mercoledì 28 ottobre 2015

Fare l'amore sulla finestra

Ad un certo punto della mia esperienza milanese, mi sono trovata a condividere l'appartamento con una coinquilina. Sono anni che non condivido casa con qualcuno che non sia Fidanzato e i nostri cani, ma cosa volete che sia? Ho vissuto con diverse persone, qualcuno un pò migliore di qualcun altro, ma non essendo mai in casa e facendo dei turni un pò particolari, alla fine, andava bene così, visto comunque che non avevo scelta.
La tizia non si è presentata nel migliore dei modi, visto che dopo un paio di giorni che era in casa, mi ha svegliata nel cuore della notte perchè non sapeva aprire la porta, ma che ve lo dico a fare? Allora, spiegale come si inserisce una chiave nella toppa, come si gira una chiave, tutte cose che, insomma, i miei genitori mi hanno insegnato a otto anni, ma non è mai tardi per imparare.
La tizia non era troppo pulita: piatti sporchi sempre e comunque, immondizia abbandonata nel corridoio, ma anche li: portare pazienza  che tanto prima o poi, questa pessima avventura milanese finirà.
Ad un certo punto, è comparso anche un fidanzato che, come nel peggiore degli incubi, è venuto praticamente a vivere lì. Poco educati i due, visto che avevano fatto della cucina il loro quartiere generale ed era diventato impossibile anche prepararsi un panino, ma bisogna porgere l'altra guancia, no?
E sorvoliamo anche su questo fidanzato che era sempre lì, che faceva la pipì in giro per il bagno (io lo giuro, mai vista fare una cosa del genere a Fidanzato, se no non sarebbe Fidanzato), che abbandonava la sua biancheria sporca anch'essa in giro per il bagno, come la pipì.
Insomma, mia madre aveva anche conosciuto la tizia e me l'aveva detto:"Da una che spegne le cicche di sigarette sul bidet e poi non lo toglie, cosa vuoi aspettarti?" ma io comunque avevo poca scelta, per tutta una serie di motivi pensare di trovare casa a Milano per un paio di mesi era abbastanza impossibile. E si che ci ho anche provato.
Ma il top è stato raggiunto una sera.
Ero a casa, dopo un'infernale giornata di lavoro, un turno pessimo (in termini di orario, cosa avete capito?), ma la gioia -immensa gioia- di una trasferta il giorno dopo per una gara di ginnastica che sarebbe durata ben due giorni.
Due giorni di ginnastica, si sa, aprono il cuore, quindi ero felice.
Stavo amabilmente chiacchierando con due amiche su whatsapp e mi è venuta sete. Molta sete.
Io, sia chiaro, ho sempre una bottiglia d'acqua sul comodino, visto che bevo quanto un cammello (che però, alla fine, l'acqua la conserva, io invece bevo quanto un cammello ogni cinque minuti), ma volevo l'acqua fredda. Mi avvio, quindi, verso la cucina e noto la luce accesa e la porta a soffietto aperta a metà. Non sento rumori, ma anche se fosse, chi se ne frega.
Una doverosa premesse è che in cucina c'era una finestra e questa finestra dava su una strada molto trafficata, sia in termini di auto che di pedoni. A tutte le ore del giorno e della notte. Vuoi i negozi, vuoi i bar, vuoi la fermata del tram, un sacco di gente. Sempre.
E mi è capitato diverse volte che qualcuno guardasse in direzione finestra. Probabilmente non volevano guardare me, ma essendo alla mercè dei passanti, ci sta che cada l'occhio. Normale e comprensibile. Quindi, come mi ha insegnato la mia santa madre, non si sta nudi davanti la finestra perchè chiunque potrebbe vederti e pare brutto. Molto brutto. Poi magari ti fanno anche una foto e finisce su internet e allora ciao reputazione. Magari è un'idea un pò fantasiosa, ma non si sa mai. Meglio prevenire che curare.
Dicevo quindi: avevo sete e ho deciso di andare a prendere l'acqua fredda in frigo.
Entro in cucina e, come nel peggiore degli incubi, i due si stavano accoppiando sulla finestra, culo al vento verso la strada. Lei comodamente seduta sulla finestra e lui che spingeva. Bum bum bum. Ma come state?


