mercoledì 2 dicembre 2015

Perchè ho scelto il silenzio

A Milano avevo tante preoccupazioni, ma quella più grossa era indubbiamente quella dei ladri che mi svuotavano casa senza lasciare segni di scasso, come direbbe un poliziotto.
Alla fine, avevo scoperto chi era ad entrare in casa e fare man bassa di tutto. Lo avevo scoperto con una telecamerina da due soldi montata all'interno dalla casa, sulla porta d'ingresso. E la scoperta mi aveva lasciato spiazzata. Avevo qualche sospetto perchè, che le persone in questione non erano esattamente persone per bene lo avevo intuito da alcuni segnali, dal fatto che avevano provato a truffarmi ad esempio, senza riuscirci.
Qualche giorno fa ho ricevuto una mail da parte di una di queste persone, molto arrogante, piena di insulti. Ho letto solo qualche riga, poi l'ho cestinata. Prima di cestinarla, però, l'avevo inoltrata a mia madre che, purtroppo per lei, aveva avuto a che fare con queste persone e ne era rimasta parecchio basita.
Non abbiamo risposto alla mail perchè non aveva senso.
Abbiamo scelto il silenzio che spesso è d'oro.
Lo abbiamo fatto perchè insultare, dopo essere stati insultati, non serve a nulla.
E anche perchè non vogliamo avere a che fare con persone di questo tipo, non siamo abituati e, lo confesso, in alcuni momenti ne ho anche avuto paura. Ho paura di chi riesce ad andare contro la legge, a truffare, a rubare. Ho paura, probabilmente esagerando, perche se rubare è una cosa così normale, anche uccidere, un domani, potrebbe diventarlo. E allora, fomentare queste persone non ha senso.
Lo abbiamo fatto anche perchè confrontarsi con chi è arrogante e attacca per difendersi a me fa stare male. Fa stare male perchè non è un confronto, diventerebbe una gare a chi insulta di più e io non la reggerei senza ferirmi perchè non sono davvero in grado di insultare, non riesco ad essere come queste persone.
Lo abbiamo fatto perchè è giusto che chi fa del male agli altri con questa immensa facilità vada lasciato cuocere nel proprio brodo perchè, si sa, il brodo è bollente e prima o poi ci si scotta.
E l'abbiamo fatto anche perchè abbiamo provato pena. Molta pena. Chi fa del male spesso è il primo che soffre, ma per aiutare queste persone bisogna averne i mezzi e le capacità, che io non ho. Bisognerebbe scavare a fondo, capire, forse servirebbe uno psicologo, forse le forze dell'ordine, alle quali ovviamente ci siamo rivolti, ma che probabilmente, possono solo intervenire per punire queste persone, ma non possono davvero aiutarle.
Di questa lunga mail di insulti, mi è saltata agli occhi una frase in cui questa persona diceva di essere molto felice o qualcosa del genere. Ho sempre pensato che chi è davvero felice non ha bisogno nè di dirlo nè tanto meno di fare del male agli altri per esserlo. Ho anche avuto paura: paura di chi può essere felice commettendo un reato.
Ho ripensato, ridendo, a Romanzo Criminale-La serie. Mi è tornata in mente un'intervista ad uno dei membri della banda, che sconta l'ergastolo, in cui dice che si sentivano dei re, ma erano dei criminali.
Il paragone con dei ruba galline è ovviamente un pò forzato, ma non sono riuscita a non pensare che quella che la Banda della Magliana credeva felicità -perchè erano ricchi, avevano i soldi e comandavano Roma- alla fine l'hanno pagata con la vita o con il carcere a vita che, in fondo, è un pò come morire.
Mi sono chiesta a cosa serve. E una risposta non l'ho trovata.

6 commenti:

  1. Tra un insulto e l'altro cosa volevano ancora da te??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo insultarmi, così per hobby.
      Ma non ho letto tutto, solo qualche frase qua e là e se avessi riconosciuto l'indirizzo mail (che non conoscevo) non avrei nemmeno aperto la mail.

      Elimina
  2. Sarà l'ultima mail che ti scriveranno?
    Lo spero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so e lo spero, anche se, adesso che conosco l' indirizzo mail, posso cestinarle senza nemmeno aprirle.

      Elimina
  3. Che brutte persone, mi spiace proprio tanto che tu ne stia subendo la cattiveria. Spero non ti scrivano più mail e tu possa lasciarteli per sempre alle spalle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai è acqua passata!
      Magari prima o poi troveranno pace :)

      Elimina