lunedì 9 dicembre 2019

Quando la vita ti presenta il conto

Credo che la vita, ad un certo punto, ti presenti sempre il conto.
Rileggendo quello che ho scritto nell'ultimo anno, guardandomi indietro, viene da sé pensare che prima o poi sarebbe successo qualcosa che mi avrebbe fatto fermare a riflettere, a chiedermi se avessi sbagliato qualcosa o se le mie scelte erano -e sono- giuste.
Non troppo tempo fa ho ricevuto una notizia che non mi aspettavo. Col senno di poi, me la sarei dovuta aspettare, ma con i se e con i ma siamo bravi tutti.
Era un sabato mattina di fine estate, la mia faccia -sebbene non l'abbia vista allo specchio- me la ricordo bene. Mi ricordo i pianti, il senso di impotenza, la paura.
Ad un certo punto, questa notizia l'ho condivisa con chi avevo -ed ho sempre avuto- vicino e la reazione è stata più o meno come la mia: pianti, impotenza, paura.
So che ci sono persone che sarebbero volute essere al mio posto, lo so perché mi sono state riportate le parole di chi il mio posto lo avrebbe preso volentieri, di chi il mio posto lo voleva, lo rincorreva, lo sognava.  Io quel posto non lo volevo e -tutto sommato- me lo sono dovuta fare andare bene, me lo sono dovuta cucire addosso e, di fatto, me lo sono dovuta tenere.
Che poi, dovuta. Ad un certo punto, ho probabilmente anche voluto tenermelo quel ruolo, mettendo sul piatto della bilancia i pro e i contro.
Ho pensato ogni giorno -e lo penso anche in questo momento- che la vita mi abbia voluto presentare il conto per le mie scelte avventate e lo ha fatto nel modo più impegnativo possibile: con qualcosa che resterà per sempre e che mi porta sentimenti contrastanti ogni giorno. A volte credo sia giusto, altre volte credo sia sbagliato, a volte mi fa sentire bene, altre volte malissimo.
I conti veri e propri con tutto questo li farò, li faremo, tra qualche mese quando sarà tutto più concreto e reale. Intanto si va avanti, piano piano, a fatica, con il tempo scandito da una corsa da una parte e una corsa dall'altra perché, in determinate situazioni, c'è sempre un posto in cui correre, qualcosa da fare, qualcosa da sbrigare.
Nell'ultimo mese, mi sono chiesta se le mie decisioni sono state giuste, se ho preso la strada giusta, mi è stato detto e ripetuto tantissime volte "Decidi tu, hai carta bianca". Non credo che quello che volessi fosse prendere decisioni avendo carta bianca, probabilmente avrei preferito avere qualcuno che mi dicesse esattamente cosa fare, ma è vero anche che lasciare carta bianca a qualcuno su cose che ti cambiano completamente la vita sia, in fondo, un enorme atto d'amore.


So che le mie scelte sono state -e saranno- difficili da accettare per molti altri e, in fondo, mi dispiace.
Mi dispiace per chi si è trovato a scoprire cose che non avrebbe voluto scoprire e che forse avrebbe voluto che non fossero mai accadute, ma sono accadute, ci sono e ci saranno sempre.
Mi sono chiesta un milione di volte cosa avrei fatto io se fossi stata dall'altra parte e, credo, che probabilmente avrei fatto cose molto diverse, ma di fatto non lo saprò mai. 

Un paio di giorni fa siamo stati a Perugia, era da tempo che non trovavo del tempo per fare qualcosa di bello. Abbiamo mangiato e tanto anche, visto che ho avuto un periodo in cui mi svegliavo la mattina in cui l'ultima cosa a cui pensavo era mangiare. Abbiamo camminato, abbiamo visto i mercatini di Natale, mi sono sforzata di non addormentarmi in macchina.
Ho ripreso a fare cose che avevo evitato di fare negli ultimi tre mesi per paura che mi succedesse qualcosa perchè, ecco, erano mesi in cui ci sembrava che pure una goccia d'acqua potesse essere un problema (paranoie da inesperti, sia chiaro, solo che quando è tutto nuovo succede).
Ho ragionato che si, la vita mi, ci, ha presentato il conto, ma che questo conto va affrontato e gestito perché è andata così. E, in fondo, ne sono felice

Nb. Non è un post criptico, è un post di riflessione. Probabilmente, per capirlo a fondo, vanno letti i post degli ultimi otto mesi almeno.

