mercoledì 20 maggio 2015

Effetto Farfalla: spoilerare che passione!!

[Attenzione: questo post può contenere degli spoiler. Non leggetelo se non avete ancora letto il libro Effetto Farfalla di Vanessa Ferrari]

19 Ottobre 2006.
Comincia con il racconto di cosa accadde quel giorno, il libro di Vanessa.
E' una data che io -e non credo di essere l'unica- ho ben impressa nella mia mente.
La prima volta non si scorda mai: il 19 Ottobre 2006 è il giorno in cui, per la prima volta nella storia, una ginnasta italiana salì sul tetto del mondo. Ad oggi, quella prima volta è anche rimasta l'unica.
Vanessa aveva quindici anni ed era una ragazzina.
A quindici anni siamo tutti dei ragazzini, abbiamo voglia di divertirci, di uscire con le amiche, di fare qualche cavolata, di innamorarci, di piangere per il primo amore. Ma non per tutti è così: c'è chi a quindici anni diventa campione del mondo.
E non sempre è facile: perchè se sei un campione, nessuno accetterà mai che un giorno potresti non esserlo più, anche solo temporaneamente.
La mia copia di Effetto Farfalla
Lo ammetto: ci sono delle cose, in questo libro, che mi hanno colpito particolarmente.
La gestione della dieta di queste piccole atlete è quella che mi ha colpito di più: Io ero piccola, non mangiavo granchè già di mio, però ricordo di aver sofferto la fame. Così dice Vanessa
Io comprendo che la forma fisica sia importante -so che non ci crederete mai, ma ebbene si, anche io ho fatto sport e lo so bene- ma affamare delle ragazzine mi pare troppo.
Io avrei girati i tacchi e me ne sarei andata:”Ciao, vado a prendermi un gelato con tripla panna, è stato bello”. Vanessa ha resistito. Credo che si possa resistere a tutto, ma non alla fame.
In fondo, bisogna essere campioni anche in quello, bisogna avere una forza di volontà enorme. ENORME.
E difatti, puntuali come un orologio svizzero, sono arrivati i problemi alimentari.
E' la parte del libro che mi ha colpito di più. C'è stato un periodo in cui Vany era visibilmente fuori forma. Io non sono un genio, ma si vedeva. Se però mi avessero chiesto (che poi, chissà perchè avrebbero dovuto chiederlo proprio a me?) che parte della causa erano dei problemi alimentari, non lo avrei mai detto.
Era il periodo dei problemi fisici, quello in cui Vanessa la davano per finita.
I problemi fisici in effetti c'erano, ma c'erano anche questi disordini alimentari. C'è voluto parecchio tempo per risolverli.
Sapete, a me leggere questa cosa mi ha un po' turbata: le pesate collettive, le perquisizioni in camera per vedere se c'era del cibo che non doveva esserci non sono una cosa che fa bene a delle ragazzine, secondo me.
Tutto questo mi fa pensare a quanto deve essere difficile la vita di un campione, soprattutto in uno sport dove se non vinci nessuno parla di te.
Ti puoi allenare ore e ore, fare mille sacrifici, ma a nessuno interesserà davvero di te come persona.
Si interesseranno a te esclusivamente come atleta se vinci, se no ciao. Nessuno ti considera.
La fortuna di Vanessa è che lei voleva vincere. E sapeva di poterlo fare.
Arrogante dirà qualcuno. Mentalità vincente dico io.
Perchè puoi avere un talento naturale, ma se non hai voglia di vincere, non vinci.
Se non hai voglia di fare le cose in grande, stai pur certo che non le farai.
Avevo fatto tutti quei sacrifici? Dopotutto valevano la pena se il risultato era così clamoroso.
E' vero, valevano la pena.
Io sono sicura che diventerò fortissima.
E infatti, Vanessa, lo sei diventata. Anzi, diciamo pure che lo sei ancora.
Non protestai, non dissi nulla. Obbedii e basta.
Obbedire. A 15 anni vuoi fare tutto tranne che obbedire, vuoi ribellarti, vuoi mandare tutti a quel paese.
Non se sei una ginnasta fortissima, a quanto pare.
E io il motivo lo capisco, ma non lo condivido.
