giovedì 11 aprile 2019

Io, le prove, le voglio superare

L'ultimo mese e mezzo è stato molto doloroso.
Ho sofferto, mi sono svegliata la notte in preda agli incubi perché mi mancava - e mi manca- mio padre.
Durante questi ultimo mese e mezzo ho sempre sorriso, nonostante tutto.
C'è un mio collega che dice sempre: "Gilda sorride a tutti". Mi hanno detto che io sorrido con gli occhi oltre che con la bocca e lo faccio sempre, sorrido davvero a tutti.
Mi piace essere allegra, mi piace ridere e mi piace sorridere.
Mi piace vedere il mondo a colori e non in bianco a nero.


Durante questo ultimo mese e mezzo ho riso di gusto alle prese in giro dei miei colleghi, alle battute degli amici, a quelle del Marito. 
Ho chiesto scusa, sono stata perdonata.
Ho discusso con un amico e ho sofferto -e soffro- molto per questa cosa, ma so che in fondo ha ragione lui. Insisto, gli dico che mi manca.
Non ho mai insistito con nessuno, se una cosa non va non va, qualsiasi sia il motivo.
Se decido di chiudere chiudo e non riapro, ma questo amico è lo stesso amico che non mi ha mai lasciata sola, anche quando avrei meritato un sonoro calcio in culo.
Mi è stato chiesto scusa, così tante volte che ho smesso persino di contarle.
Mi è stato detto "pensavo mi odiassi", eppure io non ho mai odiato nessuno.
Mi è stato chiesto perché, ho chiesto perché.
Ho abbracciato così forte da non sapere neanche dove l'ho trovata tutta questa forza, sono stata abbracciata così forte da perdere il respiro.
Mi è mancato qualcuno, sono mancata a qualcuno.
Ho visto occhi bellissimi piangere per me, ho pianto per quegli occhi bellissimi.
Ho urlato, ho capito che perdonare non è una cosa semplice. Mi sono data del tempo, ho chiesto del tempo, ho chiesto di portare pazienza proprio io che pazienza non ne ho mai avuta. Ho detto che mi passerà.
Amo e sono amata, così tanto che non so neanche io come sia possibile.
Mi sono sentita dire che sono bellissima.
Mi sono fatta tante domande, ad alcune non ho ancora trovato risposta, solo il tempo mi saprà dire cosa devo fare.
Ho rimesso al proprio posto delle persone a cui quel posto lo avevo tolto nel peggiore dei modi, con una brutalità che non mi appartiene.
Ho ripreso chi avevo lasciato, sono stata ripresa da chi avevo lasciato, il tutto nel giro di uno sguardo.
Mi è stato detto "io non ti ho mai lasciata, tu si" e ho abbassato lo sguardo.
Ho capito che ci sono persone che non possono -e non vogliono- essere divise e mi sono arresa a questo. 
Ho proprio detto "mi arrendo", l'ho fatto sorridendo.
Mi è stato chiesto aiuto, ho provato -e sto provando- a darlo.
Ho capito che se c'è un Dio -e non è una cosa a cui credo- quel Dio mi sta mettendo alla prova e io, le prove, le voglio superare. Con tutta la forza che ho.

28 commenti:

  1. Enigmatico post. In qualche maniera devi comunque continuare a vivere e io continuo a pensarti e mandarti abbracci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che è enigmatico? Io pensavo che i protagonisti avrebbero capito, ma ora mi sta venendo il dubbio 😂

      Elimina
    2. Presumo che gli interessati capiscano. Ma io no :D

      Elimina
  2. In un periodo difficile come il tuo è importante non perdersi. Per tutto il resto c'è tempo. Dati tempo.

    RispondiElimina
  3. E le stai superando.
    Già aver scritto questo post, dove racconti e ammetti anche i tuoi sbagli, ne è una prova (superata).

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'avevo guardata da questo punto di vista in effetti 😘😅

      Elimina
  4. Brava Gilda, le prove sono superate! E direi benissimo.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Un articolo introspettivo in cui si capisce di come sia altamente soggettivo di come si vive la vita...perché mai 'va tutto bene' è assoluto...
    E il tuo approccio alla vita appare concreto e affettivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, mai il "va tutto bene" è assoluto, è una bella riflessione.

      Grazie ❤

      Elimina
  6. Sorridere con gli occhi, che cosa bellissima ;)

    RispondiElimina
  7. E' un post bellissimo. Tu sei una persona bellissima, e gli errori li facciamo tutti. Ciò che ci rende migliori è riconoscerli e migliorarsi. E tu lo fai sempre. Ed io ti voglio bene.

    Giorgia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che ci provo a migliorarmi, anche se ultimamente non mi riesce troppo bene 😅

      Ti voglio bene anche io!

      Elimina
  8. Mettersi in discussione non è mai semplice, però fa bene a se stessi e agli altri. Spero che i messaggi vengano recepiti dagli interessati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare siano stati recepiti e ne sono molto felice ❤

      Elimina
  9. Post molto bello, dimostra quanto sono importanti le relazioni per te, e quanto investi nel rapporto con gli altri. Dimostra che sei un essere umano che, come tutti, procede per tentativi ed errori, in questo cammino incasinato che è la vita. Grazie per la riflessione, è stato utile anche a me fermarmi a leggere e pensare a quello che si adatta anche alla mia vita.
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara grazie a te!
      Se quello che scrivo può in qualche modo "aiutare" qualcun altro ben venga!

      Elimina
  10. Questo post è splendido, dico davvero. E' pieno di una forza interiore e di una determinazione da ammirare. So che non è facile per cui... un enorme abbraccio

    RispondiElimina
  11. Dimostri di saper fare autoanalisi senza eccessi nell'assoluzione, sia di te stessa che di altri. Segno di grande maturità, secondo me. Certo che è un periodo tostissimo...
    Provo anche io a farti sorridere, anche se ho poco a disposizione. L'altro giorno ho detto a mia madre, che stava per saltare un gradino "Mica vuoi cadere! Guarda dove vai". Un secondo dopo... SBAM! col culo sul pavimento ci sono cascata io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di andare col culo sul pavimento è una delle classiche cose che faccio io, sai?

      Elimina
    2. Ah bene, allora non sono io a essere una causa persa e un'impedita... devono essere i fantasmi che si divertono a fare 'sti scherzi!

      Elimina
    3. No no, non sei affatto una causa persa: fidati che io sono peggio!

      Elimina