154 commenti:

  1. secondo me la vita non presenta proprio un cazzo

    anzi, nella vita di causale non c'è quasi mai nulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che la "sfiga" come causa effetto non c'entra?

      Elimina
    2. Io ho un po' sta sensazione 😂

      Elimina
    3. Anche secondo me la vita non presenta conti a caso: se hai mangiato tutte le sere del salame è probabile che il tuo fisico ne risenta, potrebbe invece non accadere tutto ciò, ma se accadesse sarebbe a causa delle tue scelte malsane.
      Tutto ciò che facciamo crea la nostra vita, il nostro destino è creato esattamente da noi tramite le nostre scelte (e un pizzico di casualità temporale, ma non si tratta di un conto), non esiste il fato che ci presenta il conto salato per le scelte buone o brutte. Per chi ha fede certo che sì, ma ciò accade nell'aldilà.
      Sii contenta sempre delle scelte che fai, anche se non vengono condivise. Non ha importanza ciò se quelle scelte ti rendono felice in quel momento esatto.
      Anche perché temo che se credessi alla teoria che la vita ti presenta il conto potrebbe presentartelo anche se sei stato apatico e accidioso. Per me la sfiga non esiste, se non per scherzarci su.
      Barbara

      Elimina
    4. Diciamo Barbara, che credo che a volte si facciano delle cose senza pensare che probabilmente se c'è l'1% di possibilità che accada quella cosa come diretta conseguenza, quella cosa accada proprio a noi (non so se è chiaro cosa intendo,forse mi sono espressa in modo un po' contorto)...

      Elimina
  2. Cara Gilda, prendiamola come viene tanto lo hai capito, non cambia nulla!!!
    Ciao e buona settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ennesimo post dove non si capisce una sega. Non si capisce di quale conto si parli, non si capisce cosa sia successo di grave o di serio, non si capisce a quale scelte si faccia riferimento. Ma va bene, tanto per scrivere qualcosa; va bene, per incuriosire il lettore; va bene: tanto alla fine l'importante è che se ne parli... e se poi non si capisce meglio così, si faranno domande, ipotesi, congetture. E poi alla fine mal che vada si griderà agli "haters".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma veramente ho scritto (in piccolo per carità) che è un post di riflessione e che per capirlo consiglio di leggere quelli precedenti (con lo stesso tag chiaramente) 😅
      Più chiaro di così...

      Elimina
  4. A volte me lo chiedo anche io se la vita presenta il conto. Sai che c'è la fregatura dietro l'angolo, quando si vive un bel momento e tutto sembra andare alla grande.
    Ma è un pensiero irrazionale, non credo sia così.
    Non ci sono cause-effetti, l'importante è restare sempre sereni.
    Comunque, tu sei felice: va bene così :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che si, lo sono. Nonostante i fulmini a ciel sereno, nonostante non sia sempre facile, nonostante la strada sembri sempre in salita 😉

      Elimina
  5. Ogni cosa che ci succede richiede un a scelta, per quanto ci si sforzi di fare quella giusta, solo il tempo ci darà la risposta, certo è che in quel momento, in quella circostanza, ci sembrava giusto così. Come dici tu....col senno di poi.....son bravi tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, il senso è proprio quello.
      Sembra più giusto così adesso, chissa un domani...

      Elimina
  6. Il conto si spera sempre non sia troppo salato..

