domenica 11 dicembre 2016

Letterina a Babbo Natale

Caro Babbo Natale,
 so che sono in ritardo con la letterina, ma so anche che hai un esercito di elfi e folletti che lavorano per te che in confronto le fabbriche di vestiti in Thailandia si devono solo levare.
Ma dimmi, almeno li paghi sti folletti o sono stagisti a cui non dai un soldo?
So anche che hai mandato gente a raccontarmi che non esisti, ma non ci credo e se era una scusa per non passare da casa mia quest'anno, non sei riuscito nel tuo intento.
Se il problema è la mancanza del camino, ti lascerò la porta finestra aperta. In ogni caso, sono convinta che gli zingari che entrano negli appartamenti sfondando le grate delle migliori marche sono dei principianti.
Se pensi che io sia troppo grande per ricevere i tuoi regali, sappi che non è vero. Nel caso, rinuncia alle consegne a casa di qualche bambino che loro hanno molto più tempo di me per ricevere i regali di Natale.
Se hai paura dei cani, porta un regalo anche per il quadrupede di casa e nessuno si farà male. 
Troverai frigorifero e dispensa ben forniti qualora ti venisse fame, ti chiedo solo di non toccare la cioccolata spalmabile bio senza  ( e che non contiene nemmeno tracce di) nocciole che per comprarla ho dovuto dare via un rene. In ogni caso, fa cagare, quindi non ti perdi niente.
Il latte, a casa mia, non è senza lattosio, abbiamo biscotti di ogni tipo ricchi di olio di palma, ma le verdure -che magari puoi dare alle renne- sono tutte provenienti da Trasacco, dal campo del padre di un mio amico. Altro che il bio dei supermercati.
Se non sai dov'è Trasacco, lo capisco. Nemmeno io lo sapevo fino a qualche tempo fa.
In ogni caso, per le renne ci sono anche i croccantini del cane, in fondo sono quadrupedi pelosi pure loro.
Passiamo adesso alle mie richieste. Puoi decidere di non esaudirle tutte, ma mi offenderò da morire che a me sta moda di scrivere le letterine e poi dire che tanto Babbo Natale sceglie una sola cosa in lista non piace. Io sono figlia unica e, come tale, voglio tutto e subito.
Allora, gradirei due piante nuove per il mio terrazzo: un gelsomino e una buganvillea, ma di quella con i fiori fucsia, non viola. Mi raccomando, è un dettaglio importante.
Poi gradirei una O Bag nuova, ma senza pelliccia. A dirti la verità, a me la pelliccia della o Bag piace molto, anche se dicono che è fatta con pelo di cane cinese, ma Fuffi poi proverebbe a mangiarla e sarei costretta a metterlo in forno con le patate. E vorrei evitare.
Vorrei anche una Louis Vitton nuova, quella di vernice nera.
E vorrei che facessi una magia al mio fidanzato di modo che non mi dica che per ogni borsa nuova, devo darne via una vecchia che a me sta storia di regalare le mie cose non piace.
Vorrei una macchina nuova, mi piace molto l'ultimo modello di Smart. Si lo so, che ho schifato le Smart per tutta la mia vita, ma questo nuovo modello è tanta roba. Cambio manuale, per favore, che i miei genitori hanno speso i miliardi in guide quando dovevo prendere la patente e non vorrei che i loro sacrifici venissero gettati alle ortiche.
Anche un buono da spendere in libri, ti direi i titoli, ma magari lì al Polo Nord, hanno nomi diversi, poi ti confondi e mi porti roba sbagliata. E io sono molto selettiva con le mie letture.
Vorrei quell'affare tondo che aspira la polvere in giro per casa mentre tu stai comodamente a pancia all'aria sul divano. Prometto di invitarti a casa mia, quando lo userò per permetterti di godere del grandioso spettacolo di Fuffi che lo insegue, gli ringhia contro e cerca di sbranarlo.
Ti chiedo, infine, di avere una salute di ferro, non dico per sempre, ma almeno fino alla prossima letterina.
Ti chiedo anche che vada in porto quello che tu sai e che quello che sto studiando in questi giorni dia dei buoni frutti.
Non ti chiedo la pace nel mondo perchè sicuramente -obbligati dai genitori- te l'hanno chiesta un sacco di bambini e a me piace distinguermi dagli altri.


Ti chiedo un toy boy per la mia vicina di casa, quella del piano terra, di modo che la smetta di dire che le lanciamo acqua dal balcone per farlo dispetto quando non siamo in casa, salvo poi dire che forse, ehm, era la pioggia.
Ti chiedo di mandare un centinaio di contenitori delle uova al mio vicino di casa (hai presente quelli di cartone che adesso sono difficilissimi da trovare con cui si insonorizzavano a basso costo le stanze?), quello il cui muro confina con la mia camera da letto di modo che il week end possa trombare in pace per otto ore di fila senza che a me venga da ridere per tutto il tempo, impedendomi di fare qualsiasi altra cosa.
Visto che sono una tremenda curiosona, ti chiedo anche di svelarmi il suo segreto perchè io uno che dura otto ore di fila non l'ho mai conosciuto. Per fortuna.
Se non dovesse entrarti tutto nella slitta puoi anche mandarmi quello che ti ho chiesto con il corriere, però ti prego, non usare le nostre Poste che io i miei regali li vorrei per Natale 2016, non per quello del 2020.

Con affetto e stima
Gilda

Ps. Al Fidanzato porta un buono da spendere in vestiti, rigorosamente senza di me che io di andare con lui per negozi mi sono rotta le scatole.


La foto del post è di Samira El Bouchtaoui
Babbo Natale, toglimi una curiosità: sono riuscita a scrivere il nome della mia Sami senza doverlo leggere (e l'ho anche scritto giusto) dopo mesi e mesi di tentativi. E' un miracolo di Natale o mi hai portato in anticipo, come regalo, l'intelligenza?

10 commenti:

  1. Se Babbo Natale dovesse avere altri "clienti" come te, non credo riuscirebbe a finire il suo tour natalizio. E poi, ma perché non ti compri i tappi per le orecchie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può anche tenermi come unica cliente e gli altri si arrangiano :D
      Io cmq non voglio i tappi per le orecchie che poi mi addormento, la mattina non sento la sveglia ed è un casino!

      Elimina
  2. Wow che bei regalini. Fortuna che non ho vicini di casa, se non cavalli e pecorelle.
    Io non ho ancora fatto la lista e non credo la farò, lascio fare a lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi fido poco dei gusti di Babbo Natale. Tanta stima per lui, ma ecco, preferisco indirizzarlo!

      Elimina
  3. Cara Gilda, sono passato in fretta per un saluto, ora che la Danila incomincia a stare meglio, certo che ci vorranno 3 mesi prima di essere guarita, e lei ora ha bisogno tanto di me.
    Ciao e buona serata cara mica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio ieri mi chiedevo che fine avessi fatto, cominciavo a preoccuparmi!

      Elimina
  4. Sei una forza!!! Comunque giusto qualcosina vuoi eh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente anche io penso di avere chiesto troppo poco, ma il resto lo chiedo alla Befana. Non vorrei che si offendesse se chiedo tutto al barbuto di rosso vestito.

      Elimina
  5. Mi hai fatto morire! 😂
    Ma vedi perché abbiamo espresso desideri diversi? La tua lettera è per Babbo Natale, la mia per Mamma Natale! ;)

    RispondiElimina