Forse sarebbe stato diverso se a queste ragazzine fosse lasciata un po' più di libertà. Poca, eh. Quel poco che basta per farle sentire delle ragazzine come (quasi) tutte le altre.
Col senno di poi ovviamente non si va da nessuna parte, ma mai dire mai.
Vincere un Mondiale per me significa essere una star.
Per qualcun altro significa non poter mangiare una torta con la panna e sentirsi a disagio quando ti fermano per strada per chiederti un autografo.
Io sta storia degli autografi non l'ho mai capita: cosa ve ne fate degli autografi?
Io incontro un campione, di qualsiasi disciplina, mentre passeggia per le vie di Milano e gli chiedo l'autografo. Perchè? Tanto lui non si ricorderà comunque di me e, a meno che non ho intenzione tra vent'anni di rivendermi l'autografo che magari nel frattempo vale pure qualcosa, del suo autografo di fatto non me ne faccio nulla.
A parte averlo molestato mentre magari stava discutendo con il fidanzato o con la mamma o con il fratello. O mentre stava facendo shopping e, si sa, lo shopping non va disturbato e interrotto per nessun motivo il modo.
Il libro racconta anche dell'Olimpiade di Pechino, una spedizione disastrosa per la ginnastica artistica femminile. Col senno di poi, non sarebbe potuta andare diversamente.
Vanessa aveva avuto dei problemi fisici ed era fuori forma. Non era l'unica in squadra ad essere fuori forma, ma su di lei le aspettative erano molto alte.
Comprensibile che fosse così: e quando ci ricapita una ginnasta così forte?
Troppa pressione addosso a questa piccola ginnasta ed è da lì che i problemi alimentari vengono fuori in modo dirompente. Oltre ai problemi fisici ovviamente.
Forse, in quel periodo, Vanessa andava preservata un po' di più, forse andava capita.
Ma quello che vale più di tutto è che alla fine, Vanessa è tornata a splendere.
I problemi alimentari sono stati risolti -non in un giorno, non senza l'aiuto di qualcuno di competente, ma comunque risolti. Ed è tornata a vincere.
Forse non quanto vinceva a 15 anni, ma ho come l'impressione che queste medaglie conquistate da donna abbiano un enorme valore, significano qualcosa tipo “Ehi, voi, finita a chi? Provate a dirlo ancora!”
A me questo libro fa pensare a una Vanessa consapevole delle sue capacità -passate, presenti e future- che si è rotta le scatole di passare per arrogante solo perchè sa di vincere perchè è capace di farlo.
E comunque, Mondiale o no, nemmeno io avrei dato il numero di telefono a Mario Balotelli.
Resta un ultima cosa da fare prima dell'inizio di una vita nuova per Vanessa: Rio de Janeiro.
Ce la farà? Io dico di si.

Il libro comunque a me è piaciuto. E' una biografia e come tale va presa. 
Sicuramente dentro non c'è tutto quello che è successo nella vita di Vanessa, ma c'è quel tanto che basta per fare vedere cosa c'è dietro, a volte, la vita di uno sportivo vincente.

2 commenti:

  1. Oggi non posso non commentare :) e lo faccio qui, non su fb.
    La mia migliore amica ai tempi del liceo era campionessa italiana di ritmica. Ricordo i suoi racconti sulle cene a base di yogurt e cetriolo, e le ore a sfinirsi in palestra. Ne ho parlato qui
    http://erolucy.com/2012/07/31/perche-difendo-la-fede/
    e il caso ha voluto che questo post contenesse un episodio legato alla gita in montagna di cui ho parlato oggi. Grazie per questo bel post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È assurdo che si metta così a rischio la salute delle ragazze,rischiando di portarle verso l' anoressia o la bulimia,a seconda dei casi... Pare cmq che la situazione sia migliorata.. Spero davvero sia così!!

      Intanto corro a leggere il tuo post...ma come si chiama la tua amica? Sicuramente avrò quanto meno sentito il nome anche se è ritmica e non artistica...

      Elimina