    RispondiElimina
  7. Secondo me se ci si comporta in un certo modo non è certo, ma assai probabile che la vita presenterà il conto. Andando terra-terra, so che non facendo mai sport e mangiando poco sano ho buone possibilità di invecchiare male e morire male (a dirla tutta, mi sento già un catorcio).
    Poi certo, ogni scelta comporta conseguenze anche non prevedibili... ma una volta presa una strada, non resta che andare avanti e mettere pezze dove possibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh si, alla fine vale un po' il detto "hai voluto la bicicletta e ora pedala", anche per cose non esattamente previste o aspettate (ma che chiaramente non sarebbero accadute se non a causa di altre scelte).

      Elimina
  8. Chissà perché questa espressione non mi è mai piaciuta!
    Mi vien voglia di dire: ' Scusi cameriere vita, guardi che ha sbagliato tavolo!' oppure: 'Porca miseria! Ho dimenticato il portafoglio a casa!'
    Trovato!!!
    Facciamo come nel film di Pieraccioni: una bella corsa per vedere chi lo paga questo conto per poi, alla fine della via, girarsi e fare, alla vita, l'universale gesto dell'ombrello!!!
    Prova a prendermi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, devo dire che non è una cattiva idea 😅

      Anche se è vero che da certe cose non si sfugge, in alcuno casi vita natural durante..

      Elimina
  9. Continuo a pensare che tu sia incinta. Nel caso, auguri. 😜

    RispondiElimina
  10. Un po'come essere al tavolo di un ristorante,dopo una cena importante, chi dà di matto, chi sparisce, chi nega di essersi seduto. O il ristoratore chiama i carabinieri, oppure qualcuno paga magari anche per gli altri.

    RispondiElimina
  11. Non è che la vita ti presenta il conto, è che prima o poi dovrai sopravvivere alle conseguenze delle tue decisioni. Tutto sta ad avere la fortuna di prendere sempre le decisioni giuste (e sembra facile!), che non vanno mai argomentate secondo me. Quello che a me sembra giusto può sembrare un errore per qualcun altro, ma solo io posso sapere cos'è meglio per me. Credo tu abbia fatto lo stesso, o almeno te lo auguro di cuore.

    Ps non so com'è ma anch'io ho la sensazione che tu sia incinta, sicura sicura che non ci devi dire niente? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema, secondo me, è che decisioni che a volte sembrano giuste poi si rivelano sbagliate e viceversa. Razionalmente so che non bisognerebbe piangere sul latte versato, in un senso o nell'altro, però che fatica...

      Ps. Qualcosa dirò, giuro. Sto aspettando che si risolva una questione (spero presto, ma purtroppo dipende da terze persone) e poi avrò modo di scrivere decine e decine di post cuoriciosi e unicornosi 😅

      Elimina
    2. Tesoro, sai che ti voglio bene e tifo per te. Non sei obbligata a dire più di quanto dici, in questo senso il blog è terapia e solo chi scrive lo sa. Tieni per te quello che non puoi dire e sfrutta ogni cosa per risolvere situazioni personali, e condividi quello che ti fa stare bene.

      Elimina
    3. Hai centrato il punto Simo. Ultimamente sto usando il blog come terapia, è stato un anno difficile, gli ultimi tre mesi sono stati molto pesanti, quindi spesso scrivo solo ed esclusivamente per sentirmi meglio io.

      Elimina
    4. Visto che i commenti hanno preso una strana piega, ne approfitto per scriverti un commento che c'entra niente col post :) ti ho "nominata" in un TAG a tema, se vuoi fare un salto da me.

      Elimina
    5. Una piega surreale Simo, non li elimino onde evitare di scaturire reazioni peggiori, ma vabbè. Prima o poi se ne faranno una ragione :)

      Ps. Arrivo da te subito!

      Elimina
  12. Vabbè dai dillo, non voglio spoiler are ma è una bellissima notizia. È un miracolo d'amore... La puoi dire su su... Magari mantieni la suspense sul sesso... Bacioni e auguri

    RispondiElimina
  13. MammaNellaTormenta13 dicembre 2019 14:57

    Ma auguri... La maternità è una gioia bellissima... Sono felice per te... E il papà che dice?

