scegliere la location: in venti giorni, soprattutto nel periodo che va da Maggio a Settembre, sarà abbastanza difficile trovare un posto disposto ad ospitare un pranzo o una cena di un matrimonio, ma cercando cercando qualcosa potrebbe uscire fuori. Noi avevamo a disposizione una location privata con tanto di giardino e abbiamo optato per quella. E lì è iniziato il difficile, visto che bisogna pensare a tutto, ma proprio a tutto.
-Scegliere i testimoni: io la mia testimone l'avevo già scelta e ne era al corrente, solo che non sapeva quando, il che non era una cosa da sottovalutare considerato che vive a 600 km da me.
L'ormai Marito non aveva detto neanche a me chi voleva come testimone e l'ho scoperto nello stesso momento in cui lo ha scoperto lui (il testimone).
-Scegliere paggetti e damigelle: io ho voluto solo il paggetto che mi portasse le fedi e la scelta è caduta in modo abbastanza naturale su mio nipote di dieci anni, gliel'ho chiesto e mi ha detto: "Zia, va bene, ma solo se non ti sposi in Chiesa".
-Scegliere il catering: ho girato per catering con mia madre, visto che il quasi sposo aveva qualche problemino a lavoro a causa dell'assenza improvvisa di una collega. Ho definito in linea di massima il menù, chiesto preventivi e ho atteso delle risposte. Abbiamo scelto io e l'allora Fidanzato il menù definitivo a 15 giorni dal matrimonio, abbiamo versato una caparra e stabilito le cose di massima.
-Scegliere i vestiti: io ho impiegato una mattinata a scegliere tutto, ma sapevo di non volere il classico abito da sposa con cui mi sarei sentita a disagio. Volevo un abito corto e possibilmente a ruota. L'ho trovato al terzo negozio in cui sono entrata, l'ho provato e ho detto: "Voglio lui!". La scelta del coprispalle da abbinare è stata più ardua, ci ho impiegato circa mezzora. Le scarpe le avevo adocchiate in un negozio sotto casa, sono andata a provarle (il negozio aveva appena chiuso, ma la gentile proprietaria ha riaperto per me) e le ho prese. L'intimo l'ho scelto in dieci minuti. All'ultimo momento ho comprato un paio di calze perché sai mai che piova, ma sono ancora impacchettate.
Lui ha fatto impazzire me e altre diciotto persone: ha ordinato la camicia rigorosamente su misura e con tanto di iniziali dal suo camiciaio di fiducia (tempo di consegna della camicia di solito: un mese; tempo di consegna per la camicia del matrimonio a cliente abituale da dieci anni: cinque giorni), ci ha impiegato un pomeriggio per scegliere il vestito e le scarpe, poi ci ha ripensato ed è andato a cambiare la giacca, poi ci ha messo una settimana per decidere se papillon o cravatta, poi mi ha delegato l'acquisto delle calze, poi sono state prese le misure per le modifiche dell'abito, poi le prove (ad un certo punto ho smesso di contarle), poi non gli ho spaccato la testa solo perché sono buona (e molto innamorata).
Ad una settimana dal matrimonio avevamo tutto, la camicia di Lui era pronta tre giorni prima.
-Scegliere i vini: spesso sono compresi nel catering, ma mio padre è veneto e quindi abbiamo delegato a lui l'arduo compito di scegliere, ordinarli dall'azienda vinicola di fiducia e farli arrivare a destinazione. Quattro giorni prima avevamo tutto.
-Scegliere la torta: ho contattato una cake designer molto brava dopo un paio di giorni di ricerca e ho scelto più o meno il tipo di torta al telefono. Io e l'allora Fidanzato siamo poi andati da lei circa dieci giorni prima del matrimonio per concordare bene tutto. La scelta del ripieno mi ha riempita di dubbi per ore e ore, non parliamo poi della grandezza della torta e delle decorazioni.
