sabato 7 marzo 2015

#IoSonoAlmaviva


Si, lo so. Questo blog dovrebbe parlare dei fatti miei, ma ci sono cose che non possono essere ignorate.
Ultimamente, spopola ovunque in giro per il web IoSonoAlmaviva.



Praticamente tutti ne hanno sentito parlare.
Io non lavoro per Almaviva, ma so cosa è.
E lo so perchè a Palermo tantissimi amici, amici di amici, conoscenti, amici di conoscenti, conoscenti di amici lavorano per Almaviva.
Almaviva è essenzialmente una società che gestisce dei call center per altre società.
Avete presente quando avete un problema con, che ne so, la Wind e telefonate al 155 e vi risponde una voce che dice:"Buongiorno, sono Pina, come posso aiutarla?"
Ecco, Pina molto probabilmente è un dipendente Almaviva.
Sta tutto il giorno con la cuffia e risponde alle nostre telefonate.
E non solo per conto di Wind, ma anche per conto di Alitalia, Sky, Tim e via dicendo.
Insomma, aziende grosse e che qualche soldino ce l'hanno.
Ma veniamo al punto: Wind, a quanto pare, vuole appaltare il call center all'estero, dove costerebbe molto meno, e circa 1700 persone resterebbero senza lavoro.
Io lo capisco che costa meno, eh.
Ma non condivido.
Per tanto motivi.
In primis, perchè non è che in Italia -non parliamo poi di Palermo- perdi il lavoro, mandi il curriculum e il giorno dopo ne hai un altro.
E se la gente non ha un lavoro, non spende soldi.
E se non spende soldi, l'economia crolla.
E se l'economia crolla, chiudono altre aziende.
E se chiudono altre aziende, altre persone perdono il lavoro.
Un cane che si morde la coda insomma.
In fondo, è quello che ci sta succedendo da un pò di tempo a questa parte, dovremmo saperlo.
E dovrebbero saperlo anche quelli che delocalizzano il lavoro, quelli che non riducono le tasse sul lavoro, quelli che continuano a dirci di tirare la cinghia. Ma a quanto pare, non lo sanno.
O fanno finta di non saperlo.
E poi, vi racconto una storia: ho lavorato in una grossa azienda. Molto grossa. Con tanti soldi.
Ma proprio tanti, non avete idea del fatturato di questi qua.
L'help desk interno era appaltato a una società rumena.
In pratica, io dipendente, se avevo un problema, che ne so, con il badge o con la posta elettronica aziendale, componevo un numero interno e mi rispondevano dalla Romania.
"Salve, sono Tizia del reparto X, non riesco a configurare la posta elettronica"
"Ahjeuedjwedjejjfjejwndnwed dddwdkn diddiidldncoan"
"Scusi, non capisco"
"Aasqsa dqdnjqdwwen dind d iwndsd"
Al che riattaccavo, andavo dal responsabile e gli spiegavo che c'era un problema di comunicazione.
"E' che rispondono dalla Romania, non tutti parlano bene l'italiano"
"Ma è il nostro help desk interno"
"Si, ma in Romania costa meno"
Non ho niente contro la Romania, immagino siano in difficoltà anche lì, ma comunque il mio problema non lo risolveva nessuno perchè ora che trovavo qualcuno che capiva quello che gli stavo dicendo, il problema me l'ero dimenticato.
Me le immagino le vecchine che chiamano:
"Pronto? Salve, ho un problema con uozzapp, il mio aifon regalato dal nipotino di otto anni non funziona"
"Qsjfjffhew dnejdnjewdn ejnej"
"Tu-tu-tu-tu-tu-tu"
Per Almaviva si stanno mobilitando tanti personaggi famosi, si stanno mobilitando i dipendenti, si sta mobilitando la gente comune.
Basterebbe solo che Wind e in generale le altre grosse aziende che si ritrovano a fare scelte come quelle di Wind ragionassero un attimo sul prezzo che tutti noi italiani dobbiamo pagare per queste scelte.
E che si detassasse il lavoro. Un pò eh, mica pretendo che non si paghino più tasse.
Quel pò che basterebbe per dare a tutti, giovani e vecchi, un barlume di speranza che ci permetta di vedere la luce in fondo al tunnel.

#IoSonoAlmaviva

3 commenti:

  1. Saresti interessata a pubblicare quanto scritto sulla rivista Postillare? Manda una email alla redazione Postillare@gmail.com Per maggiori informazioni visita il sito www.Postillare.it

    RispondiElimina
  2. mi piace il tuo post. La logica del buon senso, che a quanto pare è così difficile da applicare. Ma tant'è , è l'era della globalizzazione, dell'Europa che tanti problemi causa alla gente comune. Io so solo, che ho avuto un problema con Infostrada e non sono riuscita a farmi capire. E dire che conoscendo qualche lingua straniera capisco le difficoltà che si possono avere se si parla velocemente, e cerco di adeguarmi......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La logica del buon senso, purtroppo, in Italia, non esiste.
      Da quando "sono grande" non ho memoria sia mai esistita in realtà...

      Elimina