    RispondiElimina
  14. Ragazze aspettiamo che ce lo dica lei.smettetela. CMQ CONGRATULAZIONI BELLA :). Idee sul nome??

    RispondiElimina
  15. Anche io penso sia incinta, e l'istinto femminile non tradisce. Però si credo sia più normale aspettare che ce lo dica lei.sarax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuro che in ogni caso non chiedo di mantenerlo a voi 😅

      Elimina
  16. Ma allora è maschio???????

    RispondiElimina
  17. Massimiliano se maschio, Ludovica se femmina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito chi sono Massimiliano e Ludovica, però devo dire che sono due nomi bruttarelli per i miei standard 😅

      Elimina
  18. Se posso inserirmi in questa fondamentale discussione, su supposizioni di altrui condizioni personali, vorrei dire che secondo me come riflessione non avrebbe usato la frase "la vita ti presenta il conto" per riflettere su un'eventuale gravidanza non prevista. Quindi non capisco, al di là delle battute simpatiche, dove lo avete intuito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente, vista la situazione sentimentale complessa che ho affrontato - e affronto- da un anno a sta parte ci può anche stare, eh.
      Solo che boh, pure se fossi incinta di sei gemelli, sembra quasi non sia io (e il padre ovviamente) a doverli campare, ma i lettori anonimi di questo blog 😅

      Elimina
  19. Ma chi ha detto che sono i lettori a doverlo campare? Non vedo commenti di questo tipo. Solo auguri e suggerimenti sul nome. Boh. SaraX

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri e suggerimenti sul nome di un figlio che io non ho scritto in nessuna riga di questo post di aspettare ;)
      Che poi per carità, potrebbe essere vero, così come potrei essere sterile, così come potrei stare facendo un percorso di fivet o chissà quante altre opzioni, quindi boh dovrei dirlo io ;)

      Elimina
    2. AUGURI... E CONGRATULAZIONI

      Elimina
  20. KarlaLagerfield17 dicembre 2019 20:29

    Ma dai? Che bello!!! È proprio il caso di dire: non puo essere vero! Qui ci stava :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine magari ti ritroverai a scrivere post da mamma panchina anche tu... Ahahaha

      Elimina
    2. Tipo quelli sul doccino?

      https://www.nonpuoesserevero.it/2017/11/perche-le-mamme-pancine-non-mi.html?m=1

      Elimina
  21. Mamma Gilda è bellissimo..... Birbantella, ma dai che ho dovuto saperlo da Claudia???

    RispondiElimina
  22. Il conto che la vita ti riserva se non prendi precauzioni... Hahhahah... Auguri Tesoro.....

    RispondiElimina
  23. Scusa mi dici come si mette il link di un post sullo stato di WhatsApp? Grazie

    RispondiElimina
  24. Ma che vuol dire a forza di farcela, ce la facciamo? Cioè non capisco se è una frase ironica, però poi leggendo il titolo sembra un post serio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un'immagine presa in rete, significa che a furia di farcela a superare ostacoli, si arriva a farcela del tutto (spiegato malissimo, spero si capisca).

      Elimina
  25. Eventualmente il giorno in cui aspetterai davvero un bimbo se dovesse essere una femmina ti consiglio di mettere SANTAL mi sembra molto carino ☺
    🤦‍♀️🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santal mi piace tantissimo 😂
      Ma anche Derby non sarebbe male 😂😂😂

      Elimina
  26. Risposte
    1. Cos'è? L'ennesimo suggerimento per un nome o una provocazione manco troppo velata?

      Elimina
    2. Dovevi farti da parte...

      Elimina
    3. Potrei in effetti cancellare questo commento, ma presumo che l'unica cosa che otterrei sarebbe una raffica di commenti anonimi sull'argomento, oltre al fatto che non è mia abitudine cancellare commenti.
      È evidente che questo sia un commento di qualcuno che non è un mio amico nè tanto meno un conoscente perché nessuno si è mai permesso di scrivere determinate cose. Idem vale per persone a me vicine che avrebbero tanti buoni motivi per scrivere determinate cose.