-Comprare piatti, bicchieri, tovagliati e affini: molti posti li affittano e alcuni catering li comprendono. Io volevo delle cose del colore che dicevo io, fatte come dicevo io e quindi ho ordinato tutto su internet, pagando a peso d'oro le spedizioni veloci e pregando che tutto arrivasse in tempo.
-Le bomboniere: noi non volevamo la classica bomboniera, avevamo un'idea un po' particolare che però è stata apprezzata. Ordinate su internet, con la solita spedizione rapida pagata oro. Ordinate otto giorni prima.
-Trucco e parrucco: io ho chiamato il miglior parrucchiere della mia zona circa dieci giorni prima, ho spiegato cosa mi serviva e quando e sono andata da loro una settimana prima, su appuntamento, per mostrargli i miei capelli, da me definiti una massa di pelo di pecora informe, e contestualmente ho fatto una prova sia dell'acconciatura che del trucco, scegliendo una loro Mua per facilitarmi la vita.
-Ceretta, unghie e trattamenti estetici vari: mia nipote e la mia vicina di casa sono entrambe estetiste, ma in generale i centri estetici sono ovunque.
-Il bouquet: una mia amica ha cercato per me delle idee di bouquet su internet, poi tre giorni prima sono andata con mia madre dal fioraio sotto casa e lo abbiamo ordinato. La mattina del matrimonio è andata la mamma a ritirarlo.
-Allestimenti vari, centrotavola e affini: se ne sono occupate le mie cognate che hanno più fantasia e più voglia di fare di me per queste cose e il risultato finale era meraviglioso. Ordinati tra i dieci e gli otto giorni prima. E' stato tutto fatto a mano, ma non so bene i tempi.
-Coni portariso: non sono indispensabili, ma secondo me sono stupendi. A me li ha confezionati una mia amica, la stessa amica che si è occupata dei palloncini a cui non potevo assolutamente rinunciare e che mi ha sopportata per tutta la durata dei preparativi. Erano pronti una settimana prima (ha impiegato circa due sere) e due giorni prima il matrimonio, io ho lavato e fatto asciugare il riso e riempito i coni.
-Photoboot: va tanto di moda, ma non è indispensabile. Ovviamente noi non potevamo farne a meno. Ovunque su internet si trova il materiale per allestirlo e anche qui vale la regola della spedizione rapida che costa un sacco.
-Il fotografo: inizialmente non lo volevo, ma non avevo fatto i conti con il fatto che ho tanti, troppi amici fotografi (no, non fotografi improvvisati, ma fotografi veri). Sono stati in parecchi ad offrirsi volontari tanto che mi sono sentita un po' Kate Middleton.
Alla fine avevo non uno, ma ben due fotografi che, conoscendomi più che bene, mi hanno detto: "Pensiamo a tutto noi". E per quello che ho visto finora la parola capolavoro non basta per definire quello che è venuto fuori.
-La musica: ci hanno pensato le mie cognate visto che io non me n'ero completamente ricordata.
-Scegliere l'hotel per la mia testimone (o, in generale, per chi viene da fuori): tenete bene a mente che le distanze sono relative, per me che vivo a Roma l'hotel scelto era vicinissimo, ma proprio tanto tanto vicino, per lei che abita a Soresina (si, dove c'è la Latteria) era lontanissimo (però era bellissimo, eh). C'est la vie!
-L'addio al celibato/nubilato: noi non lo abbiamo voluto, ma per una settimana di fila siamo stati invitati a cena praticamente da chiunque per festeggiare l'imminente matrimonio.