Io però avevo sete, quindi ho detto "scusate" e l'acqua l'ho presa comunque. Volete che la mia sete sia meno importante del vostro amplesso?
Non che i due abbiamo detto nulla, lui si è giusto un attimo girato e ha continuato. Che io davvero capisco che sia difficile smettere di fare una cosa che ti piace, ma magari a me sarebbe caduta la faccia per terra. E avrei stentato a raccoglierla.
Ho immaginato cori pakistani di voyeur sotto casa. Cori cinesi. Cori delle sciure milanesi.
"Dateci dentro alè oooooo".
E cosa potevo fare io? Ho preso il telefono e ho chiamato di corsa mia madre per raccontarle dell'accoppiamento finestrato. Fidanzato, mannaggia a lui, dormiva già, quindi ho dovuto attendere la mattina dopo per fargli presente che, non per colpa mia, mi sono trovata davanti un pisello vagante.
Io capisco, davvero, che quando si sta insieme da poco si diventa scemi. Ma a settant'anni in due, forse accoppiarsi in una stanza dove sai che potrebbe entrare in qualsiasi momento un'altra persona lo eviterei. A meno che non ti piace farti guardare, chi lo sa.
Io mi sono anche un pò vergognata eh. Giusto il tempo di cominciare a ridere come una disperata.

E poi uno si chiede perchè non ne potevo più di tutto quello che mi circondava a Milano.
Ve l'avevo detto che con calma, avrei raccontato tutto, una volta sana e salva a casa mia, no?

22 commenti:

  1. Magari sono quelli a cui piace farsi guardare XD. io a Venezia avevo una casa piano terra che i turisti scambiavano per attrazione turistica perche' era vicina al vaporetto e venivano a guardarci in casa. Un giorno esco nuda dalla doccia sapendo che la finestra e' chiusa, invece la coinquilina l'aveva aperta a mia insaputa. Cosi', mi trovo davanti famigliola teutonica che mi guarda sconvolta. Io ho solo detto "hello" con naturalezza e sono scappata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha ma questa è meravigliosa!!!

      Elimina
    2. Fantastico! Strano che la famigliola teutonica sia stata sconvolta però, qui proprio senza persiane e senza tende, non si fanno proprio problemi eheheheh!

      Elimina
    3. Ehehehehehe, io sarei morta comunque di vergogna, ma io sono un caso patologico.

      Elimina
  2. All'università mi è capitato di beccare una coinquilina con il tipo di turno in pieno amplesso in cucina...niente: facce di bronzo incredibili!
    Evidentemente non è una questione di età

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io che pensavo che dopo una certa età (sedici anni, non di più) subentrasse il pudore...

      Elimina
  3. mbè!?! dov'è la foto alla finestra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non ce l'ho..però i dettagli li avevo esposti a lavoro :P

      Elimina
  4. Ti giuro che mi sono ribaltata dalla sedia per le risate!!!

    RispondiElimina
  5. Che risate... immagino la scena... eppure a me non è mai capitata una cosa del genere anche se ho vissuto con tante ragazze durante gli anni dell'università e anche dopo. Gente sporca, lurida e rumorosa tanta, ma gli amplessi sempre in camera!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me era capitato di tutto negli anni universitari, ma una roba del genere, appunto, mai!

      Elimina
  6. Ahahahahaha ma nooooooooo. Che vergogna.
    Non si è scusata la zozza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente no... per qualche giorno è proprio sparita!

      Elimina
  7. Oddio ma veramente??? Madonna quanto ho riso....io sarei sprofondata al posto loro..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto vero, giuro.
      Ho aspettato a raccontare perché sai mai mi leggevano e poi me li trovavo di fronte :P
      Anche io mi sarei vergognata da matti, non parliamo poi di Fidanzato.

      Elimina
  8. Risposte
    1. A ripensarci adesso, in effetti... LOOOOOL!
      Ma lì per lì, volevo morire!

      Elimina
  9. Ahahahah!!! Vergogna tremenda!
    Certo che certa gente non ha proprio il senso del pudore e del rispetto verso gli altri, che schifo.

    RispondiElimina
  10. Non ci posso credere!!! Eppure sai.. non è la prima volta che sento storie di questo tipo! Una mia amica mi ha raccontato di una sua ex coinquilina che dava spettacolo sulla finestra di camera sua che non si affacciava in strada, bensì nel cortile del palazzo! w la privacy! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse va di moda farsi guardare? Non mi stupirei XD

      Elimina