      In questo blog, ci sono nomi che non compaiono per scelta. Non la mia, ma quella dei diretti interessati che tengono alla loro privacy (sul web in questo caso, ma vale in generale) sicuramente più di me. Ed è mio dovere, in virtù di tante cose (ma una in particolare) non solo rispettare questa scelta, ma anche difenderla, quindi -almeno su queste pagine- a questa domanda e a provocazioni manco troppo velate (mi autocito) non rispondo, senza se e senza ma, perchè ê sufficiente che il pensiero e i gesti di alcune persone li conosca io e nessun altro

      Elimina
    4. Chi è Diego?

      Elimina
    5. sarà il padre...ahahahAhahaha

      Elimina
    6. Di chi? Mio padre si chiama(va) Ezio. https://www.nonpuoesserevero.it/2019/07/un-nuovo-tatuaggio.html?m=1

      Elimina
    7. Ne hai fortemente voluto la separazione, cercando disperatamente di rimanere incinta, in modo sistematico, potendo così coronare il sogno della tua vita di andare a vivere insieme continuando però a fare finta di nulla, scrivendo su internet tutta la tua vita di modo da ferire le persone di cui non te ne è mai importato nulla.

      Elimina
    8. A na certa arriva la marmotta che confeziona la cioccolata, vero?

      Elimina
    9. Ma la gente si droga?

      Elimina
    10. O forse aspetta la marmotta e, nell'attesa, vede i draghi 😂😅

      Elimina
  27. Tra questo e l'altro post di maggio, c'è una quantità sconcertante di commenti che dimostrano che alla mancanza di dignità non c'è fine.
    ��‍♀️
    Tesoro, l'unica cosa che ho sempre pensato dei conti che presenta la vita è che per quanto salati siano, se mi è piaciuto conta solo star lì e pagare. Punto. E a te questa capacità non è mai mancata.
    Tutto il resto so' chiacchiere ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi, ho spesso il sentore che molti commenti vengano tutti dalle stesse persone che spesso non hanno manco il coraggio di firmarsi. E si che non ho mai negato a nessuno la possibilità di confrontarsi con me, sia sul blog, sia in altri modi, anzi...

      Per il resto direi che hai detto una cosa a cui non avevo pensato e che forse mi può tornare utile per affrontare meglio determinate cose...

      Elimina
    2. È molto semplice. Ne è valsa la pena? Allora pago, punto. Nella vita la felicità non è mai gratis, bisogna cercarla e andarsela a prendere.
      E anche sapersela tenere, se mi è consentito. Che dopo il jobs act, il tempo indeterminato ormai non esiste più manco nei contratti di lavoro figurati negli altri campi!

      XOXO

      Elimina
    3. Già, sulla felicità bisogna lavorarci e io -credo- ci sto lavorando, anche se spesso la strada mi sembra tortuosa. Ti voglio bene ❤

      Elimina
  28. Volevo consigliare a tutti il ristorante Vegano Verdechiaro di Palermo. Ti aspettiamo Gilda e ti ringraziamo per la visita di sabato scorso. VC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io sabato scorso ero a Roma e in un ristorante vegano non ci andrei mai 😂😂😂😅😅😅

      Elimina
  29. Ma veramente parlando ci hai detto che avevi partecipato ad un convegno sulle allergie alimentari a Villa Niscemi, ed hai apprezzato i nostri piatti, molto attenti ad allergie ed intolleranze. Buona serata da Verdechiaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei dovuto partecipare, ma non ho partecipato ;)
      Ed essendo poliallergica LTP, ribadisco, non andrei mai in un ristorante vegano ;)
      Ottimo modo di farsi pubblicita eh 😅

      Elimina
  30. Veramente siamo noi che stiamo facendo pubblicità a te e alla vostra associazione. Buona Serata e la aspettiamo sempre con sua madre da VERDEchiaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho un'associazione 😂😂😂
      Io non ho davvero parole, giuro.