Una volta finito di preparato tutto, gli ultimissimi giorni abbiamo dovuto rifinire le cose.
-Chiedere le conferme: e questa è roba semplice perché ce le hanno date spontaneamente.
-Fissare le ultime cose con il catering: orario di inizio e fine servizio, numero dei camerieri e altre piccole cose.
-Preparare la location: io ho sistemato solo alcune cose insieme a mia madre e a mia suocera, al resto ci hanno pensato le mie cognate.
-Mandare i documenti al municipio: questo varia da comune a comune, noi abbiamo dovuto consegnare i moduli con la scelta dei testimoni e copia dei loro documenti d'identità e il modulo indicante la scelta del regime patrimoniale.
-Chiamare o scrivere a chi ci ha mandato un regalo o un biglietto o qualsiasi altra cosa: noi abbiamo preferito ringraziare man mano che arrivavano le cose, casa nostra è stata sommersa da regali e biglietti d'auguri nonostante avessimo detto esplicitamente di non volere nulla.
-Fronteggiare gli imprevisti: io sono finita in ospedale a quattro giorni dal matrimonio e, alla fine, erano tutti in ansia tranne me. 

Ed infine il giorno prima, quello più difficile di tutti.
Io ho sistemato parecchie cose con mia madre per la cena, non mi sono mai fermata finché alle 19, seduta sul terrazzo di casa mia intenta a fumare una sigaretta con il quasi Marito, è arrivata mia madre che mi ha guardata in faccia e mi ha detto: "Adesso puoi piangere". E mentre io piangevo disperata, il quasi Marito rideva di me dicendo al cane: "Guarda la mamma come piange, è proprio cretina!".
La sera abbiamo recuperato la testimone, l'abbiamo portata in hotel e ci siamo concessi una capatina al bar io, lo sposo e miei genitori.
Ho dormito tutta la notte, idem Lui e se qualcuno non ci avesse svegliati (la solita santa mamma) non ci sarebbe stato nessun matrimonio.
Abbiamo deciso di dormire insieme a casa nostra o meglio non abbiamo mai neppure pensato di dormire separati perché viviamo insieme da troppo tempo e ci sembrava naturale così.
Il giorno del matrimonio è stato perfetto, molto più bello di come lo avevamo immaginato e tornando indietro vorrei che fosse tutto uguale.
Organizzare un matrimonio in venti giorni è fattibile, ma bisogna tenere a mente due cose: che è quasi indispensabile l'aiuto e il supporto delle persone care (amici o parenti o chi volete voi) e che le spese che normalmente si sostengono in tanti mesi saranno concentrate in pochissimi giorni. E di soldi ne andranno via tanti, molti più di quelli che avrete immaginato, tant'è che qualche giorno dopo il matrimonio -se avrete cuore di controllare il saldo del conto corrente- vi scoprirete improvvisamente poveri.


Nb. Noi ci siamo sposati civilmente, non conosco i tempi e i documenti richiesti per celebrare un matrimonio concordatario in Chiesa ed è per questo che non ne accenno minimamente.

La foto del post è di Samira El Bouchtaoui.




22 commenti:

  1. Vero, fattibilissimo! Noi abbiamo organizzato il matrimonio in un mese (anche se la data prevista era dopo 8 mesi). A parte scegliere abito, ristorante, sala del comune, menù e fedi che abbiamo fatto di persona il resto è stato organizzato on-line, dall'altra parte dell'oceano con la gentile collaborazione delle nostre famiglie e amici:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La collaborazione di amici e/o parenti è fondamentale...o almeno per noi lo è stata :)

      Elimina
  2. Però che ansia. Mi sa che continuo a convivere e basta 😝

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai, niente ansia. È anche divertente :)

      Elimina
  3. Capita a pennello visto che sono nel pieno dell'organizzazione del matrimonio deciso in questi giorni e fissato i primi di settembre.
    Essendo civile e "di fretta" per i comuni standard, tutti pensano alla solita domanda e nessuno arriva a capire che sono più di 10 anni di fidanzamento e qualcuno di convivenza e per i miei gusti abbiamo già aspettato abbastanza!
    P.s: la parte peggiore è il comune e le sue impiegate acide che non rispondono alle domande lecite di chi non si è mai sposato e vorrebbe info! -_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le impiegate dell'ufficio matrimonio del nostro municipio sono veramente gentili per fortuna, sempre disponibili sia il telefono che di persona :) E questa è una gran fortuna perché della parte della cerimonia se ne sono occupate interamente loro!

      E auguri per il matrimonio :)

      Elimina
  4. Cara Gilda, credo che ci vuole una certa pazienza per tenere lo stress sotto controllo.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si, alla fine è divertente, non stressante :)
      Un abbraccio anche a te!

      Elimina
  5. io avevo iniziato a piangere un mese prima, alla cena di prova del pranzo che avevamo fatto da soli io e il Traspamarito. Quindi forse preparare tutto in 20 giorni sarebbe stato meglio, chè avrei pianto di meno (ho pianto praticamente sempre dal giorno prima del matrimonio fino al giorno dopo. Con una sola pausa durante la cerimonia+pranzo) Ho un ricordo vago della prima sera di nozze in cui io piango mentre il Traspamarito mi leva circa duemila forcine dalla testa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono commossa durante la cerimonia, ma credo sia normale :)
      Per il resto più che ansia, io il giorno prima piangevo perché ero stanca (ero in stampelle e con il ginocchio ancora moribondo) e perché ero davvero emozionata :)
      Mentre la prima notte di nozze... io ho dormito profondamente, siamo tornati a casa alle 4 passate e siamo collassati!

