lunedì 12 settembre 2016

Il primo giorno di scuola

Pare che oggi sia il primo giorno di scuola.
P-r-i-m-o-g-i-o-r-n-o d-i-s-c-u-o-l-a. 
Io non ricordo assolutamente nessun primo giorno di scuola, ho rimosso tutto e se ci penso mi viene ancora oggi la pelle d'oca.
Strappare una bambina prima, adolescente dopo al mare, agli amici, alla spiaggia è un crimine contro l'umanità. Un crimine gravissimo aggiungerei.
Io tutta sta poesia nel primo giorno di scuola non ce la trovo, non ce l'ho mai trovata e mai ce la troverò. 
In prima elementare capisco anche che ci sia un pò di emozione. Capisco davvero, eh.
Dovete ammettere però che quelli emozionati e felici sono i genitori, mica i pargoli. 
Pensate quanto si arrabbieranno quando scopriranno che è finita la pacchia, non si gioca più e bisogna stare seduti per ore.
Pensate che fatica imparare a leggere e a scrivere.
Ai miei tempi si tracciavano centinaia di stanghette sul quaderno.
"Per avere una bella grafia in futuro" dicevano. E difatti ho una bellissima grafia, solo che poi sono arrivati i computer e non me ne faccio niente.
Io comunque già me li immagino i pargoli che chiedono alla maestra:"Scusi, ma quando si gioca?" e lei, con ghigno malefico, risponderà che si gioca solo a ricreazione. Forse. Se ci si comporta bene. E solo se si finisce la merenda, a base di purea di frutta biologica e chicchi d'avena.
Bambini, io vi avviso: dovete starci almeno tredici anni su quei banchi. E solo se non vi farete bocciare. Scappate finchè siete in tempo, dite a mamma e papà che andate a comprare le sigarette e poi fuga dai nonni.
I nonni sono buoni, non vi costringeranno ad andare a scuola.



I genitori commossi, intanto, attenderanno davanti al cancello della scuola, pensando che il loro bimbo è ormai grande, presto partirà per il servizio militare, sarà padre ed è un attimo che ha settant'anni. Poco importa se di anni ne ha cinque, è anticipataro e il servizio militare obbligatorio è stato abolito da un pezzo.Stamattina ne avrò già viste un centinaio di foto del primo giorno di scuola, anche se, andando a memoria, io ricordo che mica iniziava ovunque lo stesso giorno sta benedetta scuola. 
E soprattuto: ma il grembiule dov'è finito?
Perchè i pargoli sono tutti novelli modelli di Abercrombie&Fitch?
E perchè le pargole sono più eleganti di me il giorno della laurea?
Che poi oh, il 12 Settembre è piena estate, fa caldo, è cattiveria andare a scuola, bisogna stare in spiaggia a fare il bagno,
Si mamme lo so che non aspettavate altro che questo momento che altro che i saldi del 90% da Micheal Kors. 
Si capisco che non sapevate più che farne dei figli.
(L'ho letto davvero eh, non me lo sto inventando).
Detto questo: buon inizio di scuola a tutti!
Godetevi questo momento perchè (per fortuna) gli orribili giorni passati a scuola non torneranno mai più.
Godetevelo soprattutto se siete dei maturandi che questo è l'ultimo primo di scuola, dall'anno prossimo sarete liberi.



P.s. Ma -scuola elementare a parte- si usa ancora la Smemo? E si usa ancora il primo giorno di scuola portare solo il diario tanto non si fa niente e passare la giornata a disegnare nei diari altrui?

10 commenti:

  1. non sono d'accordo. Meno male che i bambini non ti leggono!!!! Tu cmq ci andavi volentieri e non venivo io a prenderti, ma nonna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle elementari forse ci andavo volentieri (io comunque non me lo ricordo), ma alle media e soprattutto al liceo sicuramente no.

      Elimina
  2. Non sono d'accordo sull'ultima frase. Se ci si iscrive all'università, dopo la maturità, non si è liberi, anzi su certi aspetti è pure peggio perché oltre a studiare bisogna anche stare dietro a professori pazzi e segreterie disorganizzate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che io preferivo l'università?
      Io non amavo stare seduta sui banchi cinque ore, invece all'università potevo scegliere se andare a lezione, se restare a casa a studiare, quando e come dare gli esami e questo mi faceva stare meglio.
      Poi, ammetto che in triennale ho avuto parecchi problemi con la segreteria al momento di laurearmi (non trovavano i verbali di alcuni esami a un giorno dalla laurea, ho dovuto rieditare il videoclip che dovevo presentare unitamente alla tesi cartacea perchè avevano problemi con il proiettore,ecc), ma poca roba rispetto all'agonia tra i banchi del liceo :)

      Elimina
    2. Come materie pure io, come organizzazione per niente!

      Elimina
    3. L' università di Palermo era, ecco, un pò disorganizzata. Più che altro erano ancora i tempi in cui internet si usava poco e niente e questo faceva la differenza.
      Invece a Bologna devo dire che funzionava tutto molto bene (ma il mio era un corso di laurea piccino picciò).

      Elimina
  3. Io non sapevo più che inventarmi con mia figlia dopo tutto quel tempo a giocare a birilli con le bottiglie del latte o dipingere i fogli riciclati che poi un attimo mi distraevo e bum si pitturava tutte le braccia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari pitturarsi le braccia è una nuova forma d'arte XD

      Elimina
  4. A me è sempre piaciuto andare a scuola,c'era semrpe qualcosa da imparare, anche se non sempre dalle maestre.
    Credo siano cambiate molte cose da quando non ci vai più sai?
    Per i miei figli, per dire, il grembiule c'è ed io ne sono ultra felice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il grembiule alle elementari lo avevo :)
      Non mi piacevano le superiori, ma avevo prof. tremendi.

      Elimina