      Elimina
  31. Ci sembra che sua madre parlando con noi avesse detto di essere Presidente Laboratorio Fareambiente Palermo. Come vede siamo noi che vi stiamo facendo pubblicità senza nessun problema. Comunque non capiamo questa sua ritrosia. VC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Millantare che ero a Palermo quando io ero a casa mia a Roma è abbastanza grave 😅
      Oltre al fatto che questo blog è MIO, quindi dovrei decidere io a chi e cosa fare eventualmente pubblicità. Non voi che manco so chi siete (e no, non definisco affidabile un ristorante che inventa cose, senza rendersi manco conto della gravità).

      Elimina
    2. Si, sto goffo tentativo di farsi pubblicità vince su tutto 😂

      Elimina
  32. Ma alla fine si è capito chi è Diego?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli dedicherò un post, giuro.
      Prossimamente sui vostri smartphone 😅

      Elimina
  33. E chi lo sa... Intanto sullo stato di wapp mette foto con marito...

    RispondiElimina
  34. Ovvio che puoi! Anzi sono ben felice se siete tornati insieme. Dopo il post in cui dicevi di aver perso la testa per un altro, è alquanto curioso rivedervi insieme. Tutto qui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che non mi spiegherò mai è come da una foto si possa stabilire il tipo di relazione che si ha con una persona. Per lo stesso principio dovrei avere anche una dozzina di relazioni lesbo 😅😂

      Elimina
  35. E chi lo sa quello... Il punto è che dopo aver scritto quel post di quando hai perso la testa per un altro, in cui raccontavi più o meno velatamente di aver buttato all'aria un matrimonio (cose che possono succedere), come fai dopo qualche mese a postare una foto insieme al tuo (ex) marito. Ma la domanda soprattutto è: ma come fa lui?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi provare a chiedere a lui.
      In generale cmq avevo già scritto che non tutti si odiano, non tutti vogliono ammazzare mogli o ex mogli che siano. E per fortuna ;)

      Elimina
    2. Ma cosa c entra? Tra ammazzare una ex moglie che ha "sputtanato" il tuo matrimonio su un blog e farti un selfie insieme da postare sul profilo WhatsApp di lei ci sono infinite vie di mezzo. Non credi?

      Elimina
    3. Indubbiamente ;) Proprio perché esistono infinite vie di mezzo mi chiedo come facciate a trarre conclusioni o a sapere cosa passa nella testa delle persone guardando una foto che potrebbe significare milioni di cose (oppure non significare assolutamente nulla), non credi?

      Elimina
    4. Io una foto con una che mi ha sputtanato in un blog letto da amici, parenti e familiari, solamente per soddisfare il proprio ego "social" non me la faccio. Poi sarò strana io, che ti devo dire, magari ho principi e valori diversi dai vostri. Ma va bene così

      Elimina
    5. Ma io sono contentissima se c'è qualcuno con valori e principi diversi (e sicuramente migliori) :)

      Elimina
  36. Certa donne non hanno il minimo senso del pudore... Certi uomini non hanno sanno cosa sia la dignità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fidati che ho visto più donne che uomini senza dignità. E molti commenti a questo post lo dimostrano ;)

      Elimina
  37. Ma questa è una che si è voluta sposare in fretta e furia perché una sua amica/conoscente aveva organizzato un matrimonio da favola con annesso blog. Sposata in municipio ai ponti del Laurentino38, e poi pranzo a buffet (degno della peggior festa di 14 anni) a casa di lui. Tutto riferito da persone molto molto molto vicine a Lui. Ma fatemi il piacere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fretta e furia? Mi sono sposata dopo sei anni di convivenza, in municipio perché non siamo credenti (non abbiamo neanche tutti i sacramenti, entrambi). Non c'è bisogno che qualcuno riferisca, ci sono foto ovunque della festa (che personalmente ho amato, fatta esattamente come la volevamo, nonostante le mie stampelle) ;)

      Ps. Chi è l'amica/conoscente del matrimonio da favola con annesso blog?