      Elimina
  6. Puoi pubblicare una guida completa!
    a parte gli scherzi trovo che in tutto questo forse la cosa che allunga i tempi, se sei esigente su data e su un certo luogo, è il ristorante o la location. Tutto il resto è ovvio che si possa fare. Noi prenotato 4 mesi prima il ristorante ad esempio, ma so di gente che lo fa 2 anni prima (ma dico io fai in tempo a lasciarti in 2 anni). E tutto il resto visto che ci sposavamo a settembre fatto tra giugno e luglio. Ad agosto ce ne siamo proprio andati in vacanza tranquilli. Il resto l'ho fatto io perché di mestiere sono una creativa per cui avrò anche fatto i salti carpiati, ma è stato molto divertente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi interessava sposarci e avere vicino le persone a cui vogliamo bene, non avevamo preferenze su data e location. E molto importante era che il cibo fosse buono e abbondante, ma quello si trova facendo qualche giro :)

      Elimina
  7. anche noi sposati in Comune. La differenza con la chiesa sta nel fatto che sei costretto a seguire un corso di preparazione e questo si allunga i tempi. Ed è stato il motivo per cui noi abbiamo optato per l'unione civile esclusiva, non ci hanno dato deroghe al fatto che vivevamo a 600 km l'uno dall'altro pur essendo fidanzati da 8 anni, per loro dovevamo seguire settimanalmente il corso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi non frequentiamo la Chiesa, non siamo particolarmente credenti e quindi non avrebbe avuto senso il matrimonio concordatario :)
      Credo però che siano molto più elastici adesso con il corso prematrimoniale, leggevo proprio ieri sera di alcune ragazze che dicevano che dura uno o due week-end (in ritiro).

      Elimina
  8. Effettivamente l'organizzazione del matrimonio in sé non è complicata, ho partecipato a parte dell'organizzazione proprio di recente e l'unico problema è stato che qui il prete fa diversi incontri con gli sposi, una sorta di corso pre matrimoniale. Il problema però è stata la casa, avendola già vi siete portati un bel po' avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi vivendo insieme da anni, non solo avevamo la casa, ma era (ed è) pure bella piena di cose 😁 effettivamente se non si vive insieme o non si ha comunque una casa da qualche parte è un bel problema.
      Sapevo dei corsi per esperienze di conoscenti varie, ma non essendo esperta ho prefetito tacere 😊

      Elimina
  9. Il fatto di dare alle persone 20 giorni di preavviso secondo me è un sollievo. Chi riesce a organizzarsi bene, chi no, pazienza. Tutto il contrario di quando lo annunci 6 mesi prima e le persone ti tengono al filo fino all'ultimo cambiando idea 10 volte.
    Bravi comunque, i preparativi sono la cosa più stressante in assoluto, la mia prima volta è stata tremenda e non lo rifarei mai più in quel modo. Anche se il giorno in se rimane un ricordo bellissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono rimasta molto sopresa che tutti gli invitati lavoratori saputo il giorno hanno chiesto seduta stante un giorno di ferie, io ero convinta non venisse nessuno alla cerimonia per cause di forza maggiore 😂
      Devo anche dire che siamo stati fortunati e non abbiamo avuto defezioni, ma abbiamo invitato solo persone a cui siamo molto legati :)

      Elimina
  10. Organizzare il matrimonio in 20 giorni, sei una grande :) Ho una domanda scema: ma le fedi ci vogliono per forza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che io sappia no, a noi ha chiesto il cerimoniere del comune se avevamo previsto o meno lo scambio degli anelli e io ho tirato fuori fedi, cuscino portafedi e persino il nipote paggetto :P

      Ps. Grazie ;)

      Elimina
  11. Complimenti! Io non ci sarei mai riuscita! Noi abbiamo stabilito la data delle nozze tra di noi 1 anno e mezzo prima e iniziato ad organizzare tutto a 9-10 mesi prima!!!! Per una come me amante di organizzare cercare le cose giuste ecc è stato un bellissimo passatempo!!! :-) in chiesa non sarebbe fattibile in 20gg a meno di conoscere benissimo il parroco e quindi praticare tanto. Da noi il corso dura 3 mesi con un incontro alla settimana. È vero che in casi di emergenza il parroco può farlo solo agli sposi concentrato ma vi assicuro che è bello scambiare opinioni e idee con persone che vivono la tua stessa situazione!! Buona vita matrimoniale e tanta felicità!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Diciamo che noi, non frequentando la Chiesa e non essendo particolarmente credenti, non ci siamo posti nemmeno il problema di come fare per il matrimonio religioso/concordatario :)

      Elimina