      Elimina
  38. Certo certo, come si dice: quando la volpe non arriva l'uva... Sei grottescamente comica, mi dispiace solo per gente che ti è stata vicino non rendendosi di chi fossi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E a me dispiace per chi commenta da anonimo non avendo neanche il coraggio di mettere nome e cognome ;)

      Ma quest'amica/conoscente chi è? Sono curiosa!

      Ps. Basta che l'uva sia bianca, quella scura non la amo particolarmente!

      Elimina
  39. Ma si fai la spiritosa... Ma poi a quali stampelle ti riferivi. Ora vuoi farti passare anche da invalida?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.nonpuoesserevero.it/2017/03/ho-un-ginocchio-rotto-e-mi-viene-da.html

      Basta seguire l'ordine cronologico dei post ;) Che poi eh, mica le stampelle le utilizzano solo gli invalidi (che poi non tutti gli invalidi hanno disabilità motorie), basta rompersi una rotula.

      Ma quest'amica/conoscente chi è ? Esiste almeno?

      Elimina
  40. Balenottera curiosa...

    RispondiElimina
  41. È palese che il povero alé sia succube di una poraccia. Ma finché non sarà lui il primo a svegliarsi non cambierà nulla. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vabbè, che devi fà? 😅

      Un bacino dalla poraccia 😘

      Elimina
  42. Io niente... Cmq il fatto che tu sia consapevole di essere una poraccia è già un piccolo passo in avanti. Baci a te poraccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, mica ne sono consapevole, però mi piace fare contente le persone che si arrogano il diritto di offendere ;)

      Elimina
  43. C'è chi si arroga il diritto di scrivere post sapendo cosa potrebbe dare o non dare fastidio al marito, e chi di chiamarti poraccia. Viva la libertà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no!! La differenza sta nel fatto che io, di norma, faccio leggere prima al/ai diretto/i interessato/i ;) Qui nessuno mi ha chiesto prima se volessi essere chiamata poraccia, quindi si tratta di offendere in modo gratuito.

      Elimina
  44. Ancora con questa storiella che fai prima leggere i post all'interessato di turno. Gilda:"Marito scusa, ho scritto un post in cui dico di aver perso la testa per un altro. Mi dici se va bene o se può darti fastidio. Grazie. Mentre leggi io aspetto di là". Marito: "Ho letto, si dai, puó andare bene, magari non esagerare con i dettagli. Però nel complesso è ok".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è andata esattamente così, mi spiace deluderti :)
      Per altro mi diceva giusto poco fa, leggendo questi commenti, che non conosce nessuna Ada. Non sarebbe piu carino usare un nome reale? ;)

      Elimina
  45. Ada (nick di fantasia)23 dicembre 2019 19:11

    Scusami, ma tu sei molto meno credibile del nick che uso io per commentare su questo blog. Dici che non è andata esattamente così... Quindi come sarebbe andata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ada (nick di fantasia)23 dicembre 2019 19:18

      Ma no, dimmelo tu dai.. Voglio sentire le notizie direttamente dalla fonte e dall'autorevole autrice del blog...

      Elimina
    2. Ma come? Siete tanto amiche e chiedi a me? Dai, dai... è così bello leggere questi commenti 😂

      Elimina
    3. me sa che sta a cercà de localizzà i commenti

      Elimina
    4. Si localizza l'IP e da quello si risale all'intestario della linea telefonica, fissa o mobile, utilizzata per scrivere i commenti, ma presumo che gli anonimi sappiano che posso risalire a chi scrive cosa e che non si firmino con nome e cognome per motivi che esulano dalla volontà di non essere rintracciati ;)

      Elimina
  46. Ada (nick di fantasia)23 dicembre 2019 19:15

    Che poi Ale non mi conosce... Forse... ma io conosco abbastanza bene le sorelle. Sorelle che, detto tra noi, non ti hanno mai sopportata... Questo lo sai vero? Chiedi ad Ale di smentire. Vediamo che dice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quindi se non mi hanno mai sopportata qual è il problema? 😂😅

      Elimina
  47. Il problema? Che forse non avresti dovuto metterlo in ridicolo con un post strampalato e inopportuno... Te ne dico uno per esempio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa c'entra con il fatto che non mi hanno mai sopportata? Il nesso non esiste, cosi come questi commenti non c'entrano con questo post, ma comprendo che quando si sente la necessità di sfogarsi si faccia un mischione di cose ;)

      Elimina
  48. Beh invece mi sembrano molto appropriati col titolo... Ma poi solo tu puoi sfogarti/liberarti con un post sull'aver perso la testa per un altro, mentre gli altri non hanno diritto di commentare? Se avessi voluto fare un mischione avrei tirato in ballo altre cose, tipo che quando vivevi da Ale ti facevi mantenere dai tuoi tramite "sussidi" mensili. Oppure che ultimamente ti sei fatta dei tatuaggi orribili degni di una psicopatica. Ecco queste cose sarebbe state gratuite e poco pertinenti con l'argomento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivevo da Ale? Mantenere dai miei? Tatuaggi orribili degni di una psicopatica? Squartavo anche criceti in cantina? 😂😂😂😂😂

      Elimina
    2. Ma hai idea di chi c'è dietro a sti commenti allucinanti? O_o

      Elimina
    3. Si che ho idea, con tanto di nome e cognome. Mica basta nascondersi dietro un nick di fantasia ;)

      Elimina
    4. "Ma poi solo tu puoi sfogarti/liberarti con un post sull'aver perso la testa per un altro, mentre gli altri non hanno diritto di commentare?"

      Esattamente, perché il blog è suo e voi tutti siete ospiti. Foste a casa mia vi avrei già tolto il diritto di replica da mo ❤️

      Elimina
    5. Linda, lascio fare perchè comprendo che quando hai poche gioie, sfogare le proprie frustrazioni inventando di tatuaggi psicopatici e company possa essere d'aiuto 😁
      E che non si dica che a Natale non sono più buona!

      Elimina
    6. Ma sta Ada è ridicola ahahahahahahahahaAhahahAHAHAH

      Elimina
    7. Ex mogli,sorelle,etc ti insultano dalla mattina alla sera e tu le difendi?

      Elimina
    8. Non difendo nessuno, l'insulto -soprattutto se in forma anonima (sebbene rintracciabile in questo caso)- lo maltollero in generale.
      Se qualcuno insulta me su queste pagine amen, al massimo posso formulare pensieri al riguardo, ma non permetto di offendere altri commentatori, anche se ineducati e/o poco opportuni :)

      Elimina
  49. Ahahahahaa... E chi lo sa questo. Beh spero di no, anche perché non avevate una cantina...

    RispondiElimina
  50. Oddio non so se c entra, ma anche io ho visto il tuo nuovo tattoo. Posso dirti che mi ha lasciata un po' perplessa... Non vuole essere una critica, eh.

    RispondiElimina
  51. Non so se è l'ultimo, ma uno con una bambola, un cane, dei pianeti, degli unicorni. Se non ricordo male. Ma più che altro è il disegno, sembra realizzato da un bambino (magari la cosa è voluta, ci sta come scelta stilistica). Comunque è un mio parere. Anche io amo molto i tatuaggi, ne ho 9. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è l'ultimo. È lo stile del tatuatore che ho scelto apposta (lo stesso che me ne ha fatti altri tre oltre a questo), non è un realistico, è sketch :)

      Elimina
  52. Dove l hai fatto? (pura curiosità)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuoi sapere chi è il tatuatore?
      Si chiama Alessio Orazi, in arte Gosu, lo studio è il New Skin Tattoo.

      Elimina
  53. A si, mi sa che li conosco stanno in zona Torrevecchia.

    RispondiElimina
  54. Non sono neanche lontanissimi da casa mia, anzi, io sto in zona baldo degli ubaldi. Magari al prossimo tatoo li provo. Anche tu abiti in zona lì?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma ci lavoro. Da casa mia è parecchio lontano :)

      Elimina